• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > VIDEO - Speciale 'Man of the week': la resa dei Conti

VIDEO - Speciale 'Man of the week': la resa dei Conti

Nuova rubrica di Calciomercato.it sul giocatore che piu' si e' messo in luce nella giornata di Serie A


Daniele Conti (Getty Images)
Jonathan Terreni

11/11/2013 17:00

VIDEO SERIE A CALCIATORE SETTIMANA / ROMA - Nuova rubrica di Calciomercato.it che focalizza l'attenzione sul calciatore che più si è messo in luce nel weekend di campionato. La 'top 3' della dodicesima giornata di Serie A premia il sempreverde Conti, trascinatore del Cagliari con due splendide punizioni. Da segnalare anche la prestazione di Giuseppe Rossi (doppietta) ma ormai non è più notizia e di Pirlo tra i migliori contro il Napoli con un gol che è un'opera d'arte.

 

MAN OF THE WEEK (12a giornata)

CONTI (Cagliari)

2° ROSSI (Fiorentina)

3° PIRLO (JUVENTUS)

 

1 - LA RESA DEI CONTI - Giocare a calcio, ad alti livelli, quando porti un cognome così non è facile. Non lo è ancor di più se tuo padre di nome fa Bruno, protagonista indiscusso del calcio italiano e mondiale degli anni '70/'80. Daniele, il figlio d'arte, nel corso della sua carriera ha dovuto sentire di tutto e di più. Ma il tanti paragoni e le differenze con il padre non lo hanno certo condizionato, anzi gli hanno dato probabilmente quella voglia e quello stimolo in più per dimostrare a tutti che lui si è fatto da solo la sua storia. Non un pacco raccomandato. E così, cresciuto nelle giovanili giallorosse, ha lasciato la Capitale a vent'anni ed è diventato bandiera del Cagliari. Il rossoblu ormai è la sua seconda pelle e la Sardegna la sua terra. Quasi 400 presenze, 14 anni e tante emozioni. Ora a 34 anni ha ancora voglia di stupire e di prendersi per mano la squadra come un ragazzino, proprio come ieri (alla gara numero 300 in A) quando ha schiantato il Torino con due punizioni, il suo marchio di fabbrica. Una vittoria fondamentale per un pluricriticato Cagliari di inizio stagione che sembrava in crisi, distratto forse dalle troppe e continue vicende societarie. Conti si è sempre tappato le orecchie, così come si è sempre tappata gli occhi la Nazionale, un circolo azzurro nel quale non è mai riuscito ad entrare. Daniele allora va avanti per la sua strada e gioca per chi gli vuole bene. E così anche ieri, dopo la seconda punizione, è corso in panchina ad abbracciare il figlio più piccolo decidandogli il gol. Momento commovente. E tanti saluti a chi lo ha sempre svalutato, magari pensando al padre, come sempre.

2 - ANCORA 'PEPITO'. Ormai non fa più notizia. Le prestazioni (e i gol) di Giuseppe Rossi non sono più cosa nuova. I brutti infortuni sono solo lontani e spiacevoli ricordi e i dubbi sul suo possibile ritorno ad alti livelli è diventato finalmente certezza. La Fiorentina ci ha creduto più di tutti e adesso gode. Non solo per un inizio di campionato boom boom (9 reti e momentaneo capocannoniere) ma perchè la prospettiva futura è da sorriso a trentadue denti visto che si sta scoprendo anche come bomber. La 'viola' sogna, in attesa della supercoppia con Gomez. Uno dei migliori talenti del nostro calcio ormai ce l'ha in casa e anche Prandelli gongola in vista del Mondiale in Brasile. Ma per quello c'è tampo, adesso il presente: Fiorentina-Sampdoria 2-0. Doppietta di un grande 'Pepito' Rossi in sette minuti e avanti così.

3 - PIRLO NO LIMITS - Incredibile. A volte viene da dirlo ripensando a perchè il Milan ha lasciato andare un giocatore così. Creduto finito e spremuto la Juventus sorride e ringrazia e da tre anni Andrea Pirlo ormai si conferma uno dei migliori del nostro campionato, come sempre. Magari non avrà più il passo del ventenne ma quello non è mai stato il suo punto di forza. I piedi sono sempre quelli (chiedere a Reina per la punizione magica di ieri contro il Napoli); il saper giocare a calcio non invecchierà mai. Il direttore d'orchestra bianconero si piazza lì e fa suonare gli strumenti, protetto da un centrocampo di forza e corsa costruito da Conte apposta per lui. Tutto quello che fa parte del suo palmares non gli è stato certo regalato e chi ancora avesse dubbi si riguardi la partita di ieri.

VIDEO - Gli highlights della 12a giornata di Serie A



\r\n\r\n
\r\n\r\n
\r\n\r\n
\r\n\r\n
\r\n\r\n
\r\n\r\n
\r\n\r\n
\r\n\r\n
\r\n\r\n

Commenta con Facebook