Breaking News
© Getty Images

Serie A, Prandelli: "Conte, svolta epocale. Balotelli ha una sfida, Higuain impressionante"

Il citti' azzurro fa le carte alla corsa scudetto a poche ore dal via del campionato

SERIE A PRANDELLI / ROMA - Parte quest'oggi, con i due anticipi che vedono protagoniste Juventus e Milan, la nuova Serie A. Cesare Prandelli fa le carte al campionato, posizionando in pole-position la corazzata di Antonio Conte: "Direi che il biglietto da visita è stato chiaro. Vincere per tre anni di seguito non è così scontato, ma le premesse ci sono tutte. La Juve ha un patrimonio straordinario: cultura del lavoro, mentalità, società, squadra, allenatore - ha dichiarato il cittì della Nazionale in un'intervista a 'Il Corriere dello Sport' -. Soprattutto l'allenatore, che è diventato il riferimento assoluto di tutto l'universo bianconero. Conte come Ferguson? Antonio fa tutto, ha innescato anche un cambiamento, nel mondo del calcio. Non è più solo un tecnico, la sua è una svolta epocale".

NAPOLI - "Il Napoli ha cambiato tanto, dalla guida tecnica al modo di stare in campo. Io non farei paragoni: si può giocar bene in tanti modi, mantenendo una mentalità propositiva. La squadra è di buona qualità complessiva, non so se manca ancora qualcosa ma mi è piaciuto il coraggio di cambiare. Higuain? Sarà protagonista. Il suo impatto nella partita contro di noi, all''Olimpico', mi ha impressionato. Sa giocare anche con la squadra, oltre che per la squadra".

LE ALTRE - "Il nostro resta un torneo complesso, non vedo una griglia precisa ma un gruppo di squadre con grandi potenzialità vincenti. Il Milan, la Fiorentina, l'Inter, la Roma che resta un'incognita intrigante, la stessa Lazio. Dal punto di vista del gioco la Fiorentina per me è stata la migliore della passata stagione. Ma prendiamo la Lazio: vero che si è persa nella seconda parte, per il peso della Europa League, ma a lungo è stata al vertice. Bene: entrambe hanno mantenuto il gruppo dello scorso campionato se non migliorandosi, come i viola. Il Milan parte avvantaggiato rispetto a un anno fa. Allora avevano venduto tutti; sono serviti dei mesi ad Allegri, che ha fatto un grande lavoro, per trovare un giusto equilibrio, tra pressioni enormi. Ora parte con Balotelli dall'inizio e con un'iniezione di gioventù di valore che ne fa una tra le più giovani squadre di vertice della Serie A".

BALOTELLI - "Mi aspetto quello che si aspetta Allegri, né più né meno. Mario ha grandi potenzialità, ma deve togliere da dentro certe cose che lo frenano. Non deve innervosirsi solo per il fatto che tutti vorranno fermarlo. Proveranno a provocarlo, ma lui deve accettare la sfida. Deve essere in grado di giocare in modo leale, corretto senza reazioni. Può vincere la classifica dei cannonieri, ma deve comportarsi in una certa maniera".

Serie A  
Serie A, le probabili formazioni della 38esima giornata
Serie A, le probabili formazioni della 38esima giornata
Ecco i possibili schieramenti secondo gli inviati di Calciomercato.it
Serie A   Juventus  
Bologna-Juventus, Allegri: "Domani gioca Audero. Voglio restare"
Bologna-Juventus, Allegri: "Domani gioca Audero. Voglio restare"
Le parole del tecnico alla vigilia della sfida con gli emiliani
Serie A   Inter  
FOTO CM.IT - Inter, Vecchi: "Scuse Gabigol? Gli fa onore"
FOTO CM.IT - Inter, Vecchi: "Scuse Gabigol? Gli fa onore"
Il tecnico sul brasiliano: "Si confronterà anche con la società"