• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie B > Bologna, Tacopina: "Morirò da presidente di questo club. Il modello è il Psv"

Bologna, Tacopina: "Morirò da presidente di questo club. Il modello è il Psv"

Il numero uno della società emiliana fa il punto sugli obiettivi e le strategie future


Joe Tacopina (Getty Images)

08/11/2014 09:44

BOLOGNA TACOPINA MERCATO PSV LOPEZ FUSCO / BOLOGNA - C'è tutta un'aria nuova a Bologna. Il nuovo presidente Joe Tacopina ha riportato l'entusiasmo alla piazza rossoblu ed ai microfoni del 'Corriere dello Sport' racconta il suo progetto: "E' una società ricca di storia e mi piace il rapporto con i tifosi che mi fermano per strada. Questa è la tifoseria migliore al mondo. E' stata dura, ma ho voluto fortemente il Bologna. Ora conto di restare qui vent'anni. Voglio morire da presidente del Bologna, magari non presto... Non venderò mai questo club".

MODELLO - "Il mio modello è il Psv. Nato dal nulla e arrivato ai vertici d'Europa in poco tempo. Il nostro bacino d'utenza poi è di 100 mila abitanti in più. Hanno strutture all'avanguardia, un'Academy, ottimi giovani e disponibilità economica per comprare in giro". 

STADIO - "Il 'Dall'Ara' è bellissimo e ricco di storia e fascino. Ma ha bisogno di una 'tinteggiata di bianco'. Oggi arriverà l'architetto a cui voglio affidare il restyling. Allo stadio deve poter venire tutta la famiglia".

LOPEZ - "Non andrò mai a dirgli chi deve far giocare. E' bravo, sta facendo giocare bene la squadra. Impossibile dire se lui e Fusco rimarranno anche in caso di promozione in A. Di sicuro Fusco non lo tocco".

MERCATO - "Seguiremo le indicazioni di Lopez e Fusco. Comunque giocatori in gamba ne abbiamo anche noi". 

OBIETTIVO - "Quello immediato è portare il Bologna in Serie A. Nient'altro. Penso in grande, ma dico anche: relax. Sono qui da tre settimane".

ROMA - "Ero partito da vicepresidente, poi le cose sono cambiate. Nel corso dei mesi il mio ruolo è diventato più marginale. Ma non ho rimpianti. Ho avuto un ruolo importante nella costruzione della società e ora sono felice che sia in Champions. Squadra ben pensata con il miglior Ds al mondo, Walter Sabatini. E vincerà lo scudetto, ne sono sicuro. Fenucci? Qualcuno da Roma arriverà".

L.P.




Commenta con Facebook