• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B


Calciomercato > Roma > Roma-Sassuolo, Spalletti: "Ho bisogno di difendermi. Visto agenti in incognito"

Roma-Sassuolo, Spalletti: "Ho bisogno di difendermi. Visto agenti in incognito"

Il tecnico dei giallorossi alla vigilia della sfida contro i neroverdi


Luciano Spalletti ©Getty Images
Martin Sartorio ( Twitter: @SartorioMartin)

18/03/2017 15:00

ROMA SASSUOLO CONFERENZA SPALLETTI / Giornata di vigilia per la Roma di Luciano Spalletti. I giallorossi tornano in campo in campionato dopo l'eliminazione dall'Europa League. Il tecnico toscano in conferenza stampa per parlare delle news Roma del momento a poco più di 24 ore dalla sfida contro il Sassuolo, valevole per la 29a giornata di serie A.

Ecco quanto raccolto da Calciomercato.it:

BOLLETTINO MEDICO - "Ho visto grande disponibilità. Non ci sono cose particolari. La pesantezza degli scontri dopo che esci sconfitto fanno più male. Edin aveva preso delle botte ma di infortuni veri e proprio non se ne ha il sentore. E' chiaro che l'allenamento di oggi ci chiarirà se abbiamo ragione. Non ci sono situazioni al momento".

POST LIONE - "Bisogna raccontarsi sempre la verità ed essere realisti per analizzare quello che è successo. Hai la sensazione di non avere nulla in mano. Ti viene il dubbio che forse è meglio restare al buio per non guardarsi allo specchio. E' una sconfitta che brucia certamente ma poi devi analizzare e ti rendi conto che la partita ha detto tutto. La prestazione è quella lì: ci sono possibilità belle, importanti. Ti verrà a mancare la competizione ma la squadra e tutti avrebbero meritato. E' stata la partita che io volevo giocassimo. Il risultato poi ti lascia senza fiato ma i discorsi bisogna farli corretti. Questo è il livello che noi possiamo offrire contro una squadra forte. Abbiamo fatto 25 tiri in porta e questo vuol dire che abbiamo fatto bene. Nel finale abbiamo concesso qualcosa..."

DI FRANCESCO - "E' facile dire che sia serio. Un ragazzo eccezionale. L'anno scorso ha fatto un grandissimo campionato. Quest'anno c'è stato un momento di difficoltà ma ha una squadra forte tra le mani. Penso sia normale quello che è successo quest'anno. E' determinato dalla qualità emersa la passata stagione. Hanno dei giocatori forti, che abbiamo guardato noi come Defrel. Hanno dei nazionali, hanno Berardi e un gioco di squadra".

MANOLAS-RUDIGER - "Le squadre forte cominciano da dietro. Guarda il Barcellona che ha tirato dietro Mascherano. Napoli e Juventus hanno i centrali registi. Noi qualcosa qui bisogna migliorarla anche se Fazio, Rudiger e Juan Jesus un po' lo sanno fare. I margini di miglioramento sono paurosi. Ma che tempo ho avuto per lavoarci io? La difesa ad esso è tutta un'altra rispetto all'inizio. Con tutte queste partite ravvicinate come fai ad allenarti? Ti alleni da singolo ma a ritmi non altissimi. Giovedì ho visto una difesa perfetta. Siamo stati 30 metri più su, saltando addosso al Lione, soffocando le loro ripartenze. Vedi i miglioramenti da oggi a giugno".

SFIGA - "A 60 anni una sconfitta in più o in meno non cambia. La sfortuna non può togliermi niente ormai. Fare un lavoro di psicanalisi tutti i giorni è da sfigato (si rivolge al giornalista che ha fatto la domanda, ndr.). Avete mandato agenti sotto falso nome per capire che luna ho. Non mi sembra di leggere articoli bensì oroscopi. Ho detto che non posso essere uno sfigato. E' stato 'La Gazzetta dello Sport' a scriverlo... A voi interessa questo... Ho bisogno di difendermi perché non sono uno sfigato".

PRESIDENTE FIGC - "Mi sento dalla parte dei calciatori ma non essendo dentro le trattative. Ci sono determinate cose che non mi garbano ma è meglio parlare di calcio. Delle presenze di Ricci, magari che è un giocatore forte, o delle statistiche..."

Roma, corsa scudetto: tutto ancora possibile

 

Luciano Spalletti ha analizzato il cammino della Roma. E' ancora possibile vincere lo scudetto? Ecco la risposta del tecnico giallorosso: "Mi sembra che sia stato sempre normale in conferenza stampa. Non capisco questi discorsi adesso... La squadra se dimostra quello che è stata può vincere 4-5 partite di fila. Se le vinci tutte lo scenario può cambiare, anche se poi mancherebbe la volata ed è alla fine quello che conta. Se non ci sei diventa tutto più difficile"

 

 




Commenta con Facebook

.
.