• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Milan-Lazio, Tare polemico in zona mista: "Espulsione ingiusta. Cavanda? Vi spiego..."

Milan-Lazio, Tare polemico in zona mista: "Espulsione ingiusta. Cavanda? Vi spiego..."

Il direttore sportivo dei biancocelesti punta il dito contro l'arbitro Rizzoli


Tare (calciomercato.it)
dall'inviato Matteo Zappalà (twitter: @MattZappa88) / A.B.

03/03/2013 00:15

MILAN LAZIO TARE POLEMICA / MILANO - 23.55 - Intevenuto in zona mista ai microfoni, tra gli altri, di Calciomercato.it, Tare ha poi aggiunto. "Prendere una decisione come quella di Rizzoli, dopo tre minuti di gioco, è sbagliato. C'erano Biava e Dias, quindi Candreva non risultava essere l'ultimo uomo. In ogni caso, ora ci aspettano undici finali, senza dimenticare l'Europa League, una competizione alla quale teniamo particolarmente".

23.15 - Al temine di Milan-Lazio un polemico Igli Tare attacca la terna arbitrale, rea secondo lui di aver condizionato la partita. Ecco quanto dichiarato ai microfoni di Sky dal direttore sportivo biancoceleste: "Bisogna fare i complimenti al Milan. Allo stesso tempo bisogna però evidenziare gli errori che sono stati fatti nel corso della partita: la prima occasione del gol, dove Biava ha salvato il pallone sulla linea, l'azione era in fuorigioco. L'espulsione di Candreva non c'era, è stata valutata in modo eccessivo. E sul gol dell'1-0 c'è un fallo di El Shaarawy su Pereirinha".

SITUAZIONE CAVANDA - "Prima di parlare bisogna sapere le tante cose che sono successe. Le scelte sono tecniche e sono dovute a una determinata condotta che abbiamo deciso di adottare in società. Noi lavoriamo per il bene della Lazio, non vogliamo farci del male da soli. Ma certe cose per noi vengono prima".




Commenta con Facebook