• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Udinese > Udinese, Delneri: "La Juventus si può battere. Non meritiamo questa classifica"

Udinese, Delneri: "La Juventus si può battere. Non meritiamo questa classifica"

L'allenatore friulano ha parlato del match contro la Juve


Luigi Delneri ©Getty Images

17/10/2016 09:36

UDINESE INTERVISTA A GIGI DELNERI SU RADIO 1 RAI / ROMA - L'allenatore dell'Udinese Delneri è intervenuto ai microfoni di 'Radio 1 Rai'. Queste le sue parole:

JUVENTUS-UDINESE - "Prestazione importante, unico rammarico è il risultato. Sono molto soddisfatto. Juventus impossibile da battere? No, nulla è impossibile. Certo, è difficile. E' una squadra costruita per vincere in Italia e in Europa, con calciatori decisivi come Dybala. E' difficile trovare punti deboli su cui attaccarla".

SCUDETTO - "Vedo crescite importanti, come il Milan ad esempio. Vedo la Roma, che ha vinto una partita non semplice come quella di Napoli. Queste tre squadre potrebbero riequilibrare il campionato, anche se la Juventus resta favorita. Dovranno approfittare dei momenti di difficoltà della Juve".

ROSA UDINESE - "Rosa piena di stranieri? Il concetto è mostrare quello che devono fare, poi sta nei calciatori capire quello che voglio da loro. Domenica mi hanno sorpreso i giovani, da Jankto a Fofana, che hanno un passo importante oltre a qualità tecniche e fisico. Applicazione, intensità e aggressività sarà quello che servirà in futuro. La rosa è interessante, giovane e non merita questa classifica. I 'vecchietti' come Thereau, Danilo e Felipe dovranno dare una mano ai giovani. L'unica cosa che non ammetto è che i calciatori escano dal campo senza maglia sudata".

CAOS INTER - "E' questione di appartenenza, i tifosi sono passionali e certe volte non vedono lo stesso nei calciatori. La squadra ne ha risentito e la società deve risolvere la situazione velocemente per evitare di trascinarsela a lungo nel corso della stagione".

 

S.D.




Commenta con Facebook