• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-SAMPDORIA

PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-SAMPDORIA

Vidal e Gabbiadini da Oscar, Regini da Razzie Awards


Arturo Vidal (Getty Images)
Antonio Russo

19/01/2014 00:36

PAGELLE E TABELLINO JUVENTUS-SAMPDORIA / TORINO – Conte afferra la dodicesima vittoria e inizia già ad accarezzare nuovi record da conquistare grazie ad uno straordinario Arturo Vidal. Bella partita quella andata in scena allo Juventus Stadium tra due squadre che non si sono mai risparmiate. Un plauso anche alla Sampdoria che a tratti ha dato l’impressione di poter mettere in seria difficoltà i bianconeri mettendo in vetrina uno straripante Gabbiadini.  

 

JUVENTUS

Buffon 7 – Fondamentale e straordinario. Nella prima frazione di gioco con una parata alla Garella blocca il risultato sul 2-0, non può nulla invece sulla deviazione di Barzagli che lo mette fuori causa. Poco aiutato dalla propria difesa sui calci d’angolo deve sfoderare in serie due grandissime parate ma su una di queste come un falco si fionda Gabbiadini che realizza la rete del 3-2.

Barzagli 6 – Non certo perfetto in occasione dell’autogoal quando si lancia in una sciagurata scivolata a pochi metri da Buffon. Il difensore della nazionale però ha grande personalità e si riprende abbastanza bene dal piccolo 'infortunio'.

Ogbonna  6,5 – Conte gli affida compiti di regia arretrata in assenza di Bonucci. Si disimpegna molto bene nel ruolo e inizia a riscattare un inizio di stagione che era stato decisamente deludente.

Chiellini 5,5 – Molto nervoso si misura poco nelle entrate e già ammonito sbraccia un po’ troppo nei suoi interventi aerei rischiando l’espulsione. Sui calci d’angolo si perde spesso l’uomo che deve marcare e va in difficoltà su Gabbiadini.

Lichtsteiner 6 – Corre come un matto su quella fascia, spinge indubbiamente meno di Asamoah ma quelle poche volte che scende sull’out di competenza fa male. In fase di contenimento riesce a difendere con diligenza.

Pogba 6,5 – A tratti sonnecchia per poi improvvisamente svegliarsi e accendere la serata. La sua partita complessivamente non è nulla di trascendentale ma nei suoi momenti di lucidità offre un assist straordinario a Vidal e infine realizza la rete del 4-2 con la solita bomba da fuori area.

Marchisio 6,5 – Dopo un inizio di stagione a singhiozzo, complice l’infortunio e l’exploit di Pogba, il centrocampista della nazionale sembra essersi finalmente rigenerato. In assenza di Pirlo si divide con gli altri due compagni di centrocampo i compiti di regia della Juve con ottimi riscontri.

Vidal 8 – Il motorino perpetuo del centrocampo bianconero anima la serata con un delizioso tocco d’esterno sull’uscita di Da Costa e regala il vantaggio alla Juve. Il cileno pressa tutto e tutti. Sul crepuscolo della prima frazione di gioco si guadagna e realizza magistralmente un rigore, riportando la Juve a distanza di sicurezza.

Asamoah 6,5 – Gran partita dell’esterno ghanese che spinge con solerzia mettendo in apprensione l’intera retroguardia blucerchiata. In fase difensiva nonostante i noti limiti riesce comunque a disimpegnarsi abbastanza bene. Dal 80’ Peluso s.v. -

Llorente 6Come sempre fa tante sponde e si concede al lavoro sporco, quando gli arriva la palla giusta da calcio d’angolo con la solita zuccata la mette dentro. Nel secondo tempo solo davanti da Da Costa si divora clamorosamente un goal sparando fuori. Dal 86’  Quagliarella s.v. -

Tevez 6 – Non brillantissimo come al solito ha poche occasioni per mettersi in mostra, nonostante ciò il suo apporto alla squadra è sempre fondamentale. Corre tanto e generosamente arretra nei momenti difficili per dare una mano alla difesa. Dal 86’ Giovinco s.v.

All. Conte 7 – La Juventus continua ad inanellare record, e grandi meriti devono essere concessi al suo allenatore. I bianconeri questa sera non hanno ammazzato il match come in altre occasioni complice una buona Samp. Apprezzabile però la capacità di rispondere colpo su colpo ai blucerchiati allungando ogni qualvolta i ragazzi di Mihajlović tentavano di avvicinarsi.

 

SAMPDORIA

Da Costa 6,5 – Pronti via becca subito incolpevolmente due reti, la Juve è straripante ma lui argina lo strabordio della marea bianconera con una super-parata su Tevez. Non può nulla infine sul rigore di Vidal e sulla bomba di Pogba.

De Silvestri 5,5 – Dalle sue parti c’è un Asamoah eccezionale che lo costringe a giocare bassissimo, lui si rende protagonista di qualche piccola sbavatura. Nel secondo tempo va vicinissimo alla rete su azione da corner ma uno straordinario Buffon gli dice no.

Mustafi 5 – Non ci capisce molto sui due attaccanti bianconeri e si fa spesso trovare fuori posizione, morbido negli interventi lascia spesso Gastaldello da solo contro tutti. Dal 52’ Costa 5,5 – Entra con grande voglia e grinta e si fa sentire sugli attaccanti bianconeri, commette qualche piccolo errore soprattutto in fase d’impostazione.

Gastaldello 5,5 – La serata è di quelle difficili, di fronte c’è il super attacco bianconero, il capitano della Samp però non si fa prendere da isterismi e riesce a tenere abbastanza bene Tevez. Commette qualche piccola sbavatura che gli pregiudica la sufficienza.

Regini 4,5 – Semplicemente disastroso. In occasione della prima marcatura bianconera è lui a tenere in gioco Vidal e a non seguirne il taglio. Completa il suo personale film horror con il fallo da rigore ai danni del centrocampista cileno.

Palombo 5,5 – Giocatore di grande carattere, con personalità si va a prendere la palla nella propria trequarti. Purtroppo per lui spesso si addormenta con la sfera tra i piedi e perde tanti palloni sanguinosi, cresce nel secondo tempo ma la sua prestazione resta insufficiente.

Obiang 6,5 – Buona la partita del centrocampista spagnolo che si fa trovare sempre pronto per dialogare con i compagni tra le linee. Spesso avanza il proprio raggio d’azione per dare un valido appoggio agli attaccanti blucerchiati.

Gabbiadini 7 – Il ragazzo cerca di impressionare Conte in vista del suo futuro con la casacca bianconera, e probabilmente ci riesce. Corre tanto e svaria su tutto il fronte d’attacco diventando una vera spina nel fianco juventino. In una delle sue pericolosissime incursioni si fa atterrare da Chiellini che viene ammonito. Nel secondo tempo trova la rete che accorcia le distanze tra la sua squadra e la Juve e poco dopo sfiora la doppietta con un tiro da fuori area fantastico.

Bjarnason 5,5 – Lento e impacciato spesso si addormenta col pallone tra i piedi favorendo il recupero dei bianconeri. Dei tre trequartisti è sicuramente il peggiore. Dal 45’ Renan 5,5 – Cerca di dare verve alla manovra ma col passare dei minuti cala moltissimo e viene narcotizzato dai difensori juventini.

Wszolek 5,5 – Inizia bene la gara accendendo la miccia in diverse azioni offensive per i doriani, purtroppo per lui lentamente va spegnendosi diventando quasi un giocatore in meno per Mihajlović. Dal 70’ Sansone G. 5 – Entra con grande voglia (forse solo quella) ma non riesce ad incidere minimamente sul match.

Eder 6 – L’attaccante brasiliano indubbiamente soffre la fisicità dei difensori di Conte ma quando riesce finalmente a mettere la palla a terra dialoga perfettamente con i compagni. Fa il massimo ma probabilmente la Samp avrebbe bisogno di una “vera” prima punta.

All. Mihajlović 6 – Grandissimo il lavoro dell’allenatore Serbo che ha perfettamente rigenerato i blucerchiati. La Samp questa sera, a differenza dei tanti club che in queste giornate hanno lasciato i tre punti ai bianconeri può uscire dallo Juventus Stadium a testa alta. I doriani infatti hanno messo in seria apprensione i bianconeri con continui cambi di campo e un pressing asfissiante.

 

Arbitro Gervasoni 6,5 – Non commette particolari errori, giusto il penalty concesso a Vidal, bravo anche il guardalinee che giustamente non chiama il fuorigioco in occasione della prima rete del cileno (tenuto in gioco da Regini). Direzione con pochi isterismi e tanta razionalità. Promosso a pieni voti.

 

TABELLINO

JUVENTUS-SAMPDORIA 4-2

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Barzagli, Ogbonna, Chiellini; Lichtsteiner, Pogba, Marchisio, Vidal, Asamoah(80’ Peluso); Llorente(86’ Quagliarella), Tevez(86’ Giovinco). All. Conte.

SAMPDORIA (4-2-3-1): Da Costa; De Silvestri, Mustafi(52’ Costa), Gastaldello, Regini; Palombo, Obiang; Gabbiadini, Bjarnason(45’ Renan), Wszolek(70’ Sansone G.); Eder. All. Mihajlović.

Arbitro: Andrea Gervasoni

Marcatori: 18’ Vidal (J), 24’ Llorente (J), 38’ aut. Barzagli (J), 41’ Vidal (J), 69’ Gabbiadini (S), 78’ Pogba (J)

Ammoniti: Chiellini (J), Regini (S), Wszolek (S), Gastaldello (S)




Commenta con Facebook