• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, Mihajlovic non resta? Berlusconi in cerca dello spettacolo, ma...

Calciomercato Milan, Mihajlovic non resta? Berlusconi in cerca dello spettacolo, ma...

Il Presidente rossonero preferirebbe un allenatore che punti più sulla qualità, ma la rosa non è adeguata


Sinisa Mihajlovic ©Getty Images

11/03/2016 16:56

CALCIOMERCATO MILAN MIHAJLOVIC PANCHINA BERLUSCONI / MILANO - Il rapporto tra Silvio Berlusconi e Sinisa Mihajlovic continua ad essere quantomeno equivoco, se da una parte si ostenta a tratti una certa fiducia nel tecnico serbo, dall'altra a cicli continui l'ex Sampdoria viene messo sulla graticola. Il Presidente del Milan d'altronde non è mai stato tipo che cela le sue riserve verso i propri allenatori: la lista è lunga e conta figure molto più blasonate di Mihajlovic. Una della maggiori accuse senza dubbio è quella che riguarda la scarsa qualità del gioco, o meglio la scarsa spettacolarità proposta dal serbo, che per raddrizzare i rossoneri ha puntato sulla sostanza e sull'umiltà 

Soluzione questa che ha dato ragione almeno in parte a Sinisa, infatti rispetto ad inizio anno il 'Diavolo' ha un'identità precisa, ma non quella desiderata da Berlusconi. Il numero uno del club infatti è da sempre stato abituato ad un certo livello di gioco, il pedigree del Milan richiede - almeno nel suo pensiero - un'imposizione sull'avversaria e non l'attendismo visto negli ultimi mesi. Senza scomodare della banali definizioni, ma è fuori di dubbio che i lombardi puntino molto sulla ripartenza, che qualcuno fino a pochi anni fa chiamava semplicemente contropiede. Parola che evoca un certo atteggiamento tattico che di certo non va giù a Berlusconi.

Il calciomercato Milan tuttavia non ha portato alla corte di Mihajlovic elementi in grado di puntare troppo in alto: benissimo Bacca, Romagnoli per il futuro, ma i colpi di anni fa sono al momento un ricordo. Come un ricordo deve necessariamente essere anche un certo tipo di approccio al campo e l'allenatore questo lo ha capito, trovando soluzione magari poco estetiche, ma molto logiche e ragionevoli. Il prossimo calciomercato potrebbe quindi portare Mihajlovic lontano dal capoluogo, ma se davvero fosse cacciato per un tecnico più 'spettacolare' anche la società dovrebbe dare delle risposte portando a 'Milanello' gente di qualità.

O.P.




Commenta con Facebook