• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Francia > PSG, Verratti: "Zeman mi ha cambiato la vita. Balotelli? Non lo fischiano per razzismo"

PSG, Verratti: "Zeman mi ha cambiato la vita. Balotelli? Non lo fischiano per razzismo"

Il centrocampista italiano si è raccontato in una lunga intervista a 'So Foot'


Marco Verratti (Getty Images)

02/04/2015 20:08

PSG VERRATTI ZEMAN ANCELOTTI BALOTELLI/ PARIGI (Francia) - Reduce dall'impegno con la Nazionale italiana, Marco Verratti è tornato a disposizione del Paris Saint-Germain per il finale di stagione che vedrà gli uomini di Blanc impegnati nella ricorsa al campionato e nel difficilissimo quarto di finale contro il Barcellona. Il centrocampista azzurro, in una lunga intervista rilasciata a 'So Foot', ha parlato di due suoi ex allenatori come Zeman e Ancelotti e del rapporto con Mario Balotelli.

ZEMAN - "L'anno a Pescara con Zeman ha cambiato la mia vita, con lui ho capito cosa significa la parola fiducia, iniziando a pensare al calcio 24 ore su 24. Lui ti fa memorizzare tutti i movimenti fin quando non conosci a memoria la sua filosofia di gioco. Nessuno lavora come lui: a fine allenamento, a volte mi veniva da vomitare per lo sforso dopo venti chilometri di corsa, era un allenamento letterale".

ANCELOTTI - "Carlo Ancelotti un giorno mi ha detto: oggi farò il più grosso errore, ti farò giocare. E' un allenatore che si prende tutte le pressioni per permettere ai giocatori di andare in campo più tranquilli. Prepara le partite in maniera precisa e sa gestire alla grande il gruppo".

BALOTELLI - "Quando parli con Mario dice sempre che cambierà, ma se non è cambiato fino ad ora, difficilmente lo farà. Deve decidere se restare un grande giocatore o no: ha tutto per esserlo, sa fare cose che nessun'altro sa fare. Quando lo fischiano è per il suo comportamente fuori dal campo, non per il colore della pelle. Gli italiani non sono più razzisti dei francesi".

S.F.




Commenta con Facebook