• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Cagliari-Inter, Mazzarri: "E' tutto in alto mare. Kovacic unica certezza"

Cagliari-Inter, Mazzarri: "E' tutto in alto mare. Kovacic unica certezza"

L'allenatore nerazzurro ha parlato in conferenza stampa


Walter Mazzarri (Getty Images)
Andrea Branco e Andrea Corti

28/09/2013 15:40

CAGLIARI INTER CONFERENZA STAMPA MAZZARRI / MILANO - Nuova vigilia di campionato per l'Inter di Walter Mazzarri, reduce dalla vittoria in rimonta con la Fiorentina. I nerazzurri domani saranno di scena a Trieste contro il Cagliari. Ecco le parole di Walter Mazzarri in conferenza stampa:

TURNOVER - "E' l'unica volta in carriera che mi capita una cosa del genere, è tutto in alto mare fino a domani mattina. Deve garantire la crescita della squadra. Jonathan è stanco, con Cambiasso dovrò parlare. Abbiamo avuto pochissimo tempo per recuperare. Anche Palacio, Alvarez... Devo valutare a livello di sensazioni. Poco tempo per preparare la partita? Non cerco scuse, domani bisogna fare una grande partita. Non abbiamo nemmeno 72 ore per recuperare".

CAGLIARI - "Hanno un bravissimo allenatore, Lopez fa giocare bene la sua squadra. I giocatori sono di alto livello, è una formazione forte. Se non stiamo attenti e non facciamo tutte le cose al meglio potrebbe essere la classica buccia di banana. E' difficile da interpretare".

KOVACIC - "E' l'unica certezza, l'ho detto subito dopo la gara contro la Fiorentina. Quando l'ho fatto giocare a Catania si vedeva che era molto indietro, ma nell'ultima partita ha fatto molto bene e merita di partire dall'inizio".

ALIBI - "Se uno da degli input deve essere costruttivo, vorrei che si avesse più attenzione. Noi, però, non cerchiamo alibi. Speriamo solo che dalla prossima non accada. Siamo gli unici a giocare due gare in meno di 72 ore".

INIZIO - "Quando inizio un percorso cerco di dare tutto me stesso. L'annata con me parte giocandoci tutte le partite, non mi pongo mai obiettivi. Quando arrivo in un'azienda voglio valorizzare tutti i calciatori al massimo".

CAMBIASSO - "In questo momento è al top, mi dispiace se dovessi rinunciare a lui. Gioca in un ruolo fondamentale, se dovessi scegliere ancora lui sarà solo al 50-60%. In quel ruolo può giocare anche Kuzmanovic e Taider, anche se quest'ultimo si sta specializzando nel ruolo di mezzala. Kuzmanovic è il più adatto".

 




Commenta con Facebook