• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Juventus-Napoli, Benitez: "Loro fatturano cento milioni in piu'. Conte? Vi spiego le nostre

Juventus-Napoli, Benitez: "Loro fatturano cento milioni in piu'. Conte? Vi spiego le nostre differenze"

Il tecnico ha commentato la socnfitta di Torino


Rafa Benitez (Getty Images)

11/11/2013 00:48

JUVENTUS NAPOLI BENITEZ / TORINO – Rafa Benitez ha commentato la sconfitta dello 'Juventus Stadium': "Stavamo analizzando la partita nello spogliatoio, cose normali. Chiaramente ci sono tante cose da analizzare, e l'abbiamo fatto. Iniziare una partita contro una squadra così forte con l'1-0 dopo due minuti cambia tutto. Abbiamo avuto difficoltà per 20', poi pian piano fino al 74' abbiamo dimostrato qualità e carattere. Alla fine hanno segnato due gol di qualità. Nessuna consolazione perché abbiamo perso, ma tutti sappiamo dove siamo. Qualche persona intelligente sa che la Juventus è ancora una squadra forte – le parole di Benitez a 'Sky' - Giocatori che peccano di personalità in queste partite? No, credo di no. Non è facile per nessuno iniziare sotto di un gol in una gara così. Insigne è uno che sicuramente cambia la partita. All'intervallo ho chiesto più possesso palla. Abbiamo dimostrato la qualità e il carattere che sappiamo di avere. Pirlo? Non si può seguire un giocatore tutto il tempo. Sappiamo che Andrea ha qualità, ma non possiamo giocare tutta la partita su un calciatore. Dobbiamo crescere, per il futuro sappiamo di dover giocare come nel secondo tempo. In cosa sono superiori a noi? Giocano insieme da 3-4 anni e hanno 100 milioni di fatturato in più".

HAMSIK - "E' un grandissimo calciatore. In questo sport ci sono undici elementi, non è solo uno a dover fare la differenza ogni volta, e se la squadra non fa bene per il singolo è difficile fare la differenza. Nella ripresa tutti, lui compreso, hanno fatto meglio".

DIFFERENZE CON CONTE - "Ciascuno ha la sua maniera di fare le cose, di gestire le partite e il calcio. Io ho lavorato in tre Paesi, tre mentalità. Credo che si possa vincere in questa maniera, lui pensa che si possa vincere nella sua maniera e va bene così. Quando ho parlato della forza della Juve ho detto quello che pensano tutti i tifosi bianconeri, ossia che sia una squadra forte. Noi siamo in crescita, loro vincono lo Scudetto da anni. Io, allenatore del Real Madrid, dico che la mia squadra vuole vincere; idem se allenassi il Barcellona. Ognuno decide cosa debba dire sulla sua squadra".

 

M.F.




Commenta con Facebook