• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > LA MOVIOLA DI CM.IT: Regolare il gol di Paloschi, da rigore il fallo su Robinho

LA MOVIOLA DI CM.IT: Regolare il gol di Paloschi, da rigore il fallo su Robinho

De Marco penalizza il Chievo contro la Juve. Recrimina il Milan a Bologna


Paolo Tagliavento (Getty Images)
Emiliano Forte

27/09/2013 08:39

MOVIOLA  PALOSCHI ROBINHO / MILANO – A segnare questa giornata di campionato, oltre alla quinta vittoria su cinque gare della Roma, è stato il gol chiaramente regolare annullato al Chievo nella sfida contro la Juventus. Un errore quello della coppia De Marco-Preti tanto evidente quanto decisivo per l'andamento del match al 'Bentegodi'. Altra svista piuttosto evidente da segnalare è quella in cui è incappato Tagliavento che anch'esso poco aiutato, non ha fischiato un rigore netto in favore del Milan. Positiva invece la prova di Calvarese in Sampdoria-Roma.

UDINESE-GENOA 1-0, arbitro Orsato 6,5 – Nessun problema per l'arbitro che svolge al meglio il suo compito per tutto l'arco della gara. Corretta la decisione di annullare per fuorigioco un gol di Totò Di Natale nella prima frazione. Netto anche il fallo di Portanova su Muriel dal quale scaturisce la rete che decide la gara.

TORINO-VERONA 2-2, arbitro Rizzoli 6 – Mantiene il controllo del match con autorità ricorrendo ad una sola ammonizione. Sacrosanti entrambi i rigori concessi nel corso della gara:  nel primo, consesso ai granata, è evidente il mani di Gonzalez, nel secondo Rodriguez sbilancia Toni che con mestiere guadagna un tiro dal dischetto per i suoi.

BOLOGNA-MILAN 3-3, arbitro Tagliavento 5 – Serata tutt'altro che tranquilla per il direttore di gara ed i suoi collaboratori. L'episodio più discusso è senza dubbio il contatto tra la coppia Cristaldo-Garics e Robinho. Tutto nasce da un tocco di prima di Matri che in area bolognese  favorisce lo scatto di Robinho. Quest'ultimo viene vistosamente placcato dai due giocatori rossoblu che gli impediscono di raggiungere il pallone. Tagliavento non supportato a dovere dal giudice di porta lascia correre e sbaglia. Nel complesso poca precisione e puntualità nel giudicare i contatti al limite.

LAZIO-CATANIA 3-1, arbitro Irrati 5,5 – La Lazio chiede un calcio di rigore per un intervento sospetto di Spolli su Ederson: la sensazione è che in effetti la manata del giocatore rossoazzurro potesse essere sanzionata con un penalty. Giusto il secondo giallo che costa l'espulsione a Bellusci del Catania.

PARMA – ATALANTA 4-3, arbitro Gervasoni 6 – Match che soprattutto nella seconda parte diventa duro e spigoloso con Gervasoni pronto a calmare gli animi a suon di cartellini. Alla fine si conteranno 7 gialli e 2 rossi. Evitabilissima l'espulsione di Amauri che protesta vistosamente per un fallo di Yepes quando il Parma era avanti per 4 reti a 2. L'arbitro senza battere ciglio ricorda all'italo-brasiliano che gli insulti in campo non vengono più tollerati.

NAPOLI-SASSUOLO 1-1, arbitro Doveri 6 – Direzione positiva in una partita vivace e molto combattuta. Da sottolineare la buona prova dei guardalinee che giudicano in modo corretto anche situazioni di fuorigioco difficili da vedere.

SAMPDORIA-ROMA 0-2, arbitro Calvarese 6,5 – Molto bene l'arbitraggio anche se non sono mancati episodi discussi nell'arco della gara. Proteste Samp per un contatto Sansone-Castan la cui entità non sembra tale da richiedere l'intervento di Calvarese. A sette minuti dal termine i blucerchiati richiamano nuovamente l'attenzione dell'arbitro per l'intervento di Benatia su Barillà ma il contatto giustamente non viene giudicato da rigore. Forse troppo severo il rosso sventolato a mister Garcia nel corso del 55esimo minuto.

CHIEVO-JUVENTUS 1-2, arbitro De Marco 5 – Il fischietto ligure mal assistito dal guardalinee Preti si è reso protagonista dell'errore più clamoroso della 5a giornata: il gol regolarissimo annullato a Paloschi sul risultato di 1-1. L'azione si sviluppa a partire da una conclusione tutt'altro che irresistibile di Bentivoglio con Buffon che non riesce a trattenere. A quel punto sul pallone si avventa Paloschi che anticipa tutti e insacca. Increduli i giocatori del Chievo si vedono annullare il gol per un fuorigioco inesistente. La Juve dal canto suo ha chiesto l'intervento di De Marco per un mani di Estigarribia nel primo tempo e per un paio di contatti dubbi in area prima con Quagliarella protagonista poi con Llorente. Da rivedere soprattutto il primo episodio con il giocatore del Chievo che in effetti tiene il braccio largo anche se la distanza con l'avversario è davvero minima.

LIVORNO-CAGLIARI 1-1, arbitro Pairetto 5,5 – Pesano sul giudizio dell'arbitro due situazioni piuttosto dubbie. La prima penalizza il Cagliari con la punizione di Conti che viene toccata dal braccio alto di Coda. La seconda vede protagonista l'attaccante amaranto Emeghara il cui gol viene annullato per un fuorigioco da rivedere.

INTER-FIORENTINA 2-1, arbitro Valeri 5,5 – Nulla da dire sul penalty assegnato alla Fiorentina con Juan Jesus che trattiene Joaquin in piena area. Qualche cartellino di troppo ha finito per innervosire oltremodo il match.

 




Commenta con Facebook