• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, El Shaarawy su Balotelli: "In campo mi agevola. E' un ragazzo d'oro"

Milan, El Shaarawy su Balotelli: "In campo mi agevola. E' un ragazzo d'oro"

Il 'Faraone' parla dell'obiettivo stagionale dei rossoneri: "Ovviamente e' il secondo posto, non bisogna sbagliare nulla"


Stephan El Shaarawy (Getty)
Santa Colella

05/04/2013 07:18

MILAN EL SHAARAWY SU BALOTELLI, STAGIONE, PARTITA PALERMO / MILANO - Intervistato da 'La Gazzetta dello Sport', Stephan El Shaarawy ha parlato dell'arrivo al Milan di Mario Balotelli e di come ha sta vivendo lui la convivenza con l'ex City. Poi il 'Faraone' ha fissato l'obiettivo stagionale dei rossoneri e spiegato cosa è successo durante la partita col Palermo.

BALOTELLI E L'ATTENZIONE MEDIATICA - "Eh sì. Mario è arrivato proprio nel momento giusto, anche perché io ho iniziato a segnare di meno. E' stato un grande aiuto in più. Simbiosi? E' nato qualcosa di bellissimo, dentro e fuori dal campo. Ne è venuta fuori una grande amicizia, un bel rapporto, e di questo sono molto contento".

MARIO UOMO - "Musone? Nulla di più sbagliato. E' stato bravissimo a inserirsi subito, perché oltre ad avere grandi qualità tecniche è anche un ragazzo d'oro. Ha legato con tutti, e la cosa non deve sembrare così scontata: non sempre chi arriva da un'esperienza estera ha tutta questa facilità e velocità di integrazione. Prima che arrivasse al Milan non lo conoscevo molto, l'avevo visto solo una volta in Nazionale. Per me è stata una piacevole sorpresa".

CON BALO RENDIMENTO DIMINUITO? - "Sono critiche che non hanno una base. Io e lui ci intendiamo a meraviglia. In tutte le partite che abbiamo giocato siamo riusciti a fare qualcosa di buono insieme. Che fosse un gol o un assist. Mi pare che le prove in Nazionale siano la spiegazione migliore. Io svolgo il mio solito lavoro. E le occasioni continuo ad averle, mi pare. Se non ho più fatto gol è solo perché arrivo sotto porta poco lucido. Balotelli è solo un compagno che mi agevola. E poi è uno che partecipa molto al gioco, facilitando il dialogo con gli esterni".

OBIETTIVO MILAN - "Ovviamente è il secondo posto, ma è una corsa impegnativa. Non bisogna sbagliare nulla e dobbiamo metterci impegno e disponibilità perché può ancora succedere di tutto. Possiamo ritrovarci secondi come quinti».

DURANTE LA PARTITA COL PALERMO - "Ho deciso di andare subito negli spogliatoi senza fermarmi in panchina. Niente che riguardi Allegri, con lui ho un legame particolarmente forte. Ha sempre avuto fiducia in me, anche l'anno scorso".




Commenta con Facebook