• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Ulisse Savini su Diakite' e Cavanda

Ulisse Savini su Diakite' e Cavanda

Il procuratore dei due calciatori della Lazio intervistato, in esclusiva, da Calciomercato.it


Luis Pedro Cavanda, 22 anni (Getty Images)
Alessio Lento (Twitter: @lentuzzo)

28/03/2013 12:11

MERCATO LAZIO ESCLUSIVO SAVINI CAVANDA ARSENAL DIAKITE' NAPOLI / ROMA - Luis Pedro Cavanda, esterno della Lazio, è in scadenza di contratto nel 2014 ma non ha ancora trovato un accordo con il club biancoceleste per il rinnovo, le parti sono molto distanti. Il giovane calciatore, classe 1991, è attualmente fuori dal progetto tecnico di Vladimir Petkovic e le voci di mercato sul suo futuro circolano con insistenza. L'ultima riguarda l'Arsenal di Wenger, mentre nei giorni scorsi si è parlato anche del Napoli: "Pedro è attualmente fuori rosa, quindi è naturale che ci stiamo guardando intorno - le parole di Ulisse Savini, agente del belga, in esclusiva a Calciomercato.it -. Non sarà facile trovare una soluzione che faccia contenta la Lazio ma ci proveremo. Arsenal? Non mi risulta, ma se ci fosse un interesse saremmo lusingati. Per quanto riguarda il Napoli, invece, non credo sia una cosa fattibile, hanno tanti esterni in rosa. Pero', mai dire mai...".

DIAKITE' - Discorso leggermente diverso per quanto riguarda Modibo Diakitè. Il roccioso centrale francese si libererà a parametro zero a giugno dalla Lazio e nel suo futuro pare esserci il Napoli di De Laurentiis che deve sostituire il partente Campagnaro, diretto all'Inter. "Non ci sono incontri in programma con il Napoli per Diakitè, è una situazione in divenire. Per noi è la prima scelta - spiega il suo agente Savini a Calciomercato.it - e ho il mandato di portare in porto questo affare. Poi, ovviamente, bisogna essere sempre in due per fare un matrimonio".




Commenta con Facebook