• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > 'ITALIANS' - Le pagelle degli 'Italiani' all'estero: Ibra 'serve' i tre

'ITALIANS' - Le pagelle degli 'Italiani' all'estero: Ibra 'serve' i tre punti. Ferrari, figuracce a stelle e striscie

Tutti i voti degli ex giocatori del nostro campionato che hanno salutato l'Italia nelle ultime sessioni di mercato


Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)
Hervé Sacchi

02/04/2013 12:54

ITALIANS VOTI PAGELLE ITALIANI ESTERO EX GIOCATORI SERIE A / ROMA - Il gol non arriva. Zlatan Ibrahimovic, tuttavia, si fa perdonare degli errori con un assist a Gameiro che serve a strappare altri tre punti preziosissimi in vista del titolo. Nella vittoria contro il Montpellier, non hanno sfigurato nemmeno gli altri 'ex' del nostro campionato come Verratti e Thiago Silva. Giornata pasquale positiva anche per Coutinho, sempre brillante da quando è arrivato al Liverpool, e per l'ex compagno Sneijder. Si unisce al gruppo anche Pato che, grazie ad un rigore procurato e poi trasformato, regala la vittoria al suo Corinthians nel 'classico' contro il San Paolo.
Da dimenticare, invece, è stata la giornata di Urby Emanuelson che entra nella cerchia di giocatori inseriti e sostituiti nell'arco della stessa gara. Peggio ancora, è andata a Matteo Ferrari che, senza Nesta al suo fianco, appare spaesato. Errori decisivi pesano sulla sua coscienza nella sconfitta rimediata contro lo Sporting Kansas City.
Piccola appendice per salutare Alessandro Del Piero che conclude, anzitempo, il suo campionato. Il Sydney FC non riesce ad accedere ai playoff. Lo score (14 gol) dell'ex juventino non è bastato per protrarre la stagione alla fase finale. 

Zlatan Ibrahimovic (Paris Saint-Germain): 7 - Sciupa una buona dose di occasioni nel primo tempo, ma è grazie a lui se Kevin Gameiro può mettere l'accento su una partita che pareva destinata a concludersi sullo 0-0. DELIZIA

Thiago Silva (Paris Saint-Germain): 6,5 - La porta resta chiusa e, come sempre, lui ha voce in capitolo. C'è da dire che gli attacchi del Montpellier non sono tali da essere raccolti nemmeno in un opuscolo, ma quelle poche presenze in area sono state sventate dal sempre provvidenziale difensore brasiliano. PADRONE

Marco Verratti (Paris Saint-Germain): 6,5 - Spostato sulla trequarti, ha destato una buona impressione. Rispolvera un po' di inventiva per l'occasione, cercando di lanciare Ibra in più occasioni. Una, in particolare, non viene sfruttata dallo svedese nella prima frazione. AVANZATO

Ezequiel Lavezzi (Paris Saint Germain): Non convocato.
 
Gaston Ramirez (Southampton): - In panchina.
 
Matija Nastasic (Man. City): - Non convocato.

Maicon (Man. City): - Non convocato.

Julio Cesar (Qpr): 6 - Avrebbe potuto fare di più sul gol di Berbatov, ma la sua prestazione resta comunque sufficiente. Compie alcune parate importanti sia nel primo tempo che nella ripresa, dando seguito alle apparizioni positive in Nazionale.

Fabio Borini (Liverpool): - Infortunato.

Philippe Coutinho (Liverpool) 6,5 - Molto più vivace dopo l'intervallo, il brasiliano è l'arma in più di una squadra che ha finalmente ritrovato un'identità. L'ex Inter si rende protagonista dell'assist a Henderson che permette al Liverpool di centrare il momentaneo pareggio (la gara è stata vinta 2-1, grazie a una rete di Gerrard). CENTRO DI GRAVITA'

Urby Emanuelson (Fulham): 4,5 - Parte dalla panchina, come sempre, ma viene chiamato in causa prima del solito a causa dell'infortunio di Dejagah. Salvo qualche dribbling estroso, non trova la dimensione di gara. Avulso dal gioco, appare fin troppo nervoso. Ciliegina sulla torta: l'espulsione di Sidwell lo porta ad essere il prescelto per lasciare il campo. UMILIATO

Milos Krasic (Fenerbahce): - Non convocato. 

Reto Ziegler (Fenerbahce): 6 - Lo si rivede in campo e, questa volta, la sua prestazione è pienamente convincente. Dalle sue parti, non si scatena certo il finimondo ma, a differenza delle sue prima apparizioni stagionali, mostra una condizione fisica decisamente migliore. SODDISFACENTE

Wesley Sneijder (Galatasaray): 6 - Se la squadra gira, ha sicuramente del merito. Punto di riferimento a cavallo tra centrocampo e attacco, dell'olandese si può apprezzare il grande impegno e l'apporto efficace nella manovra. ASSISTENTE

Felipe Melo (Galatasaray) 6 - Partita ordinata, come non sempre gli capita. Mette fisico e grande agonismo in una gara (vinta 2-0 contro l'Istanbul BB) che dà morale in vista della Champions. DILIGENTE
 
Graziano Pellé (Feyenoord) - Infortunato.

Luc Castaignos (Twente): 5 5 - Disputa tutto il secondo tempo. La sua squadra lo cerca, recapitandogli diversi palloni. Lui non arriva con la giusta tempestività sugli stessi. Il pareggio (1-1) contro il Nac Breda è l'ennesima occasione sciupata da una squadra che, prima di Natale, lottava per il titolo. Per Castaignos, si tratta dell'ultima di una serie di prestazioni che non arrivano all'asticella della sufficienza. IMPACCIATO  

Mark van Bommel (PSV Eindhoven): 6 - Il gol subito nel finale di partita contro il Roda complica le ambizioni del Psv, distanziato ora di tre punti dall'Ajax. Non basta, dunque, la doppietta di Toivonen, abile nell'occasione del secondo gol a sfruttare l'assist di un van Bommel sempre POSITIVO.

Gennaro Gattuso (Sion) - Squalificato.

Jose Angel (Real Sociedad): - In panchina.

Samuele Longo (Espanyol): - In panchina.

Dorlan Pabon (Real Betis) 6 - Ha avuto poche occasioni. Resta a bocca asciutta, ma l'impegno non è mancato. SUFFICIENTE

Robert Acquafresca (Levante) 6,5 - Non segna ma ci va vicino in diverse occasioni. Il portiere del Siviglia gli nega, dunque, la gioia personale ma si può comunque consolare con una vittoria che lo vede tra i protagonisti indiscussi. RIGENERATO

Fernando Tissone (Maiorca) 5,5 - Piuttosto spento, l'ex Samp non riesce a dare il suo normale contributo. DORMIENTE

Alessandro Del Piero (Fc Sydney) 6,5 - La differenza reti nega l'accesso ai playoff. Il Sydney FC esce sconfitto dal confronto con il Brisbane Roar (1-3) e deve concludere anzitempo la sua stagione in virtù dell'1-1 del Perth Glory (contro l'Adelaide), che permette a questi ultimi di qualificarsi alla fase finale. La stagione resta, tuttavia, positiva per l'ex bianconero che chiude a quota 14 gol il suo campionato. Peccato solo che tale bottino non abbiamo potuto regalare ulteriori soddisfazioni. BEFFATO.

Alexandre Pato (Corinthians) 6,5 - Risolve il 'Classico Majestoso' contro il San Paolo con una rete su rigore, precedentemente procuratosi. Una soddisfazione in più da aggiungere all'uovo di Pasqua.
 
Lucio (San Paolo) - Squalificato.

Clarence Seedorf (Botafogo) - Squalificato.

Alessandro Nesta (Montreal Impact) - Infortunato.

Matteo Ferrari (Montreal Impact) 4 - Un giocatore della sua esperienza non può compiere quel genere di errori riscontrati nel match perso 2-0 contro lo Sporting Kansas City. Troppa sufficienza negli interventi e un approccio complessivamente molle permettono agli avversari di giornata di strappare l'imbattibilità agli Impact, orfani di Nesta e Pisanu. Ferrari esce dal campo con notevoli colpe, sia sui gol di Bieler e Zusi che sul gol annullato nel primo tempo al francese Collin. INGUARDABILE

Marco Di Vaio (Montreal Impact) S.V. - Per intenderci, l'ex Bologna ha disputato tutti i 90'. Dalle sue parti, tuttavia, passa un solo pallone giocabile. Non ci sono demeriti per l'attaccante, in questo caso penalizzato dal 4-5-1 adottato dal tecnico Schallibaum.

Andrea Pisanu (Montreal Impact) - Infortunato.




Commenta con Facebook