• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Mercato Italia, Spalletti: "Prandelli il piu' adatto, io non sono pronto"

Mercato Italia, Spalletti: "Prandelli il piu' adatto, io non sono pronto"

L'allenatore dello Zenit ha parlato anche della corsa scudetto


Luciano Spalletti (Getty Images)
Giorgio Musso (Twitter: @GiokerMusso)

08/09/2013 10:09

CALCIOMERCATO ITALIA SPALLETTI CAMPIONATO / MILANO - Si tira fuori, Luciano Spalletti. Per il dopo-Prandelli nei giorni scorsi si era fatto anche il suo nome: "Non vedo nessuno più adatto di lui a guidare la Nazionale - ha chiosato il tecnico dello Zenit a 'La Gazzetta dello Sport' -. Sarebe un brutto colpo se dovesse lasciare. Io invece non sono pronto per un simile compito".

MILAN E JUVE - Spalletti, poi, si sofferma sulla corsa scudetto. E vede il Milan come prima antagonista della Juventus: "Ha tanti giovani bravi, può solo crescere. Balotelli deve compiere l'ultimo salto di qualità. Il Milan ha margini di crescita inimmaginabili. Può alzare l'asticella in zona Juve. E Kakà può essere l'uomo che può fare la differenza. La Juve? Sono sempre assatanati. Conte ha due grandi qualità: è un maestro di calcio ed è bravissimo a obbligare i suoi dirigenti a spendere tanti soldi nella campagna acquisti. La Champions? Proveranno a vincerla. Tevez è un campione da Coppa, mentre Pogba alza il valor complessivo della squadra".

LE ALTRE - "Il Napoli? Higuain è un top player. E Benitez ha l'equilibrio giusto per una piazza così bollente. Poi, mi aspetto l'ultimo salto di qualità da Hamsik. Comunque il vero fuoriclasse partenopeo non è in campo. Mi riferisco a De Laurentiis: non sono tanti i presidenti che tolgono problemi agli allenatori. L'Inter? Mazzarri è un mago, però ci vorrà un po' di tempo per trovare l'equilibrio giusto. La Roma? E' tutta da scoprire. Garcia si sa muovere: però tutto dipende, come sempre, dalle prestazioni di Totti. La Fiorentina? I Della Valle sono tornati in prima fila. E questa è un’arma preziosa. Come il bel calcio che insegna Montella e la coppia gol Rossi-Gomez. Non vedo di meglio in circolazione, ma lo scudetto è tanta roba".

 

LEGGI QUI L'ESCLUSIVA DI BRUNO LONGHI SULL'EREDE DI PRANDELLI




Commenta con Facebook