Breaking News
© Getty Images

Inter, Bonolis: "Icardi troppo solo. Napoli? Senza Milik..."

Ecco il commento del noto conduttore televisivo sulle ultime di serie A

SERIE A INTER NAPOLI MILIK ITALIA BONOLIS / ROMA - Impegnato al 'Foro Italico' per la manifestazione 'Tennis & Friends', Paolo Bonolis, intervenuto a 'Sky Sport', ha parlato di Inter, NapoliJuventus e Italia: "Credo la Juventus sia perfettamente in grado di portare a casa lo scudetto".

INTER - "Ritengo de Boer debba comprendere alcune cose. Icardi non può essere lasciato in assoluta solitudine in area. L'Inter ha bisogno di una seconda punta, dato che Candreva e Perisic arrivano entrambi sul fondo e crossano. Spero possa dare una mano in area Gabigol o magari il 'calvinista' farà inserire dei centrocampisti".

ICARDI - "Hai in mano un patrimonio come Icardi, che avrà valore nelle stagioni successive, anche in termini di merchandising".

MILIK - "Sicuramente il Napoli perderà qualcosa, anche in termini di turnover. Giocherà molto di più Gabbiadini che, con caratteristiche leggermente differenti, credo sia anche più forte di Milik".

SECONDO POSTO - "Bisogna vedere cosa accadrà quando la Juventua accederà alle fasi finali della Champions League. Se questo dovesse toglierle qualcosa. Giunti a quel punto però sarà fondamentale vedere quale sarà il distacco dalla capolista".

MALDINI-MILAN - "Io lo porterei un po' ovunque, anche al cinema (ride ndr)".

ITALIA - "Mi è dispiaciuto vedere la Nazionale rispondere soltanto dopo essere stata offesa. Credo l'Italia successiva al gol subito sia valida e, se l'ha fatto dopo, potrà farlo evidentemente anche prima".

L.I.

Serie A   Inter  
FOTO CM.IT - Inter, Vecchi: "Scuse Gabigol? Gli fa onore"
Il tecnico sul brasiliano: "Si confronterà anche con la società"
Serie A   Inter   Lazio
Lazio-Inter, Vecchi: "Non si può finire così! Il nuovo allenatore..."
Il tecnico nerazzurro ha incontrato i giornalisti in sala stampa
Serie A   Inter  
Inter, è caos: record negativo, tifosi furiosi e il mercato alle porte
Solo due punti in otto partite. La curva contesta, Handanovic e Eder alzano i toni in tv