• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > LA TATTICA DEL MERCATO: Juventus, ipotesi Blaszczykowski

LA TATTICA DEL MERCATO: Juventus, ipotesi Blaszczykowski

L'analisi di Calciomercato.it sui protagonisti del mercato


Jakub Blaszczykowski (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

01/05/2013 15:10

 

CALCIOMERCATO JUVENTUS DORTMUND BLASZCZYKOWSKI / ROMA- La Juventus di Antonio Conte è concentrata sul campionato, per raccogliere l'ultimo punto che serve per laurearla campione d'Italia. Tuttavia sia il tecnico salentino che i dirigenti Giuseppe Marotta e Fabio Paratici stanno lavorando alacremente per pianificare la prossima stagione. Questo trio ieri sera era al 'Santiago Bernabeu' ad osservare Real Madrid-Borussia Dortmund e tra i giocatori seguiti c'era anche Jakub 'Kuba' Blaszczykowski. 

BIOGRAFIA - Jakub Blaszczykowski nasce a Truskolasy, in Polonia, il 14 dicembre del 1985. All'età di 8 anni entra a far parte del settore giovanile del Rakow Czestochowa, salvo poi passare al più importante Gornik Zabrze. A 18 anni torna a Czestochowa, militando tra le file del KS (altro club cittadino) con cui fa il debutto da professionista nella quarta serie polacca. Nel febbraio 2005 si trasferisce al Wisla Cracovia con cui vince al primo colpo il campionato nazionale. Nel 2007, a 22 anni, va a giocare in Germania nel Borussia Dortmund che lo aveva acquistato già a febbraio. Dopo una prima annata balbettante e condizionata dagli infortuni, Blaszczykowski si impone come una pedina fondamentale della squadra giallonera sotto la gestioen di Juergen Klopp che lo valorizza e grazie al quale vince 2 volte il titolo di miglior calciatore polacco (2008 e 2010) insieme a 2 campionati, una Coppa di Germania ed una finale di Champions raggiunta (quella che si disputerà il prossimo 25 maggio). Le sue ottime prestazioni lo hanno fatto esordire in nazionale maggiore a soli 21 anni, nel 2006, sotto la guida di Pawel Janas diventando poi un giocatore cardine anche per Leo Beenhakker, Stefan Majewski, Franciszek Smuda e Waldemar Fornalik. Attualmente 'Kuba' può contare 60 presenze e 12 reti con la squadra della sua nazione della quale è anche capitano.

CARATTERISTICHE TECNICO-TATTICHE - Jakob 'Kuba' Blaszczykowski è uno degli esterni più affidabili del panorama europeo. Alto 1,75 per 71 kg, fisico compatto ed atletico, destro naturale. Blaszczykowski è una vera e propria ala vecchio stampo. Da il meglio di se come esterno alto di destra (centrocampo a 4, oppure linea a 3 dietro un'unica punta, ma anche attaccante esterno) dove può scatenare la sua corsa formidabile palla al piede, il suo dribbling secco e la capacità di reggere ai contrasti grazie ad un fisico ben strutturato. Kuba è un giocatore estremamente affidabile e di grande intelligenza tattica. Sa giocare bene con entrambi i piedi ed ama servire assist ai suoi compagni, infatti nelle sue azioni ama arrivare sul fondo piuttosto di tagliare verso l'area di rigore. Ha comunque un buon feeling con il gol. E' un elemento inoltre dotato di grande esperienza internazionale e di grande carisma.

E' UN GIOCATORE ADATTO ALLA JUVENTUS? - A mio parere Kuba sarebbe un giocatore perfetto per la Juventus di Antonio Conte. Il polacco infatti è il prototipo del giocatore ideale del tecnico salentino: affidabile, esperto, duttile ma anche di grande qualità. Blaszczykowski infatti potrebbe adattarsi bene nel ruolo di tornante nel 3-5-2 (o 3-5-1-1) anche se il meglio lo darebbe come attaccante esterno di un 4-3-3, dove potrebbe offrire a Conte il lavoro svolto molto bene la scorsa stagione da Simone Pepe. Kuba inoltre è un giocatore esperto a livello internazionale (è capitano della Polonia e si appresta a giocare la prima finale di Champions League della sua carriera) e questo aspetto andrebbe ad arricchire lo spogliatoio bianconero che, specialmente nella doppia sfida col Bayern Monaco, ha pagato di inesperienza. 

 




Commenta con Facebook