• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI UDINESE-NAPOLI

PAGELLE E TABELLINO DI UDINESE-NAPOLI

Badu e Callejon i migliori in campo. Nei friulani non brilla Muriel, tra gli azzurri male Hamsik e Reina


Callejon (Getty Images)
Gennaro Arpaia (Twitter: @J3nius9)

19/04/2014 17:04

PAGELLE E TABELLINO DI UDINESE-NAPOLI / NAPOLI – Mancano i goleador, Higuain e Di Natale, ma i gol arrivano da due talenti delle rispettive squadre: Callejòn, alla marcatura numero 13 in campionato, e Fernandes. Spento l'estro di Muriel e Hamsik, errore ingenuo di Reina per il pari avversario. Insigne e Badu sprecano davanti alla porta gol che avrebbero potuto essere decisivi.

UDINESE

Scuffet 6 – Non può nulla sul gol di Callejòn, ma per il resto non soffre mai. Preciso sui calci piazzati e sulle uscite; il futuro, ma anche il presente, è suo.

Heurtaux 6 – Sembra il migliore dei suoi in avvio, ma cala alla distanza. Soffre Insigne, ma poi la retroguardia trova le misure adatte a contenere l’attacco non scoppiettante degli avversari. (Dall’80' Basta SV)

Danilo 6 – Tiene Zapata senza problemi, sempre in anticipo di mestiere sul colombiano. Prova a pungere anche in attacco, ma non ha mai la palla giusta.

Domizzi 6 – Senza problemi, sempre d'esperienza in tutte le chiusure. Gestisce e indirizza la difesa dei suoi, fa ripartire il centrocampo senza affanni.

G. Silva 5 – Il peggiore dei suoi: sempre in affanno in difesa, impreciso in attacco. Sul gol di Callejòn sbaglia a posizionarsi e oscura la visuale del suo portiere.

Pinzi 5,5 – Non nella miglior serata, ma ha il merito di rubare la palla e servire l’assist che vale l’1-1. (Dal 78' Nico Lopez 5 – Pochi minuti ma un errore gravissimo in ripartenza, quando un suo mancato assist poteva valere il vantaggio friulano).

Badu 7 – Corsa, polmoni, cuore, ma anche qualità. Il centrocampista ghanese è il motore della nuova Udinese. Sbaglia il gol del vantaggio nel primo tempo, ma tiene sempre in mano il reparto.

Allan 5,5 – Come un diesel, migliora alla distanza, ma non tanto per la sufficienza.

Fernandes 6,5 – Segna il pari, ma è il cuore di ogni manovra d’attacco dei suoi. Chiude poco in difesa, e Guidolin lo ammonisce spesso, ma è l’elemento di maggior qualità in assenza di Di Natale. Funge da raccordo tra la mediana e Muriel, ma il colombiano non sempre lo premia.

Pereyra 5,5 – Senza infamia e senza lodi, non incide troppo sul match. Migliora come tutta l’Udinese dopo il gol del pari.

Muriel 5,5 – Ci si aspetterebbe sempre di più da uno con le sue qualità, ma la sua partita è un insieme di luci ed ombre. Cresce quando cresce la squadra, ma non suona la carica quando è in difficoltà. (Dall’89’ Widmer SV)

All. Guidolin – Fa tanto con poco. Gli manca Di Natale e s’inventa una squadra tutta velocità e ripartenze, che incassa il colpo del gol avversario ma trova comunque la forza di rialzarsi. La salvezza, non ancora matematica, è vicinissima.

 

NAPOLI

Reina 5,5 – Ordinaria amministrazione, almeno fino al gol del pareggio avversario. Troppo grande l’errore – da condividere comunque con Behrami - per mantenere la sufficienza, anche se prova a riscattarsi in ogni modo.

Reveillere 5 – Fa quello che può, contenendo senza mai ripartire. Dalle sue parti Fernandes fa quello che vuole, ma Callejòn gli dà una mano e si limitano le folate dell’Udinese.

Henrique 6 – Non positivo come quando scorrazza a destra, ma da centrale cerca di fare il suo. Positive

Fernandez 5,5 – Qualche intervento in chiusura, ma niente di speciale. L'Udinese va a folate e lui cerca di gestire tutta la difesa. Sul gol del pari ci riuscirebbe pure, con Fernandes in fuorigioco, ma il guardalinee non se ne accorge. Espulso nel finale, salterà l'Inter.

Ghoulam 6,5 – Il più positivo dietro. Corre, chiude, si sacrifica per i suoi. Quantità e qualità, anche se manca il quid vincente.

Inler 5 – Bene in chiusura, molto meno nell'eventuale regia: il centrocampo avversario riesce ad ingabbiarlo ad ogni azione e fatica ad uscire dalle marcature. Lontano parente di quello che faceva faville proprio in questo stadio.

Behrami 5,5 – Chiude, ci mette una pezza quando può alle tante falle della mediana azzurra, ma spesso arriva in ritardo. Si becca un’ammonizione per somma di interventi scorretti, errore grossolano sul gol del pari di Fernandes. (Dal 74’ Jorginho sv )

Insigne 6,5 – Cresce sempre di più, come le sue prestazioni. Prende molto spesso per mano l’intera squadra, si accentra, lotta e rifinisce. Manca il gol, però, e non è poco, perché avrebbe potuto chiudere il match a favore dei suoi per ben due volte davanti alla porta.

Hamsik 5,5 – Parte bene, cerca la porta, ma poi va calando. Il gol non arriva e sembra perdere la convinzione minuto dopo minuto. Poteva ritrovare l’assist, ma Insigne non lo premia. (Dall’89’ Albiol SV)

Callejòn 7 – L’uomo nell’ombra che fa male sempre. Taglia, chiude, riparte, imbandisce la tavola per gli altri, segna un gol favoloso, il numero 13 in campionato. È sempre più fondamentale in questo Napoli, freddo come pochi davanti alla porta.

Zapata 5 – La spizzata di testa per il gol di Callejòn, tanto movimento ma poca sostanza. Sostituisce Higuain con caratteristiche diametralmente opposte, fallendo il gol del raddoppio poco prima del pari avversario. (Dal 68’ Pandev 5,5 - Il suo ingresso in campo avviene nel momento peggiore per la squadra: il macedone però non riesce a dare la scossa ai suoi compagni e non incide sul match).

All. Benitez 6 – Pensa alla trasferta di Milano contro l’Inter e manda in campo una squadra molto diversa dalla vittoria con la Lazio. Lancia Duvan, ma senza fortuna, si riaffida a Reveillere, ma la squadra torna a giocare male soffrendo la mancanza di un regista puro in mezzo al campo.

Arbitro Calvarese 5 – Errore (anche se non suo) sul pari dell’Udinese, in netto fuorigioco, ma ad incidere sono soprattutto i tanti errori di gestione durante il match. Interrompe troppo spesso il gioco non consentendo il naturale svolgimento del match.

 

TABELLINO

NAPOLI (4-2-3-1): Reina; Reveillere, Fernandez, Henrique, Ghoulam; Behrami, Inler; Insigne, Hamsik (Dall’89’ Albiol), Callejòn; Duvan (dal 67’ Pandev).  A disposizione: Colombo, Doblas, Albiol, Mesto, Zuniga, Radosevic, Dzemaili, Jorginho. All. Benitez

UDINESE (4-3-2-1): Scuffet; Heurtaux (dal 80’ Basta), Danilo, Domizzi, G. Silva; Pinzi (dal 78’ Nico Lopez), Badu, Allan; Fernandes, Pereyra; Muriel (dal 86’ Widmer). A disposizione: Brkic, Benussi, Naldo, Bubnjic, Yebda, Jadson, Di Natale, Zielinski, Maicosuel. All. Guidolin

Arbitro: Calvarese

Marcatori: 38’ Callejòn (N) 54’ Fernandes (U)

Ammoniti: 1’ Pinzi (U), 20’ Fernandez (N), 37’ Pereyra (U) 65’ Behrami (N) 75’ Jorginho (N)

Espulsi: 89’ Fernandez (N)




Commenta con Facebook