• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Sassuolo-Lazio, conferenza Petkovic: "So cosa voglio vedere domani"

Sassuolo-Lazio, conferenza Petkovic: "So cosa voglio vedere domani"

Il tecnico dei capitolini incontra la stampa alla vigilia della trasferta sul campo dei neroverdi


Vladimir Petkovic (Getty Images)

28/09/2013 12:22

SASSUOLO-LAZIO CONFERENZA PETKOVIC / ROMA - Domani la Lazio sarà di scena sul campo del Sassuolo per la sesta giornata del massimo campionato nazionale. Alla vigilia, come di consueto, il tecnico dei biancocelesti Petkovic, ha incontrato la stampa per consueta conferenza di presentazione del match.

L'AVVERSARIA - "Il Sassuolo è una squadra che gioca bene. Hanno avuto difficoltà alla fine, ma la promozione e l’impatto in Serie A è sicuramente un po' difficile. Spesso non hanno meritato di perdere, dimostrando invece carattere e la possibilità di saper cambiare gioco. Contro il Napoli, hanno fatto vedere che sono una formazione che può dare fastidio a tutti. Sicuramente vorranno riscattarsi in casa. Penso comunque che la Lazio deciderà l'esito di questa partita nel bene o nel male".

CONTINUITA' - "Spero che si possa trovare. Dobbiamo sempre migliorare e proporre con continuità il nostro gioco. Questo aiuta a vincere. Per domani so esattamente cosa voglio vedere. Dobbiamo pensare in maniera positiva. Una buona prestazione in trasferta dà alla squadra le basi per andare più lontano possibile, con più certezze. Non siamo ancora al 100%, ma siamo a buon punto. Abbiamo terminato il campionato lo scorso anno in modo positivo, vincendo fuori casa. Tocca confermare quello che abbiamo costruito fino ad ora. Ci servono i tre punti contro il Sassuolo per valorizzare il risultato ottenuto con il Catania. Perché nel 2013 una sola vittoria in campionato e una in coppa? E' anche casualità, ma dobbiamo attuare un gioco propositivo e crederci di più nelle partite fuori casa. Queste squadre quando giocano in casa ci credono di più e noi dobbiamo dare tutto per essere migliori dell’avversario anche in trasferta".

EDERSON E PEREA - "Mi auguro che tutti quelli che vanno in campo diano il 100%, noi dobbiamo essere onesti e alzare la mano quando qualcuno non riesce a dare di più. Questo vale anche per Ederson. Perea? E' pronto come tutti gli altri. Ci sono tre gare adesso, sicuramente sarà convocato. E’ troppo presto per parlare di lui e valutarlo. Nessuno sa quale sia il suo 100%. Mi è piaciuto, è entrato subito in partita e si è dato da fare. Gli mancano gli automatismi ma è giovane: deve lavorare e crescere di giorno in giorno".

SEGUIRANNO AGGIORNAMENTI




Commenta con Facebook