• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Franco Ceravolo su Giovinco-Immobile, Diamanti e Capello

Franco Ceravolo su Giovinco-Immobile, Diamanti e Capello

L'ex dirigente dei bianconeri oggi al Guangzhou con Marcello Lippi, in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.it


Sebastian Giovinco(Getty Images)
Giorgio Elia

22/04/2014 15:05

MERCATO JUVENTUS ESCLUSIVO FRANCO CERVAOLO / TORINO - "Giovinco ha avvertito le classiche difficoltà di chi viene chiamato ad essere profeta in patria, il che lo ha portato solo in parte ad esprimere tutto il suo potenziale con la maglia della Juventus. Lui è un uomo di Conte, un giocatore che piace molto al tecnico bianconero e credo che difficilmente voglia privarsene, perciò credo che possa esser difficile una trattativa con il Torino per lo scambio con Immobile". Analisi chiara sul possibile futuro di Sebastian Giovinco da parte di Franco Ceravolo, tra i primi ad aver carpito il valore della punta della Juventus. L'attuale uomo di mercato del Guangzhou guidato da Marcello Lippi con un passato da responsabile dell'area tecnica dei bianconeri oltre che del Queens Park Rangers e del Livorno tra le altre, ai microfoni di Calciomercato.it tocca diversi temi dal campionato italiano ai prossimi Mondiali in Brasile

Direttore, la Juventus ormai è a un passo dal terzo scudetto di fila
"Manca soltanto la certezza aritmetica, ma senza dubbio la Juventus ha in mano la vittoria del titolo. E' incredibile quanto fatto dalla squadra di Conte, per un successo in campionato più che meritato, con risultati importanti centrati anche in ambito europeo. Vanno comunque fatti i complimenti anche alla Roma per il tipo di stagione disputata, con i risultati centrati figli di un grande lavoro di equipe e di programmazione societaria".

Risultati frutto anche del grande lavoro dei suoi allenatori: Conte e Garcia                                
"Conosco Antonio per i miei trascorsi alla Juventus e mi lega a lui un grande rapporto di amicizia. Da calciatore è stato sempre il classico allenatore in campo e i risultati da lui ottenuti sono il frutto del grande lavoro fatto e dell'applicazione nella sua nuova avventura professionale dopo l'addio al calcio giocato. Credo che Conte possa essere inserito nella lista dei migliori allenatori nel panorama calcistico mondiale. Garcia non mi ha sorpreso perché lo avevo seguito al Lille e avevo avuto modo di apprezzarne già in Francia il suo lavoro. E' stata brava la Roma e soprattutto il diretto Sabatini nel portare in Italia un tecnico così preparato e determinato, in possesso di uno spirito vincente".

Il Mondiale si avvicina. Come si prepara Diamanti in Cina?                                                                                       "Diamanti è un grande professionista che cura ogni genere di particolare e che non lascia nulla al caso. Ha uno spirito vincente e non vorrebbe mai lasciare nulla ai suoi avversari, un aspetto che si porta dietro persino nelle partitelle in allenamento. Sta lavorando bene in Cina, è in perfetta condizione e ha una grande voglia di partecipare al Mondiale. Considerate le sue caratteristiche e le sue qualità, credo possa rappresentare un valore aggiunto per la formazione di Prandelli".

Capello ha annunciato il suo ritiro al termine del rapporto lavorativo con la Russia nel 2018                           "Nella mia carriera posso dire di aver lavorato con i più grandi allenatori del panorama calcistico Mondiale. Tra questi anche Fabio Capello, un tecnico al quale sono legato da profonda stima. La scelta di dire addio al calcio al termine del suo contratto con la Russia sarà sicuramente stata ponderata dal tecnico ed è assolutamente rispettabile per un professionista del suo calibro. Come detto ritengo Capello tra i migliori allenatori con i quali ho avuto il piacere di confrontarmi nella mia carriera da dirigente".




Commenta con Facebook