• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI UDINESE-VERONA

PAGELLE E TABELLINO DI UDINESE-VERONA

Un Toni in formato Mondiale permette al Verona di sbancare il Friuli ed affossare l'Udinese


Luca Toni (Getty Images)
Valerio Pantone

06/01/2014 18:33

PAGELLE E TABELLINO UDINESE-HELLAS VERONA/ UDINE – Il Verona sbanca anche il Friuli di Udine e vola momentaneamente al quinto posto in classifica. Guidata da un Luca Toni in versione Mondiale, la squadra di Mandorlini indirizza la gara già nel primo tempo con una doppietta dell’ex centravanti viola, senza il dubbio il migliore in campo, nonostante il momentaneo 2-1 realizzato da Pereyra, uno dei pochi a strappare la sufficienza in casa friulana insieme a Domizzi, Maicosuel e Fernandes. Nella ripresa, poi, un’ingenuità di Danilo, disastroso così come Brkic e molti altri, consente al neo entrato Iturbe di chiudere il match sul 3-1 finale.

 

UDINESE

Brkic 4,5 – Grave l’infortunio sul gol di Toni che sconvolge i piani tattici di Guidolin e costringe subito l’Udinese ad una gara tutta in salita. Può fare, invece, ben poco, nelle altre due marcature scaligere.

Heurtaux 5 – Spinge poco e male sull’out di destra, anche per non farsi sorprendere dalla velocità di Martinho.

Danilo 4 – Detto dell’ingenuità di Brkic, un difensore esperto come lui non può concedere tutto quello spazio per calciare a rete a Luca Toni. Distratto e spesso fuori posizione perde quasi tutti i duelli aerei con il centravanti gialloblu in autentica giornata di grazia. Nel secondo tempo, poi, la combina grossa nell’azione che permette ad Iturbe di siglare il 3-1. Disastroso.

Domizzi 6 – Uno dei pochi del reparto arretrato friulano a guadagnarsi la sufficienza, grazie alla personalità con la quale tenta spesso di impostare l’azione dalle retrovie. Dal 56’ Fernandes 6 – Ci mette un po’ ad entrare in partita, anche se in realtà sono sue le opportunità più nitide per riportare la gara in equilibrio.  

Gabriel Silva 5,5 – Controllato molto bene dall’asse destro del Verona Jankovic-Cacciatore, fatica a trovare varchi liberi sulla fascia. 

Allan 5 – Poco intraprendente sul piano del palleggio, poco incisivo nei contrasti. Prestazione incolore anche per il centrocampista brasiliano, sottotono un po’ come tutta l’Udinese.

Lazzari 5 – Troppo lento e prevedibile nel guidare la manovra di gioco della squadra, cerca a volte l’inserimento vincente in area di rigore ma con scarsi risultati. 

Basta 5 – Da un suo errore a metà campo nasce l’azione che porta in vantaggio il Verona. L’esterno serbo prova allora a reagire ma con troppa confusione e poca lucidità.

Pereyra 6 – Praticamente evanescente per quasi tutto il primo tempo, trova la prima vera giocata degna di nota con la girata vincente che riapre la partita prima dell’intervallo. Un guizzo che gli evita un’insufficienza sacrosanta.

Nico Lopez 5 Si muove tanto da sinistra a destra cercando di non dare punti di riferimenti agli avversari. Il lavoro prodotto dall’ex romanista però produce pochissime sortite offensive. Dal 66’ Maicosuel 6 – In pochi minuti combina sicuramente più del suo sostituto. Nonostante il risultato compromesso, il Mago cerca di tenere viva la gara fino al novantesimo. Forse se fosse entrato qualche minuto prima…  

Di Natale 5,5 – Un altro incontro senza gol e il digiuno prosegue. Momento difficile per il Totò Nazionale che ci prova in tutti i modi possibili: un po’ la squadra che non lo sorregge a dovere, un po’ la sfortuna, ma per l’attaccante friulano l’appuntamento con il gol è ancora rinviato. 

All. Guidolin 5 – Terza sconfitta casalinga nelle ultime quattro partite e classifica che torna a farsi preoccupante. La papera iniziale di Brkic avrebbe sconvolto i piani tattici di qualunque allenatore, ma la squadra conferma di faticare troppo quando trova davanti a sé una difesa schierata ed attenta. Prima dell’intervallo si fa espellere per proteste nei confronti del direttore di gara: un nervosismo che dimostra come il momento vissuto dall’Udinese sia sicuramente il più complicato della sua intera gestione.

 

VERONA

Rafael 6,5 – Raramente impegnato seriamente dalla squadra di casa, risulta decisivo nella ripresa respingendo un tiro insidioso di Di Natale sul momentaneo 2-1 per il Verona.

Cacciatore 6 – Resta bloccato sulla linea dei difensori, rispettando probabilmente alla lettera gli ordini di mister Mandorlini. Concreto e con pochi fronzoli, evita di prendersi rischi inutili. 

Moras 7 – Puntuale nelle chiusure difensive, concede pochissimo agli attaccanti friulani che provano ad insidiare la porta di Rafael.

Maietta 7 – Attento e concentrato di fronte ad uno dei bomber italiani più prolifici degli ultimi anni, risolve bene diverse situazioni potenzialmente pericolose.

Agostini 6,5 – Limita al massimo le discese sulla destra di Basta, mostrandosi sicuro e affidabile.

Romulo 7,5 – Come sempre abile a garantire quantità in fase di contenimento, si conferma un’arma micidiale nelle ripartenze grazie alla sua velocità abbinata ad una tecnica sopra la media. La dimostrazione arriva dall’assist meraviglioso per il raddoppio di Toni. 

Jorginho 6 – Un pò in ombra rispetto alle ultime apparizioni, staziona davanti alla difesa lasciando più libertà di inserimento ad Hallfredsson e Romulo. In una partita del genere,  forse, da lui ci saremo aspettati qualcosa in più.

Hallfredsson 6,5 – Conquista in mezzo al campo tanti palloni preziosi che spesso riesce a tramutarli in chiare occasioni da gol. Il centrocampo di Mandorlini non può fare a meno di lui. Dal 81’ Donadel s.v.

Jankovic 6 – Non esaltante dal punto di vista tecnico, si limita a contenere con la sua esperienza le folate di Gabriel Silva. Dal 62’ Iturbe 6,5 – Gli bastano appena otto minuti per approfittare dell’erroraccio di Danilo e scrivere la parola fine all’incontro. Determinante.

Toni 8 – Inizia nel migliore dei modi il 2014 calcistico dell’ex campione del Mondo. Alla prima occasione sorprende un incerto Bkric con un destro non irresistibile. Poco dopo, prima dell’intervallo, firma la doppietta coronando al meglio una splendida azione corale. Fondamentale anche nel far salire la squadra nei momenti più difficili, sfiora ripetutamente la rete della possibile tripletta: al Verona, però, va più che bene così. 

Martinho 6 – La sua velocità mette spesso in apprensione la difesa friulana. Si fa apprezzare soprattutto per il suo lavoro in fase di ripiegamento. Dal 62’ Gomez 6 – Poco servito dai compagni di squadra, si fa vedere poco dalle parti di Brkic per non lasciare scoperta la corsia sinistra del Verona. 

All. Mandorlini 7 – Il Friuli non è più quel campo inespugnabile di qualche mese fa, ma vincere con la facilità e personalità con le quali ci è riuscita oggi il Verona, non è sicuramente impresa da poco per una squadra neopromossa. La squadra gioca bene e comincia a fare passi in avanti importanti anche in fase difensiva: la qualificazione alla prossima Europa League, a questo punto, non più così un miraggio. 

 

Arbitro Cervellera 6,5 – Direzione arbitrale positiva quella del fischietto di Taranto. Resta qualche dubbio sulla posizione di Toni in occasione della rete del raddoppio, al minuto 39: le spalle dell’attaccante scaligero sono leggermente al di là dell’ultimo difensore bianconero. Decisione, comunque, non facile da valutare. Al 41esimo perfetta la decisione del direttore di gara di assegnare un calcio di punizione per un fallo subito da Gabriel Silva: il contatto tra l’esterno brasiliano e un difensore giallo-blu inizia in effetti fuori l’area di rigore. Al 52esimo proteste in area dell’Udinese per una presunta spinta di Danilo ai danni di Toni: l’arbitro non ravvisa nessuna irregolarità e il replay in parte gli dà ragione.

 

TABELLINO 

UDINESE-VERONA 1-3

UDINESE (4-2-3-1): Brkic; Hertaux, Danilo, Domizzi (dal 56’ Fernandes), Gabriel Silva; Lazzari, Allan; Basta, Pereyra, Nico Lopez (dal 66’ Maicosuel); Di Natale. A disp.: Kelava, Naldo, Bubnjic, Badu,  Mlinar, Jadson, Douglas, Widmer, Pinzi, Zielinski. All.: Guidolin.

VERONA (4-3-3): Rafael; Cacciatore, Moras, Maietta, Agostini; Romulo, Jorginho, Hallfredsson (dal 81’ Donadel); Jankovic (dal 62’ Iturbe), Toni, Martinho (dal 62’ Gomez). A disp.: Nicolas, Borra, Albertazzi, Laner, Donati, Cacia, Gonzalez, Marques, Sala. All.: Mandorlini.

Arbitro: Angelo Cervellera di Taranto

Marcatori: 8’ Toni (H), 39’ Toni (H), 43’ Pereyra (U), 70’ Iturbe (H) 

Ammoniti: 41’ Jankovic (H), 90’ Toni (H) 

Espulso: 44’ Guidolin (U)

 




Commenta con Facebook