Breaking News
  • Milan: Allegri e la fiducia simpatica
    © Getty Images

Milan: Allegri e la fiducia simpatica

Consueto appuntamento di Calciomercato.it con il punto di vista del mondo rossonero

. p>MILAN ALLEGRI FIDUCIA SIMPATICA / MILANO - Fiducia, pacate polemiche, colore, risate, battute, c’è tanto dietro la prima conferenza stampa di Mister Allegri in vista della sfida che aprirà il campionato rossonero 2012/2013 ma, in sintesi, la cosa più importante è: "Non ho mai pensato di dare le dimissioni.
Se le cose andranno bene sarà merito della squadra, se dovessero andare male sarò il solito capro espiatorio ma va bene così.
Ho accettato in sintonia con la società, con Adriano Galliani e con il Presidente Berlusconi, tutte le prospettive e i programmi di crescita.
Sono arrivati molti giovani, ci sarà tanto da lavorare ma le motivazioni crescono.
Partire da sfavoriti, da un quinto posto pronosticato da molti, ci dà ulteriore entusiasmo per affrontare la stagione e poi si vedrà.
D’altra parte lo scorso anno abbiamo fatto un campionato straordinario per poi buttare via tutto nel finale.
Le cose potrebbero cambiare".
Allegri si presenta così davanti alla solita platea di giornalisti, si presenta con il sorriso e tanto sarcasmo, su sé stesso e su quello che sarà.

CASSANO - Riguardo a Cassano rilascia poche dichiarazioni.
Non sembra che sia dipesa da lui, in prima persona, la decisione dell’attaccante barese di lasciare la maglia rossonera.
Allegri gli ha dato tante possibilità, l’ha fatto giocare praticamente sempre, per lo meno quando era in condizioni, e: “Credo che sia andato agli Europei grazie al lavoro del nostro staff medico.
L’abbiamo rimesso in piedi oltre a ridargli l’occasione di scendere in campo come prima.
Dovete chiedere a lui come mai abbia deciso di andarsene”.

SAMPDORIA
- Il punto saliente, però, è la sfida di domani contro la Sampdoria: una squadra compatta che fa del contropiede la sua forza principale.
Il Milan dovrà schierare una formazione equilibrata sapendo di non poter fare affidamento né su Ambrosini né su Abate.
Probabilmente in campo dal primo minuto troveremo Montolivo e De Sciglio, ancora dubbi per quanto riguarda i centrali difensivi, in attacco, invece, dovremmo vedere titolare il nuovo acquisto Pazzini, chissà che non riesca a sbloccare i suoi gol fin dall’inizio proprio contro una squadra che, in sostanza, gli ha dato molto.
Bisogna lottare per crescere, per stare a galla, per riconfermarsi e ritrovare entusiasmo nella tifoseria.

KAKA' - Resta aperta la pista Kakà: “Ho anche pensato di arretrarlo rispetto alla sua posizione naturale, ci sto riflettendo ma, per il momento, è ancora un giocatore del Real Madrid”, il fatto che ci stia pensando, però, non può che trasmettere fiducia verso una trattativa apparentemente difficile.

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)