Breaking News
© Getty Images

Juventus, Pjanic: "Dopo cinque anni di Roma volevo cambiare. Qui per vincere trofei"

Il centrocampista bosniaco ha parlato direttamente dal ritiro della nazionale

JUVENTUS PJANIC ADDIO ROMA / SARAJEVO (Bosnia) - Direttamente dal ritiro della nazionale bosniaca, Miralem Pjanic è tornato sul suo addio alla Roma ed il conseguente passaggio alla Juventus: "E' una grandissima squadra e io, dopo cinque anni stupendi alla Roma, avevo voglia di cambiare. Adesso sono qua per vincere trofei e questo club mi voleva da tanto tempo", le sue parole riprese da 'vecernji.ba'. Questo il resto delle sue dichiarazioni:

ALLEGRI - "Con lui ho un buon rapporto, lui è un ottimo allenatore. Durante gli allenamenti ci fa lavorare sodo, mentre all'esterno è una persona molto semplice e cordiale. Alla Juve si allena soprattutto la parte fisica di un giocatore, per questo non abbiamo voluto rischiare il mio impiego in campionato. Dopo la sosta farò il mio debutto sicuramente".

OBIETTIVI - "In Champions League vogliamo fare meglio dell'anno scorso. Il nostro primo obiettivo è passare il girone ma dopo può succedere di tutto e non ci poniamo limiti. Abbiamo una grande squadra, a livello di tutte le altre big europee".

SCUDETTO - "Ancora è presto per dire con chi lotteremo. Sicuramente ci saranno Napoli, Roma, Milan e Inter. Molte squadre hanno fatto un ottimo mercato come i nerazzurri ed i partenopei. La Roma ha anche cambiato poco ed è forte".

D.G.

Serie A   Roma  
Chievo-Roma, Spalletti: "Secondi? Facile parlare di fallimento"
Chievo-Roma, Spalletti: "Secondi? Facile parlare di fallimento"
Il tecnico giallorosso: "Così per chi è contro. E sono tanti"
Serie A   Juventus   Roma
Roma-Juve, ESCLUSIVO Torricelli: "Niente allarmi. Triplete, si può"
Roma-Juve, ESCLUSIVO Torricelli: "Niente allarmi. Triplete, si può"
L'ex calciatore è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni
Serie A   Roma   Juventus
Roma-Juventus 3-1: i giallorossi si riprendono il secondo posto
Roma-Juventus 3-1: i giallorossi si riprendono il secondo posto
Bianconeri ko e festa Scudetto rinviata a domenica prossima