• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Resto del mondo > A lezione dallo Shakhtar Donetsk: le tecniche innovative di scouting

A lezione dallo Shakhtar Donetsk: le tecniche innovative di scouting

L'interessante esperienza del club ucraino illustrata durante il 'Torneo Internazionale di Roma Est'


I partecipanti del Torneo
Eleonora Trotta (Twitter: @elenora_trotta)

22/06/2014 20:41

CORSO SCOUTING TORNEO ROMA EST / ROMA - A lezione dallo Shakhtar Donetsk. Il 'Torneo Internazionale di Roma Est' che si è concluso oggi con la vittoria della Juve, ha dato la possibilità agli aspiranti osservatori di apprendere anche le tecniche internazionali maggiormente innovative di scouting.  E una delle lezioni più interessanti del corso organizzato da Techsport.it nell'ambito della manifestazione sportiva, è stata sulla moderna metodologia dell'accademia della società ucraina. Il responsabile Oleksandr Funderat e il suo assistente Alexandr Alekseev hanno spiegato, alla curiosa ed attenta platea, come dai pulcini ai più grandi, viene trasmesso sempre lo stesso sistema di gioco seguito in prima squadra. Quel 4-3-3 di Mircea Lucescu imitato e perfezionato dai giovani di 12 anni ma anche da quelli di 16 e 18, selezionati, cresciuti e formati per consegnare alla prima squadra dei campioncini di casa.

Tra le novità della gestione ucraina, c'è un altro forte segnale di continuità. Gli allenatori non sono contrattualizzati per una, due o tre stagioni come avviene in Italia: a Donetsk il responsabile dell'accademia è assunto, infatti, in modo esclusivo da ben 15 stagioni.

La preparazione dei giovani calciatori è poi a 360°. L'accademia dello Shakhatar Donetsk si divide tra i banchi di scuola e il campo mentre il tempo libero è spesso organizzato per favorire delle attività ludiche di gruppo, nell'ottica di un rafforzamento dello spirito di squadra. "Per noi è importante la preparazione universale dei nostri atleti. Un calciatore intelligente è di riflesso anche più bravo quando gioca", il pensiero del numero uno dell'accademia dello Shakhtar che, durante il suo panel, ha lanciato diversi spunti di dibattito per gli addetti ai lavori presenti come l'agente Fifa Nicola Giuliani e il responsabile del settore giovanile dell'Udinese, Angelo Trevisan. Un piacevole confronto di respiro internazionale sulle diverse tecniche di scouting, mediato proprio da Calciomercato.it, partner del Torneo.




Commenta con Facebook