• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > VIDEO - Speciale 'Road to Brasil': la 'Mano de Dios' conquista Messico '86

VIDEO - Speciale 'Road to Brasil': la 'Mano de Dios' conquista Messico '86

Rubrica di Calciomercato.it che ripercorre la storia dei Mondiali di calcio dal debutto del 1930 in Uruguay fino alla vittoria spagnola del 2010


1 di 3
La 'Mano de Dios' (Getty Images)
Argentina campione (Getty Images)
Alemao e Platini (Getty Images)
Jonathan Terreni

11/03/2014 20:01

VIDEO SPECIALE ROAD TO BRASIL / ROMA - 'Road to Brasil' è la rubrica di Calciomercato.it che vi accompagnerà in attesa del prossimo Mondiale carioca, ripercorrendo la storia della massima competizione a livello di Nazionali dal suo debutto nel 1930 fino alla vittoria della Spagna nell'edizione 2010. Partite, eventi, classifiche, e curiosità analizzate al dettaglio in ogni numero in uscita il martedì. In questo capitolo ilmondiale messicano del 1986.

MARADONA IN CAPO AL MONDO - Messico 1986 verrà ricordato soprattutto per essere stato il Mondiale di Diego Armando Maradona, nel bene e nel male. Nei quarti contro l'Inghilterra prima il gol di mano, la famosa 'Mano de Dios', poi la rete con serpentina che ha fatto storia ed è ancora oggi considerato da molti il più bel gol della storia del calcio. E pensare che la competizione, che si disputò tra il 31 maggio e il 29 giugno 1986, rischiò anche di saltare per i terremoti che sconvolsero il paese un anno prima provocando più di 10.000 vittime. Nella fase a gironi la sorpresa fu il Marocco, prima squadra africana a superare il primo turno del mondiale, vincendo il Gruppo F davanti ad Inghilterra Polonia. Per l'Italia fu questo il Mondiale che segnò un cambiamento. Finì infatti l'era Bearzot e iniziò quella Vicini dopo che Il 17 giugno, a Città delMessico, gli azzurri campioni del mondo uscenti, dopo aver superato a fatica il primo turno furono eliminati dalla Francia con le reti di Platini Stopyra. La stessa Francia ebbe poi la meglio sul Brasile nei quarti ai calci di rigore. La Germania Ovest non tradì neanche l'appuntamento messicano, trascinata da Voeller eRummenigge, con Frank Beckenbauer in panchina. Nelle semifinali Francia e Germania Ovest si ritrovarono di fronte dopo la semifinale di quattro anni prima con i tedeschi che anche stavolta si imposero: 2-0 con reti diBrehme e Voeller che regalarono la seconda finale consecutiva. Nell'altra semifinale l'Argentina tutta fantasia eliminò il Belgio con doppietta di Maradona. Nella finalissima di Città del Messico, dopo i gol di Brown eValdano, la Germania Ovest reagì pareggiando con Rummenigge e Völler a dieci dal termine. Tre minuti dopo una straordinaria azione di Burruchaga archiviò il 3-2 finale. L'Argentina vinse così la seconda Coppa del Mondo dopo quella casalinga del 1978Il 'Pibe de Oro' venne eletto miglior giocatore, senza discussione.

IL TORNEO -  24 squadre partecipanti. Si torna all'antico sistema di eliminazione diretta con l'aggiunta degliottavi di finale, vista la più ampia partecipazione. Accedevano agli ottavi le prime due di ogni girone, più le quattro migliori terze.

GRUPPO A: ARGENTINA 5, ITALIA 4, BULGARIA 2, Corea del Sud 1 (Bul-Ita 1-1; Arg-Cor 3-1; Ita-Arg 1-1; Cor-Bul 1-1; Cor-Ita 2-3; Arg-Bul 2-0)

GRUPPO B: MESSICO 5, PARAGUAY 4, BELGIO 3, Iraq 0 (Bel-Mes 1-2; Par-Ira 1-0; Mes-Par 1-1; Ira-Bel 1-2; Par-Bel 2-2; Ira-Mes 0-1)

GRUPPO C: URSS 5, FRANCIA 5, Ungheria 2, Canada 0 (Can-Fra 0-1; Urs-Ung 6-0; Fra-Urs 1-1; Ung-Can 2-0; Ung-Fra 0-3; Urs-Can 2-0)

GRUPPO D: BRASILE 6, SPAGNA 4, Irlanda del Nord 1, Algeria 1 (Spa-Bra 0-1; Alg-Irl 1-1; Bra-Alg 1-0; Irl-Spa 1-2; Irl-Bra 0-3; Alg-Spa 0-3)

GRUPPO E: DANIMARCA 6, GERMANIA OVEST 3, Uruguay 2, Scozia 1 (Uru-Ger 1-1; Sco-Dan 0-1; Ger-Sco 2-1; Dan-Uru 6-1; Dan-Ger 2-0; Sco-Uru 0-0)

GRUPPO F: MAROCCO 4, INGHILTERRA 3, POLONIA 3, Portogallo 2 (Mar-Pol 0-0; Por-Ing 1-0; Ing-Mar 0-0; Pol-Por 1-0; Ing-Pol 3-0; Por-Mar 1-3)

OTTAVI DI FINALEMESSICO-Bulgaria 2-0; Urss-BELGIO 3-4 dts; BRASILE-Polonia 4-0; ARGENTINA-Uruguay 1-0; Italia-FRANCIA 0-2; Marocco-GERMANIA OVEST 0-1; INGHILTERRA-Paraguay 3-0; Danimarca-SPAGNA 1-5

QUARTI DI FINALE: Brasile-FRANCIA 3-4 dcr; GERMANIA OVEST-Messico 4-1 dcr; ARGENTINA-Inghilterra 2-1; Spagna-BELGIO 4-5 dcr 

SEMIFINALI: Francia-GERMANIA OVEST 0-2; ARGENTINA-Belgio 2-0

FINALE TERZO POSTO: Belgio-FRANCIA 2-4 (11' Cuelemans, 27' Ferreri, 43' Papin, 73' Claesen, 104' Genghini, 111' Amoros rig.)

FINALE:

ARGENTINA-GERMANIA OVEST 3-2 (23' Brown, 55' Valdano, 74' Rummenigge, 80' Voeller, 83' Burruchaga)

ARGENTINA (3-5-2): Pumpido; Brown, Cuciuffo, Ruggeri; Batista, Giusti, Burruchaga (90' Trobbiani), Enrique, Olarticoechea; Maradona, Valdano. All.: Bilardo.

GERMANIA OVEST (5-3-2): Schumacher; Forster, Briegel, Berthold, Eder, Brehme; Jakobs, Matthaus, Allofs (45' Voeller); Magath (62' Hoenes), Rummenigge. All.: Beckenbauer.

Arbitro: Filho (Bra)

 

I 22 AZZURRI - Galli, Bergomi, Cabrini, Collovati, Nela, Scirea, Tricella, Vierchowod, Ancelotti, Bagni, Beresi, Tancredi, De Napoli, Di Gennaro, Altobelli, Galderisi, Rossi, Tardelli, Conti, Vialli, Serena, Zenga. All.: Bearzot

CLASSIFICA MARCATORI - 6 reti LINEKER (Ing); 5 Maradona (Arg), Careca (Bra), Butragueno (Spa); 4 Valdano (Arg), Larsen (Dan), Belanov (Urs), Altobelli (Ita); 3 Cuelemans (Bel), Claesen (Bel), Olsen (Dan), Voeller (Ger)

CURIOSITA' - La sede della competizione venne in principio assegnata alla Colombia, ma il Paese non poté rispettare i requisiti della FIFAAltobelli segnò, al 43' del primo tempo, la prima rete del torneo nella gara inaugurale Italia-Bulgaria del 31 maggio. Il Brasile uscì ai quarti subendo una sola rete, proprio quella diPlatini contro la Francia che pareggiò il gol di Careca, con i transalpini che la spuntarono poi ai rigori. Il pallone ufficiale fu l''Adidas Azteca Mexico', il primo fatto con materiali in parte sintetici. I quarti traArgentina ed Inghilterra era ampliato dal contenzioso fra i due paesi circa le isole Falkland, territorialmente vicine all'Argentina ma politicamente appartenenti agli inglesi.

VIDEO - La finale di Messico '86 Argentina-Germania Ovest

 

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SUL MONDIALE 1982

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SUL MONDIALE 1978

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SUL MONDIALE 1974

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SUL MONDIALE 1970

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SUL MONDIALE 1966

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SUL MONDIALE 1962

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SUL MONDIALE 1958

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SUL MONDIALE 1954

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SUL MONDIALE 1950

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SUL MONDIALE 1938

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SUL MONDIALE 1934

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SUL MONDIALE 1930



)

Commenta con Facebook