• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > TDM - Tattica del Mercato > TATTICA DEL MERCATO - Milan e Napoli, Valdifiori: esperienza e qualità a centrocampo

TATTICA DEL MERCATO - Milan e Napoli, Valdifiori: esperienza e qualità a centrocampo

L'analisi di Calciomercato.it sui protagonisti del mercato: occhi puntati sul centrocampista dell'Empoli


Mirko Valdifiori con la maglia dell
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

18/03/2015 19:02

TATTICA DEL MERCATO CALCIOMERCATO MILAN NAPOLI INZAGHI BENITEZ SARRI VALDIFIORI / ROMA - La Serie A 2014/2015 è entrata nella sua fase cruciale ma il calciomercato è sempre protagonista, con un occhio all'annata 2015/2016. Il Napoli di Rafa Benitez al momento è concentrato sulla corsa per un posto in Champions League mentre il Milan di Filippo Inzaghi sta sprofondando e vede sempre più distante l'Europa. Le due compagini stanno letteralmente dandosi battaglia per Mirko ValdifiorI, protagonista dunque del calciomercato Milan e del calciomercato Napoli. Valdifiori, regista dell'Empoli, piace a Milan e Napoli che cercano qualità e geometrie di livello a centrocampo. Conosciamolo meglio attraverso la nostra rubrica 'Tattica del Mercato'.

 

BIOGRAFIA DI MIRKO VALDIFIORI, OBIETTIVO DI MILAN E NAPOLI PER IL CENTROCAMPO

Mirko Valdifiori nasce a Lugo, in provincia di Ravenna, il 21 aprile 1986. Cresce nel settore giovanile del Cesena con cui esordisce nelle ultime giornate della stagione 2004/2005, in Serie B. Nel 2006 viene mandato in prestito al Pavia, in Serie C1 dove comincia ad accumulare esperienza. L'annata successiva lo vede protagonista a Legnano, sempre a titolo temporaneo. Nel 2008 l'Empoli lo acquista. Valdifiori comincia subito a ritagliarsi uno spazio importante sotto la gestione di Silvio Baldini ma anche successivamente con Campilongo ed Aglietti. L'arrivo di Maurizio Sarri decreta la svolta per il giocatore che diventa un perno del centrocampo azzurro e della manovra, contribuendo in maniera sensibile al ritorno in Serie A nel 2014.

Valdifiori non ha vestito nessuna maglia azzurra ma Antonio Conte potrebbe dargli una chance viste le eccellenti prestazioni che lo vedono come uno dei migliori registi della Serie A.

 

CARATTERISTICHE TECNICO-TATTICHE DI VALDIFIORI

Alto 1,76 per 70 kg, fisico asciutto e normolineo, destro naturale. Valdifiori è un centrocampista centrale. Il suo ruolo naturale è quello di regista davanti alla difesa in una mediana a 3, protetto dunque da due mezze ali capaci di coprirlo in fase difensiva. Non eccezionalmente dotato dal punto di vista fisico (è piuttosto gracile) sopperisce con una visione di gioco davvero notevole. Piede destro educatissimo, sa far girare la squadra con qualità e dettando i ritmi, senza aver paura di prendersi le proprie responsabilità in momenti clou. E' un leader silenzioso. Calcia bene punizioni e corner ed è bravo nel servire assist ai compagni, mentre la conclusione in porta non è un fondamentale che gli appartiene. Giocatore molto disciplinato dal punto di vista tattico, eccede a volte in foga (colleziona svariate ammonizioni) ma ha una costanza di rendimento assolutamente sbalorditiva.


VALDIFIORI E' UN GIOCATORE ADATTO A MILAN E NAPOLI? 

Il Milan di Filippo Inzaghi (anche se è tutto da vedere se l'ex attaccante sarà confermato in panchina) ha bisogno di un deciso restyling a centrocampo, dove pecca di qualità. Nella mediana a 3 di 'Superpippo' Valdifiori troverebbe la collocazione ideale, potendo giostrare come regista affiancato da mezze ali di buon livello come Poli e Bonaventura. L'età avanzata (è un classe '86) e la scarsa esperienza ad alti livelli però lasciano qualche perplessità per una squadra che non può più permettersi scommesse. Diverso il discorso in casa Napoli. Nel 4-2-3-1 di Rafa Benitez, Valdifiori dovrebbe 'reinventarsi' per giostrare nei due mediani e potrebbe perdere di incisività. Potrebbe comunque essere un'alternativa solida in caso di passaggio al 4-3-3 ma anche i partenopei avrebbero bisogno di giocatori di ben altro calibro.

 




Commenta con Facebook