Breaking News
  • Roma-Sassuolo, Di Francesco: "Schick titolare. Ecco cosa ci manca"
    © Getty Images

Roma-Sassuolo, Di Francesco: "Schick titolare. Ecco cosa ci manca"

Ecco le parole del tecnico giallorosso in vista del match di domani

ROMA SASSUOLO LIVE DI FRANCESCO / Nella giornata di domani, alle ore 15.00, la Roma scenderà in campo in casa contro il Sassuolo. Di Francesco sfiderà dunque il proprio passato e in conferenza ha presentato questa sfida cruciale, che potrebbe valere il sorpasso all'Inter: "Non vediamo l'ora di metterci al pari con le altre, in termini di gare giocate, per valutare la situazione. Siamo cresciuti ma ci manca qualcosa per diventare competitivi sotto ogni punto di vista. Dovremo crescere in fase realizzativa. In passato ci riusciva, mentre oggi creiamo tanto ma si segna meno, come a Torino. Alla fine poi è il risultato a decretare il giudizio, ma fa parte del nostro lavoro".

SASSUOLO - "Ho ancora una forte emozione per quanto vissuto a Sassuolo. E' stato un amore davvero grande e quando rivedo certe persone mi emoziono ancora. La gente ricorda soltanto la serie A ma penso anche al passato, al campionato di serie B, al gol di Missiroli. Iachini ha dato solidità a una squadra che prima prendeva gol con maggior facilità".

PELLEGRINI-DEFREL - "Pellegrini ha giocato tanto e ha una grandissima prospettiva. Sono molto contento di lui ed è in continua crescita. Oggi ha maggiore personalità ed è tra i titolari della squadra. Defrel invece è stato sfortunato. Ha ripreso la scorsa settimana una botta, nello stesso punto in cui si era fatto male, e sta provando a smaltire".

MODULO - "Il 4-2-3-1 non è nella mia testa al momento. Se dovessi cambiare, opterei per un 4-2-4. Detto questo non dirò la formazione di domani, anche se posso anticipare Schick dal primo minuto".

MERCATO - "Non mi interessa assolutamente del mercato attualmente. Devo pensare ai miei ragazzi, ai miglioramenti da fare per restare competitivi, e al Sassuolo. Magari si cambierà idea nei prossimi giorni, ma al momento è l'ultimo dei miei pensieri".

PERIODO COMPLICATO - "Un periodo così l'ho avuto già all'inizio, ora per ripartire abbiamo solo una strada che è quella della vittoria.

Dobbiamo cerca di somatizzare meglio le sconfitte, non tutti i successi finora sono arrivati come li volevo io, però ben vengano le vittorie sporche".

VINCERE - "La parole vincere mi piace moltissimo a livello motivazionale. Vincere lo scetticismo, fare risultati importanti e valorizzare i giocatori sono gli obiettivi. Ma bisogna vincere attraverso un'idea e non a tutti i costi. Non mi do voti, semmai me li date voi, io sono contento di quello che sta cambiando, mi sento integrato e stimolatissimo, stiamo cercando di far diventare la Roma e questo ambiente una famiglia".

SCHICK - "Capita di sbagliare i gol ma pesa anche. Sono vicino a Patrick, che deve però avere la forza di superare questo momento. Gli sono vicino perché è un capitale della società e perché è un giocatore forte, con grandi qualità. Non è ancora un campione, deve fare ancora tanta strada ma le qualità sono fuori discussione. Deve lavorare sull'aspetto psicologico. Sicuramente non deve passare il messaggio che abbiamo perso per un suo errore, ci sono state tante altre disattenzioni di fronte a una squadra forte come la Juve, che ha ancora qualcosa in più di noi".

NAINGGOLAN - "L'anno scorso metteva dentro ogni tiro dai 25 metri, quest'anno quanti pali abbiamo già preso? Ci sono annate in cui ti riesce tutto, nonostante questo Radja rimane un giocatore incredibile che magari da mezz'ala deve crescere nell'attacco alla porta. Voglio pensare positivo sul fatto che prima o poi tutto il centrocampo cominci a segnare".

DZEKO - "L'importante è che torni a segnare, è fondamentale per fare punti vedi l'Inter che ne ha fatti tanti grazie a Icardi. Se Edin farà 8-10 gol non potremo ambire a traguardi importanti. Per risolvere questo problema conosco solo un modo: stimolare, stimolare, stimolare...".

CESSIONI ALLA JUVE - "E' una cosa societaria il fatto che qualche nostro giocatore sia stato ceduto alla Juve, comunque succede ovunque. Loro hanno qualcosa in più, si possono permettere di tenere Dybala in panchina".

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)