• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli, De Laurentiis e il fairplay finanziario: "Calcio drogato da russi e arabi"

Napoli, De Laurentiis e il fairplay finanziario: "Calcio drogato da russi e arabi"

Il presidente del club azzurro ha parlato a margine della Mostra del Cinema di Venezia


Aurelio De Laurentiis (Getty Images)
Stefano D'Alessio (@SDAlessio)

09/09/2013 08:23

NAPOLI DE LAURENTTI INTERVISTA CALCIO DROGATO RUSSI ARABI / VENEZIA - Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli e produttore cinematografico, è stato intervistato da 'Il Mattino' in occasione della Mostra del Cinema di Venezia: "Ora sono in partenza per Ginevra, vado alla riunione dell’Eca, l’associazione dei club europei presieduta da Rummenigge. Si parlerà del futuro del calcio e già m’immagino le discussioni, le lotte intestine. Invece di lasciare spazio a quei pochi illuminati che hanno la capacità di vedere i problemi al cento per cento e di creare modelli di gestione per tutti, si ricerca il potere della rappresentatività, mantenendo in piedi un carrozzone. Come si dice: più siamo, più si fa ammuina".

FAIR-PLAY FINANZIARIO - "Se il calcio è un’industria, allora bisogna considerarlo come tale. In Italia almeno il sessanta per cento di noi lo pensa, in alcuni paesi europei no. Nelle riunioni difficilmente si approda a cambiamenti capaci di stravolgere il passato in modo positivo. Si cerca di mantere lo status quo e ci riuniamo per discutere del nulla. Il che mi diverte pure, voglio vedere fino a che punto arrivano. Bisognerebbe delegare ai pochi al di sopra di ogni sospetto che si comportano da industriali del calcio. Demandiamo al Bayern, al Borussia, al Napoli, alla Juventus, ad alcuni club che hanno abbracciato la filosofia del signor Platini del fair play finanziario, quella per cui devi avere i conti a posto per accedere a tornei che creano fatturato. Gli oligarchi russi e gli arabi si sono inventati modalità apparentemente corrette, in realtà scorrettissime, per finanziare a dismisura i propri club. Il Chelsea, il Manchester City e il Paris Saint Germain per loro sono dei 'giocattolini'".




Commenta con Facebook