• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > LA MOVIOLA DI CM.IT: Su Palacio era rigore, giusto annullare il gol di Callejon

LA MOVIOLA DI CM.IT: Su Palacio era rigore, giusto annullare il gol di Callejon

Mazzoleni non sanziona un fallo evidente di Zapata. Valeri vede l'offside di Albiol e annulla il 2-1 del Napoli


Inter-Milan (Getty Images)
Emiliano Forte

23/12/2013 08:33

MOVIOLA, PALACIO CALLEJON / MILANO – La Serie A saluta il 2013 con una piena sufficienza per quanto riguarda l'operato degli arbitri fatta eccezione del derby milanese dove Mazzoleni ha sbagliato troppo. E' evidente l'errore in occasione dell'intervento falloso di Zapata su Palacio in area rossonera, con il risultato ancora fermo sullo 0-0. Protesta anche il Milan per un tocco col braccio di Nagatomo nella sua area. Molto bene invece Valeri in Cagliari-Napoli dove annulla un gran gol di Callejon per un fuorigioco non facile da vedere.

 

LIVORNO-UDINESE 1-2, arbitro Doveri 6Sul gol di Nico Lopez il Livorno protesta per un presunto fallo del giocatore dell'Udinese su Emerson: giusta la decisione dell'arbitro che fa proseguire il gioco. Corretta anche la decisione di non concedere il penalty al Livorno con Schiattarella che accentua la caduta e viene ammonito per simulazione.

 

CAGLIARI-NAPOLI 1-1, arbitro Valeri 7Netto il rigore assegnato al Napoli per la trattenuta in area di Astori su Pandev. Valeri non sbaglia neanche in occasione del gol annullato a Callejon nel corso del minuto 73; quando l'attaccante spagnolo calcia c'è Albiol sulla traiettoria del pallone in posizione di fuorigioco.


BOLOGNA-GENOA 1-0, arbitro Massa 6,5Buona direzione del fischietto di Imperia che non è chiamato a prendere decisioni particolarmente difficili.

 

ROMA-CATANIA 4-0, arbitro Gervasoni 6Gara a senso unico che Gervasoni controlla bene  anche se vanno segnalate due situazioni quantomeno dubbie nelle quali Legrottaglie e Gervinho sono entrati in contatto in area etnea. In entrambi i casi il difensore rossoazzurro sembra intervenire in maniera fallosa sul giallorosso dunque ci potevano stare i due rigori in favore della Roma.

 

ATALANTA-JUVENTUS 1-4, arbitro Celi 6,5Le due formazioni si fronteggiano a ritmi sostenuti ma senza ricorrere a scorrettezze e il direttore di gara è bravo a tenere saldo il controllo del match. Unico episodio da rivedere è una trattenuta di Stendardo su Llorente in area amaranto nel finale; il penalty ci poteva stare.

 

VERONA-LAZIO 4-1, arbitro Calvarese 6 Su un campo appesantito dalla pioggia il gioco diventa inevitabilmente più ruvido. Calvarese non si fa sorprendere e dirige con personalità aiutato anche dall'assenza di episodi contestati.

 

SASSUOLO-FIORENTINA 0-1, arbitro Guida 6,5 – Partita spigolosa a tratti nervosa con Guida che deve estrarre più volte il cartellino giallo per placare gli animi.

 

TORINO-CHIEVO 4-1, arbitro De Marco 6Nel primo tempo il Torino reclama un calcio di rigore per un contatto tra Hetemaj e Cerci . La spallata c'è anche se il contatto non sembra tale da richiedere l'intervento di De Marco.

 

SAMPDORIA–PARMA 1-1, arbitro Di Bello 5,5Nella prima frazione di gioco Gobbi rischia il secondo giallo ma l'arbitro lo grazia. In occasione del gol della Sampdoria da rivedere la posizione di Eder sulla punizione calciata da Kristicic.

 

INTER-MILAN 1-0, arbitro Mazzoleni 4,5Arbitraggio impreciso quello di Mazzoleni che sembra andare in confusione in alcuni frangenti. Graziati sia Guarin per un gomito troppo alto su Bonera, sia Muntari per un brutto intervento su Jonathan. In entrambi i casi ci poteva stare l'espulsione. Sospetto anche un tocco col braccio di Nagatomo in area nerazzurra. E' netto invece il fallo di Zapata su Palacio con Mazzoleni che inspiegabilmente non concede il tiro dal dischetto all'Inter.

 




Commenta con Facebook