• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, dal closing al campo fino al mercato: Montella 'annusa' la svolta

Milan, dal closing al campo fino al mercato: Montella 'annusa' la svolta

La situazione in casa rossonera, fra le due vittorie in campionato, i problemi di infermeria e le voci societarie


Vincenzo Montella ©Getty Images
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

21/09/2016 14:15

MILAN SECONDO POSTO CALCIOMERCATO IL PUNTO / MILANO - Secondo posto in classifica. Il Milan in questo momento è la terza forza del campionato, seppur con una partita in più, e chissà da quanto tempo non accadeva. Così come non accadeva da una vita di vedere i rossoneri appaiati con la Juventus in graduatoria. E le voci di calciomercato allargano ancora di più il sorriso dei tifosi. Anche se sono passate solo cinque partite (quattro per le altre), anche se i problemi ci sono, sono tanti e restano tutti lì, è speciale vedere per qualche ora il Diavolo di nuovo fra le big. E allora, dalla fase positiva in campionato ai problemi col closing, ripercorriamo l'attuale momento del Milan, con un occhio al calciomercato di gennaio. 


DALLA VITTORIA CON LA LAZIO ALL'OTTIMISMO IN CASA MILAN: LA SITUAZIONE

Due vittorie consecutive, proprio nel momento più nero di tutti. Alla vigilia del match con la Sampdoria le news Milan in merito a una presunta rottura fra Carlos Bacca e l'allenatore erano cadute come un fulmine a ciel sereno sulla polveriera rossonera. Sembrava tutto da rifare, invece ci ha pensato proprio il colombiano a scacciar via tutti i fantasmi, come ha confermato poi anche Vincenzo Montella in conferenza stampa. In panchina senza dire una parola, professionale e mortifero come al solito, in pochi minuti Bacca ha deciso (da subentrato) la sfida di Genova, si è ripreso la squadra e l'ha trascinata alla vittoria anche contro la Lazio, aprendo le danze per il 2-0 finale. Riccardo Montolivo ha parlato di vittoria preziosissima per il morale, e ha detto benissimo. La squadra è in fiducia, pian piano si stanno ritrovando gli uomini-chiave e stanno venendo fuori alcune sorprese davvero piacevoli. Suso e Niang sono ormai due solide realtà: lo spagnolo è imprescindibile nel discorso tattico di Montella, il francese ha avuto una battuta a vuoto con l'espulsione di Napoli ma ieri sera è tornato alla grande. Notizie confortanti anche dalla difesa: Paletta sta ritrovando i fasti di Parma, proponendosi sempre più come partner perfetto di Romagnoli, a destra sta finalmente esplodendo Calabria, il migliore in campo nelle pagelle di Milan-Lazio. Voti alti, giovani in rampa di lancio, vecchie scommesse che pagano finalmente i dividendi. Il progetto di Montella prende forma, ma guai a cantar subito vittoria. 


DALLE VOCI SUL CLOSING A QUELLE DI MERCATO: ECCO IL MILAN 'FUORI CAMPO' 

Già, perché comunque i problemi restano, e Montella sa benissimo che bisogna lavorare tanto prima di considerarli risolti, del resto lo ha detto anche lui. In primis l'infermeria, che proprio non vuole svuotarsi: Antonelli e Abate sono acciaccati, una gatta da pelare seppur a tutto vantaggio dei giovani Calabria e De Sciglio. Preoccupa - e molto - Bertolacci: oggi accertamenti per lui, si deve approfondire la causa dell'infortunio che gli sta facendo saltare questa prima fase di campionato; da valutare anche i problemi a Sosa e Fernandez, due degli acquisti più pubblicizzati dell'ultimo mercato. Come se non bastasse arrivano voci preoccupanti sul passaggio di proprietà: dagli Stati Uniti arrivano voci di problemi economici per la cordata cinese che ha rilevato la società, ma il Milan non ci sta e smentisce anche le voci su presunti documenti falsi presentati dal gruppo Sino-Europe. Il closing si farà, senza alcun problema, almeno questo è ciò che trapela dai corridoi Fininvest. In questo modo si potrà tornare anche a sognare di mercato e di ciò che può accadere a gennaio. Il primo nome in lista è quello di Fabregas, che ieri con una doppietta (e intervista al veleno) ha 'salvato' Conte nella sfida contro il Leicester. Ieri c'è stata occasione di vedere (poco) Balde Keita, possibile innesto per l'attacco, e i problemi di Ben Arfa al PSG riaprono anche uno spiraglio sul francese, mentre Badelj va in gol con la Fiorentina e tratta il rinnovo, con i rossoneri ancora alla finestra. Si lavora quindi pensando al presente, ma anche al futuro. E il futuro milanista non può che avere le manone e l'entusiasmo di Gigio Donnarumma: dal suo rinnovo di contratto passano gran parte delle ambizioni del club, ma non è un rinnovo semplice e Galliani l'ha fatto capire bene. Anche perché quando c'è di mezzo Raiola (e il Real Madrid) tutto rischia di complicarsi maledettamente. Staremo a vedere. 




Commenta con Facebook