• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, Moratti: "Thohir? Vi racconto tutto"

Inter, Moratti: "Thohir? Vi racconto tutto"

Il presidente nerazzurro ha parlato della trattativa con il magnate indonesiano


Massimo Moratti (Getty Images)
Andrea Corti (Twitter: @cortionline)

24/10/2013 22:34

INTER MORATTI INTERVISTA / MILANO - Nel corso di un'intervista a 'Inter Channel' il presidente nerazzurro Massimo Moratti ha spiegato i motivi della cessione delle quote a Thohir: "Dopo il 'Triplete' ci fu un anno secondo me buono, considerato che avevamo cambiato allenatore e si era creato un clima strano. In quel momento cominciai a pensare che tutte le esperienze erano state fatte e pensai fosse bene guardarsi in giro. E poi non è leggerissimo sostenere una squadra al 100%. C'era un opportunità interessante con i cinesi, che volevano costruire uno stadio. Era stato firmato persino un contratto ma la cosa poi non andò avanti, allora pensai a un socio. Si sono fatti vivi questi signori che l'hanno fatto con un entusiasmo tale che un po' ci ha contagiato e poi hanno un mercato notevole che può aiutare a sviluppare il marchio Inter, il che non fa male".

RUOLO - "Essendo abituato a un ruolo di responsabilità è difficile assumere altri ruoli. Questi signori molto cortesemente, pensando che sia la cosa giusta, mi chiedono di restare. Allora vedremo..

THOHIR - "L'ho visto sia al lavoro che come amico: mi ha dato l'impressione di una persona allegra, ambiziosa e lavoratrice. I suoi soci sono suoi amici da 25 anni, sono diversi ma persone interessanti. La loro possibile difficoltà è quella di vivere lontani, ma se ne rendono conto e sono prudenti. Si fa presto a diventare supertifosi vista la sofferenza che si prova d apresidenti...".

SOCI - "Perchè l'estero? Perchè attualmente è difficile un socio italiano. Poi all'estero non fai la fatica di cercarti un mercato, te lo portano automaticamente e guadagni tempo. Poi c'è l'orgoglio che il nome dell'Inter diventi così amato in posti così lontani".

FORMAZIONE TIPO - "Esclusa l'Inter degli anni 60 e quella del 'Triplete': Zenga in porta, Brehme e Roberto Carlos esterni. Bergomi, Passarella e Cordoba centrali. Matthaus e Ince in mediana.In attacco senza dubbio Ronaldo, Ibrahimovic e per non offendere nessuno direi Recoba, che tutti sanno che è una mia mania".




Commenta con Facebook