• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Udinese > Udinese, Di Natale fa 150: storia di un ordinario fenomeno

Udinese, Di Natale fa 150: storia di un ordinario fenomeno

L'attaccante campano ha segnato contro il Pescara il suo gol numero 150 in Serie A


Totò Di Natale (Getty Images)
Mirko Correggioli Twitter: @Kikko_Corre

03/03/2013 19:39

UDINESE, DI NATALE 150 STORIA / MILANO - Per un attaccante normale un mese e mezzo senza reti non rappresenta in genere un gran problema. Per Antonio Di Natale è tutta un'altra storia: a secco dal 13 gennaio (doppietta nel 3-1 alla Fiorentina) l'asso dei friulani era alla disperata ricerca del gol, il numero 150 in Serie A, realizzato finalmente nel pomeriggio a Pescara.

"Una storia fatta di gol a grappoli e successi" quella del fantasista campano a Udine, citando le parole spese nel pomeriggio da Francesco Guidolin, una storia che con ogni probabilità vedrà i titoli di coda in Friuli, ma iniziata una quindicina di anni fa a Viareggio. Ripercorriamola insieme...

VIAREGGIO - Le 'stimmate' del goleador si intravedono in lui fin dal '98-'99 quando, con la maglia del Viareggio in serie C2, sigla 12 reti in 25 presenze.

EMPOLI - Gli osservatori dell'Empoli fiutano il colpo e riscattano il suo cartellino per inserirlo nel gruppo che, in tre anni, porterà la squadra toscana nella massima serie. Diventa presto una pedina fondamentale nell'attacco, favorendo con i suoi 14 gol la permanenza della società in serie A nella stagione 2002/2003. Nelle due annate trascorse nella massima divisione con i toscani colleziona 18 centri in 60 presenze. Una media di tutto rispetto per una punta esterna che si sacrifica molto in copertura, lontanissima però dai livelli di Udine.

UDINESE - Nel 2004 l'approdo a Udine. Antonio forma con David Di Michele e Vincenzo Iaquinta un trio d'attacco letale, che porta i bianconeri al quarto posto, valido per la qualificazione in Champions League. E' solo l'inizio di una grande epopea. La grande maturazione e la definitiva consacrazione nel 2009/10, a 32 anni 'suonati': 29 marcature e il titolo di capocannoniere. Di Natale non si ferma più: 28 volte a segno nel 2010/11 e nuovamente 29 nel 2011/12.

Una vita da ottimo giocatore di periferia, un finale di carriera da fuoriclasse assoluto. 




Commenta con Facebook