• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI LIONE-PSG

PAGELLE E TABELLINO DI LIONE-PSG

Super Cornet, brivido Yanga Mbiwa. Motta da dimenticare, Lucas illude ma non basta


Olympique Lione ©Getty images
Giorgio Valentino Rossi

28/02/2016 22:55

ECCO LE PAGELLE DI LIONE-PSG:

 

LIONE

Lopes 6,5 – Nulla la sua presenza nella prima frazione di gara. Il Psg non arriva quasi mai dalle sue parti, tranne negli ultimi minuti dove è bravo prima in uscita al 41’ su Stambouli lanciato a rete, poi attento su una conclusione di Ibra al 44’. Nulla può sul gol di Lucas.

Rafael 6 – Buona la gara del terzino ex Man United. Aiutato dalla poca spinta degli avversari, si propone molto anche in fase di attacco. Dal 75’ Kemen s.v.

Yanga Mbiwa 5,5 – A Gennaio era tra i peggiori acquisti estivi della Ligue 1. Oggi ha contenuto Cavani con estrema tranquillità, vista anche la scarsa vena dell’uruguaiano. Da un suo tocco morbido in area però, arriva il gol del 2-1 di Lucas.

Morel 6 – Ha dalla sua parte Zlatan. Gioca con semplicità e attenzione sfruttando la giornata no del numero 10 avversario. Compie un salvataggio strepitoso su Ibra al 65’ in acrobazia.

Bedimo 6 – Ottimo il suo apporto sulla corsia di sinistra. Cerca spesso la sovrapposizione con i centrocampisti per arrivare al cross.

Gonalons 6 – Partita di grande diligenza del capitano dell’OL. Comanda il centrocampo con disinvoltura e fa ottimo raccordo tra difesa e attacco.

Ferri 6,5 – Segnò il gol della bandiera all’andata. Oggi pericoloso tra le due linee, prova spesso inserimenti e duetta a memoria con Ghezzal e Lacazette. Si divora un contropiede al 39’, un due contro uno sfruttato male e al 54’ manda fuori un piattone dal limite.

Darder 7 – Il centrocampista spagnolo, nonostante abbia ancora poca esperienza a certi livelli, dimostra intelligenza tattica alternata a buona tecnica di base. Segna un gran gol al 46’, raccogliendo in area un assist di Rafael, sombrero a Thiago Silva e palla in rete. Dal 87’ Labidi s.v.

Ghezzal 6,5 – Imprendibile. Tecnica e corsa che mettono in difficoltà il reparto difensivo avversario. Cerca spesso scambi con i compagni al limite dell’area. Va vicino al gol al 28’ con un tiro da fuori che si spegne di poco a lato alla sinistra di Trapp. Si divora il 3-1 al 61’ facendosi ipnotizzare dal portiere.

Cornet 7 – Terzo centro in campionato per il diciannovenne. Sfrutta al meglio un assist di Lacazette, rientra da sinistra a destra e tiro a giro che fulmina Trapp. Fisico importante, corsa e tecnica nel suo bagaglio personale. Strepitoso nella ripresa, con continue sgroppate sulla sua corsia e ripetuti cross nell’area degli ospiti. Van der Wiel fatica a contenerlo. Dal 84’ Konè s.v.

Lacazette 6,5 – Il bomber di casa, confeziona al minuto 13 l’assist che porta Cornet al gol. Non ha occasioni in fase di realizzazione ma è bravo a giocare di sponda e a duettare con i compagni di reparto.

All. Genesio 7 – Il suo Lione dimostra subito di fare sul serio aggredendo il Psg, pressing alto e ripartenze veloci. L’obiettivo Champions è più che mai alla loro portata, soprattutto motivati da prestazioni come quella odierna.

 

PSG

Trapp 5,5 – Spesso sotto accusa per improvvise distrazioni ma sempre difeso dal proprio allenatore che toglie anche in questa settimana ogni possibile alternanza con Sirigu. Incolpevole oggi sui gol subiti. Compie un miracolo su Ghezzal al 61’ in uscita.

Van der Wiel 5,5 – Tornato titolare nelle ultime gare. Sottotono come tutta la squadra, non riesce a spingere e si fa saltare da Cornet in occasione del primo gol avversario. Lo soffre per l’intero incontro.

T. Silva 5 – Centesima in Ligue 1. Soffre più del previsto gli attaccanti del Lione. Si fa beffare, con uno splendido sombrero, da Darder al minuto 46 e il Psg subisce il 2-0. Bravo pochi minuti prima su corner a sfiorare il pareggio con un colpo di testa parato da Lopes.

D. Luiz 5,5 – Gara al di sotto delle aspettative del difensore brasiliano, soffocato dalle continue percussioni degli avversari.

Maxwell 5,5 – Copre con sufficienza la sua fascia provando anche sortite offensive. Dalla sua zona parte il cross vincente di Rafael per il gol di Darder.

Motta 4,5 – Il peggior in campo. Il centrale della nazionale italiana, sbaglia tutto il possibile, in entrambe le fasi e il centrocampo parigino, già falcidiato da assenze pesanti, va in grande sofferenza. Viene graziato dal direttore di gara al 23’, che lo ammonisce solamente dopo un pugno sul volto ai danni di Ferri.

Rabiot 5,5 – Prova a far qualcosa di buono il gioiellino francese, ma senza la giusta coadiuvazione dei compagni di reparto, ha ben poco da creare. Dal 78’ Matuidi s.v.

Stambouli 5 – Sceso in campo dal primo minuto viste le tante assenze, cade anch’esso nella giornata negativa della sua squadra e risulta come tutti, sotto la sufficienza. Sostituito nell’intervallo. Dal 46’ Pastore 5,5 – Entra dall’inizio della ripresa ed è subito decisivo. Al 51’ prova una serpentina in area OL e dopo un batti e ribatti, la palla arriva a Lucas per il gol che riapre l’incontro. Poi scompare nel nulla non riuscendo mai a vivacizzare la manovra.

Cavani 5 – Le tante assenze lo fanno ripartire tra i titolari, ma lui non riesce a dare il suo contributo. L’impegno non manca, ma è troppo nervoso.

Ibrahimovic 5 – A segno da sei gare consecutive. Non gli arrivano rifornimenti dalle retrovie e non riesce ad incidere come sa, riuscendo ad andare al tiro solo una volta nel primo tempo al 44’, attento Lopes lo neutralizza.

Lucas 6 – Sottotono nelle ultime uscite, nonostante abbia scavalcato Cavani nelle gerarchie di Blanc. Forse avrebbe bisogno di un po’ di riposo. Nonostante ciò, molto rapido nell’esecuzione con un sinistro a giro al 51’, quando concretizza dal nulla una palla vagante in area avversaria, dopo un tocco di Yanga Mbiwa. Sesto gol per lui in campionato, nono in stagione. Palma del migliore in campo tra i suoi, esclusivamente per la rete realizzata.

All. Blanc 5,5 – Psg assente nel primo tempo. Segna nell’unica vera occasione nella ripresa, ma le troppe assenze e soprattutto la scarsa vena dei suoi, non riescono ad evitare la sconfitta.

 

Arbitro: Jaffredo 5,5 – Non estrae il rosso per T. Motta dopo un pugno sul volto a Ferri. Solo giallo, decisione sbagliata. Distribuisce bene i cartellini e riesce a gestire la gara, ma l’errore sulla mancata espulsione di Motta non è trascurabile. Anche se non aiutato dai suoi assistenti.

 

TABELLINO

LIONE-PSG 2-1

Lione (4-3-3): Lopes; Rafael (dal 75’ Kemen), Yanga Mbiwa, Morel, Bedimo; Gonalons, Ferri, Darder (dal 87’ Labidi); Ghezzal, Cornet (dal 84 Konè), Lacazette. A disp.: Gorgelin, Perrin, Mvuemba, Fofana. All.: Genesio.

PSG (4-3-3): Trapp; Van der Wiel, T. Silva, D. Luiz, Maxwell; Motta, Rabiot (dal 78’ Matuidi), Stambouli (dal 46’ Pastore); Cavani, Ibrahimovic, Lucas. A disp. Sirigu, Kurzawa, Marquinhos, Augustin, Nkuku. All.: Blanc.

Arbitro: Sig. Jaffredo di Fédéral 1.

Marcatori: 13’ Cornet (L), 46’ Darder (L), 51’ Lucas (P).

Ammoniti: 23’ Motta (P), 43’ Yanga Mbiwa (L), 58’ Van der Wiel (P), 62’ Cavani (P), 72’ Ferri (L), 73’ Rafael (L), 74’ Rabiot (P), 89’ Lucas (P).

Espulsi:




Commenta con Facebook