• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: imprendibile Keita, Emanuelson impresentabile

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: imprendibile Keita, Emanuelson impresentabile

Top e Flop della 28a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Keita Baldé Diao (Getty Images)
Emiliano Forte

17/03/2014 08:53

PAGELLONE KEITA EMANUELSON / MILANO – In attesa di Torino-Napoli e Roma-Udinese, che andranno a completare il quadro della 28a giornata, a fare notizia è stata innanzitutto la sconfitta del Milan a 'San Siro' per mano di un Parma trascinato da un grande Cassano. Tra le fila rossonere hanno deluso in molti ma le prove di Kakà ed Emanuelson sono risultate particolarmente negative. Pomeriggio da incorniciare, invece, per l'Atalanta, che guadagna punti tranquillità contro la Sampdoria grazie all'ottima vena del bomber Denis e del centrocampista cileno Carmona. É Jonathan, invece, il grande protagonista di Verona-Inter con un assist al bacio per Palacio e con la rete che fissa il risultato sul 2-0 finale. Ritrova punti e serenità la Lazio nella trasferta di Cagliari in cui il giovane Keita ha dettato legge in lungo e in largo mettendo in mostra tutto il suo talento. 

 

TOP

 

5.Jonathan (Inter) – Le incertezze delle annate passate sebrano ormai un lontano ricordo. L'esterno brasiliano naturalizzato italiano è sempre più consapevole delle proprie capacità e sta conquistando la fiducia e la stima dell'ambiente nerazzuro con prestazioni più che convincenti. É lui l'uomo copertina dell'ottima vittoria in casa del Verona; prima regala a Palacio l'assist dell'1-0 dopo una spettacolare serie di finte poi chiude i conti al termine di un'azione personale. Galvanizzato. VOTO 7

4.Cassano (Parma) – Con le sue giocate semina il panico in una difesa rossonera tutt'altro che impenetrabile. Lo show del fantasista di Bari Vecchia si apre con un perfetto lancio per Schelotto sul quale Abbiati esce a valanga commettendo fallo da rigore e beccandosi il rosso diretto. E' lo stesso Cassano che trasforma il penalty senza esitare. Nella ripresa il Parma si affida ancora al suo talento e arriva puntuale il raddoppio con una conclusione di destro che l'ex rossonero spedisce a fil di palo alla destra di Amelia. Prestigiatore. VOTO 7

3.Denis (Atalanta) – Il suo lavoro là davanti è sempre determinante per il gioco di Colantuono. Nel primo tempo confeziona l'assist che vale lo splendido 1-0 di Carmona mentre nella ripresa ci pensa in prima persona a firmare il definitivo 3-0. Grinta da vendere. VOTO 7,5

2.Carmona (Atalanta) – Delizia il pubblico di fede nerazzurra, e non solo, con una gara praticamente perfetta. Grande presenza in mezzo al campo dove non sbaglia una giocata che sia una. La sua gara diventa superlativa a partire dal 36esimo minuto quando sblocca il rusultato con un destro al volo di rara bellezza e precisione. Sopraffino. VOTO 7,5

1.Keita (Lazio) – Spina nel fianco per gli avversari dal primo all'ultimo minuto di gioco. La sua gara fatta di scatti, finte e dribbling palla al piede non conosce pause e quando mancano una ventina di minuti al 90° mette la parola fine all'incontro siglando il raddoppio biancoceleste. Pericolo costante. VOTO 7,5

 

FLOP

 

5.Albertazzi (Verona) – Ha la sfortuna di dover fronteggiare un Jonathan versione fenomeno che gli regala una serata da incubo. Quasi mai all'altezza della situazione si smarrisce senza più ritrovarsi. Surclassato. VOTO 5

4.Kakà (Milan) – Gli manca il guizzo, la giocata in grado di cambiare il volto ad una sfida iniziata male e finita peggio per il suo Milan. Impotente. VOTO 4,5

3.Krsticic (Sampdoria) – Praticamente nullo in fase di impostazione si fa notare solo quando, in piena area blucerchiata buca un pallone che Denis trasforma nel 3-0 finale. Annientato. VOTO 4,5

2.Palombo (Sampdoria) – Messo alle corde dal duo Carmona-Cigarini non riesce a fare filtro in modo tale da proteggere i suoi difensori dalle sortite offensive atalantine. Rimane a guardare sugli spunti di Carmona e Bonaventura che condannano alla resa i suoi già dopo i primi 45 minuti. Impietrito. VOTO 4,5

1.Emanuelson (Milan) – Schelotto dalle sue parti fa il bello ed il cattivo tempo. In confusione totale quando si tratta di contrastare le trame offensive degli uomini di Donadoni costringe Seedorf al cambio nei minuti iniziali della ripresa. Assente ingiustificato. VOTO 4




Commenta con Facebook