• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI CROAZIA-ITALIA

PAGELLE E TABELLINO DI CROAZIA-ITALIA

Candreva ed El Shaarawy sugli scudi. Nella Croazia Mandzukic croce e delizia


Antonio_Candreva.jpg
Davide Sperati (@DavideSperati1)

12/06/2015 22:49

ECCO LE PAGELLE DI CROAZIA-ITALIA


CROAZIA

Subasic 6,5 – L'ottimo portiere del Monaco non può nulla sul cucchiaio di Candreva. Sicuro comunque in tutte le azioni dove è chiamato in causa. Nel finale del primo tempo salva su Pellè.

Srna 5,5 – Capitano di questo grande gruppo, è uno dei veterani della nazionale croata. Si procura il rigore fallito da Mandzukic e per il resto unisce qualità a quantità. Nel finale rimedia il secondo giallo in maniera ingenua, rovinando di fatto la sua prestazione.

Schildenfeld 5,5 - Al posto di Corluka squalificato, il centrale croato instaura un bel duello contro Pellè che però lo mette in più occasioni in difficoltà.

Vida 6 – Anche lui lotta contro Pellé ed El Shaarawy che spesso gli girano intorno dandogli fastidio. Per il resto comunque appare ordinato e sicuro e meglio del compagno di reparto.

Pranijc 5,5 – Terzino sinistro molto dedito alla fase di spinta, dopo un buon inizio, soffre gli inserimenti di De Sciglio e soprattutto gli allunghi di Candreva durante la ripresa. Dal 72' Vrsalijko 6 - Venti minuti per contrastare gli affondi di Candreva e dare il cambio al Pranijc.

Rakitic 6 – Il neocampione d'Europa con tanto di gol, al 11' colleziona l'assist vincente per la rete di Mandzukic. Anche stasera, pur non brillando, si conferma un giocatore di livello.

Brozovic 6 – Al posto di Modric, gioca tra le linee ma non combina più di tanto nei primi quarantacinque minuti. Migliora nella ripresa chiudendo diverso ripartenze azzurre. Vicino al gol al 60' ma la sfera termina alta.

Olic 5,5 – Giocatore poliedrico, fra i tre del centrocampo è quello che maggiormente supporta l'unica punta. Al 18' in scivolata sfiora la rete del 2-0. Dal 46' Rebic 5,5 – Al 72' perde l'attimo per riportare in vantaggio i suoi.

Kovacic 5 – Il peggiore. La stellina dell'Inter stasera non convince affatto, in quanto non riesce mai ad entrare nel vivo della manovra croata. Lezioso e svogliato la sua prova non è altezza del suo potenziale. Dal 92' Leovac s.v.

Perisic 5,5 - Dopo il gol segnato nella gara di andata, stasera ci si aspettava di più dal centrocampista croato. Un lampo al 80', ma il suo bolide lambisce il palo alla sinistra di Sirigu.

Mandzukic 6 - Ancora a secco nelle qualificazioni a Euro 2016, al 6' ha la possibilità di aprire le marcature direttamente da calcio di rigore, ma il suo tiro viene respinto da Buffon. Rimedia dopo cinque minuti, realizzando di piatto il gol del vantaggio croato.

All. Kovac 6,5 – Con un bilancio di quattro vittorie e un pareggio, la Croazia guida il girone H con 13 punti, ma stasera deve affrontare l'Italia senza Modric, il leader di questa squadra. Ciò nonostante, la struttura di gioco della compagine croata è disciplinata e consapevole della propria forza, affidata a giocatori esperti e al tempo stesso talentuosi. 


ITALIA

Buffon 7 - Il capitano nonostante il problema al gomito è in forma strepitosa e il rigore parato a Mandzukic ne è la testimonianza. Abbandona il campo durante l'intervallo per infortunio. Dal 46' Sirigu 6 – Sicura l'uscita bassa nei primi minuti della ripresa. Il ritmo del match però si affievolisce con il passare dei minuti e lui non deve più sporcarsi i guanti.

De Silvestri 6 - Con la difesa a quattro e l'assenza di Florenzi, è lui la miglior opzione per Conte. Al 24' durante un disimpegno difensivo s'infortuna gravemente al ginocchio ed è costretto ad abbandonare il terreno di gioco. Dal 26' De Sciglio 6 – Si posiziona a destra e gioca una buona partita. Da una sua iniziativa personale arriva la punizione che porta al rigore. 

Bonucci 7 - A lui spetta la marcatura su Mandzukic e considerata la moria di difensori, è costretto a portare la croce dell'incerottata difesa italiana. Solita grinta e agonismo, fanno da contorno ad un'altra grande prova di carattere con la maglia azzurra.

Astori 5,5 – Il peggiore. Il romanista viene preferito a Ranocchia, ma dopo appena sei minuti “regala” di fatto il rigore alla Croazia per un fallo evitabilissimo ai danni di Srna. Mai in gara, non riesce a riprendersi anche per l'elevata qualità degli avversari. Nella finale della ripresa, causa ritmi più blandi, riesce a rimettersi in gareggiata.

Darmian 6 – Accostato dagli addetti ai lavori vicino al Bayer Monaco, il laterale sinistro inizia male, ma cresce man mano che passano i minuti, reggendo soprattutto l'urto di Srna che cerca sempre la profondità.

Parolo 6 – Il laziale, reduce da una grande annata, vince il ballottaggio con Soriano per un posto a centrocampo. Non eccellente la sua prestazione, è comunque un valido supporto per Pirlo e per il reparto difensivo. Nel finale spreca da buona posizione la chance del possibile vantaggio azzurro.

Pirlo 6 - Dopo la prestazione negativa disputata contro il Barcellona, per il centrocampista bresciano, quella di stasera potrebbe essere l'ultima gara in Nazionale. Solita intelligenza tattica in mezzo al campo, è comunque stanco per una stagione giunta al termine. Sfiora il gol dalla distanza al 68' ma la sfera finisce sopra la traversa.

Marchisio 6 – Il Principino combatte a centrocampo, trovandosi di nuovo contro Rakitic. Abile nel gestirsi, riesce a dare il giusto equilibrio al centrocampo alternando entrambe le fasi.

Candreva 7 – Il migliore. Con il cambio di modulo torna nella sua posizione originaria, ovvero quel ruolo di esterno d'attacco, che l'ha visto protagonista in campionato. Propositivo sin dalle prime battute di gioco, realizza alla mezz'ora il penalty che riporta il risultato in parità. Sempre in partita, nella ripresa è a tratti irresistibile con le sue giocate e la sua velocità.

Pellé 6,5 – Il bomber italiano viene di nuovo confermato al centro dell'attacco e la scelta si rivela azzeccata perché Graziano sgomita e dà filo da torcere ai due centrali croati. Primo tempo da protagonista in quanto mette lo zampino nel gol annullato ad El Shaarawy. Poi confeziona un grande assist, sempre per quest'ultimo che però spreca e infine al 43' poteva fare di più solo davanti a Subasic, perché non incrocia la palla del possibile vantaggio italiano. Nella ripresa abbassa un po' il ritmo ma la sua prova è comunque positiva.

El Shaarawy 6,5 – Segnali di ripresa per il faraone. Dopo un finale di stagione in crescendo, il talento del Milan sigla una rete dopo dieci minuti, ma l'arbitro inglese annulla per un fuorigioco che non c'è. Ancora un'altra grande occasione dopo venti minuti, ma il suo rigore in movimento è debole e bloccato dal portiere. Nella ripresa acquisisce sicurezza e le sue sgroppate sulla fascia fanno impazzire i difensori avversari. Speriamo che questo buon finale di stagione, sia il preludio per la prossima annata, che sarà quella degli Europei francesi. Dal 79' Ranocchia s.v.

All. Conte 6,5 – A causa delle numerose assenze, il tecnico abbandona il 3-5-2 per proporre un più congeniale 4-3-3. Astori viene preferito a Ranocchia, mentre Parolo a Soriano. Dopo un avvio difficoltoso, la sua formazione raggiunge il pari e poi gioca un buon calcio, soprattutto durante la seconda frazione di gioco, grazie alle ottime performance degli esterni Candreva ed El Shaarawy. Continua a rimanere imbattuto sulla panchina della Nazionale maggiore e grazie al pareggio acquisito stasera, la qualificazione agli Europei del prossimo anno, non sembra essere in pericolo.

 

Arbitro: Atkinson 5,5 – Il 44enne inglese che ha diretto anche la finale di Europa League fra Dnipro e Siviglia, deve subito decretare un giusto penalty alla Croazia, per un fallo ingenuo di Astori ai danni di Srna. Al 10' invece sbaglia decisione, perché annulla un gol regolare all'Italia, per un fuorigioco inesistente fischiato a El Shaarawy. Al 34' decreta il rigore all'Italia, per un evidente tocco di mano di Mandzukic durante una mischia in area croata. Nella ripresa, giusta l'espulsione a Srna per un fallo su Marchisio.


TABELLINO

CROAZIA-ITALIA 1-1

Croazia (4-2-3-1): Subasic; Srna, Schildenfeld, Vida, Pranijc (dal 73' Vrsalijko); Rakitic, Brozovic; Olic (dal 46' Rebic), Kovacic (dal 92' Leovac), Perisic; Mandzukic. A disp: Kalinic, Vargic, Leskovic, Jajalo, Badelj, Kramaric, N. Kalinic, Pjaca, Sharbini. All. Niko Kovac 

Italia (4-3-3): Buffon (dal 46' Sirigu); De Silvestri (dal 26' De Sciglio), Bonucci, Astori, Darmian; Parolo, Pirlo, Marchisio; Candreva, Pellé, El Shaarawy (dal 79' Ranocchia). A disp: Padelli, Moretti, Pasqual, Bertolacci, Soriano, Gabbiadini, Immobile, Sansone, Vazquez. All. Antonio Conte

Arbitro: Martin Atkinson (ENG)

Marcatori: 11' Mandzukic (C), 34' Candreva (I)

Ammoniti: 10' Buffon (I), 34' Mandzukic (C), 42' Olic (C), 52' Parolo (I), 54' Srna (C), 71' Marchisio (I), 82' Rebic (C), 

Espulsi: 90' Srna (C)

Note: Gara giocata a porte chiuse




Commenta con Facebook