• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI INTER-JUVENTUS

PAGELLE E TABELLINO DI INTER-JUVENTUS

Super Icardi, Alex Sandro è una freccia. Asamoah pessimo, Santon dorme


Inter in festa © getty Images
Lorenzo Bettoni

18/09/2016 20:00

ECCO LE PAGELLE DI INTER-JUVENTUS

INTER

Handanović 6 – Incolpevole sul gol, coraggioso in uscita nel finale.

D’Ambrosio 5,5 – Alex Sandro spinge a palla da quella parte e lui spesso fatica a contenerlo, ne è una prova il vantaggio bianconero che mette le radici da quella parte.

Miranda 7,5 - Incollato come un francobollo sulla cartolina Mandzukic gioca una partita senza una sbavatura che sia una.

Murillo 7 - Anche lui tornato su ottimi livelli, annulla gli attacchi bianconeri.

Santon 5 - Beccato dal pubblico di San Siro, gioca una partita onesta finché Lichtsteiner non gli taglia davanti per segnare il gol dell’ 1-0. Dal 78’ Miangue 6 – Una chiusura su Lichtsteiner gli fa prendere gli applausi di tutto San Siro.

João Mário 7 - Si alterna con Banega nel ruolo di trequartista, ma spesso gli capita anche di fare la mezz’ala nel 4-3-3. E’ quando l’Inter riparte che lui dà il suo meglio, pur non facendo male nemmeno in fase di impostazione.

Medel 6,5 - Pivot davanti alla difesa, offre una prestazione convincente anche, ed è una novità, in fase di impostazione anche perché Banega e Joao Mario vicino a lui offrono qualità. Sempre davanti a Dybala per impedire il passaggio sull’argentino. Applicato. Dal 75' Felipe Melo 6 – Un fallo sciocco regala una punizione alla Juve che però non sfrutta con Pjanic.

Candreva 6 - Non è facile sbarazzarsi di Chiellini che ha sette vite come i gatti. Qualche cross da quella parte arriva, destro al volo fuori di nulla.

Banega 6,5 - La sua posizione in campo muta l’Inter da 4-2-3-1 a 4-3-3. Sempre lucido quando deve far ripartire l’Inter. Nel finale si sacrifica per un fallo tattico su Alex Sandro: doppio giallo, esce senza protestare.

Éder 6,5 - Suo il primo squillo del match, ma il destro esce di poco. Non sempre la Juve riesce a gestirlo tanto che va vicino al gol anche nel secondo tempo. Dal 69' Perisic 7,5 - Finisce il lavoro iniziato da Eder. Scava il solco davanti a Barzagli che non lo vede mai, segna il gol manda in paradiso l'Inter.

Icardi 8 - Prima manca l’impatto di testa a tu per tu con Buffon, poi scheggia il palo con una conclusione mancina dopo aver resistito di fisico su Buffon. Non molla un pallone né di fisico né in velocità. Va in cielo per segnare la rete del pari.

All. de Boer 7,5 – Che vittoria! Batte i ‘nemici’ di sempre giocando con il suo stile e bloccando sul nascere la manovra bianconera grazie ad un pressing senza fine. Tanta qualità sulle fasce, un Icardi in versione superman insieme ad una difesa ritrovata gli regalano la vittoria più importante dell’anno. E’ l’inizio della stagione nerazzurra?

JUVENTUS

Buffon 6 – Può solo vedere le staffilate di Perisic e Icardi infilarsi in rete.

Benatia 6 - Il tempo di deviare un cross di Eder in calcio d’angolo che un infortunio muscolare lo costringe al cambio dopo una manciata di minuti. Dal 25’ Barzagli 5 - Subito ammonito per fallo su Eder, l’ex Samp prima e Perisic poi lo mandano in crisi.

Bonucci 5 – L’Inter non si lascia sorprendere dai suoi lanci da dietro, Icardi gliene fa vedere di tutti i colori e lo anticipa pure sul gol del pari nerazzurro.

Chiellini 5,5 – Sempre in affanno, ma dei tre davanti Candreva è quello che ha meno spazio. Dall’ 80’ Pjaca s.v.

Lichtsteiner 6,5 - Rimpiazza Dani Alves segnando la rete del vantaggio bianconero e pensare che fino a quel momento non era neanche andato a mille.

Khedira 5 - Palla gol clamorosa alla mezz’ora. Impatto debole a palla facile da gestire per Handanovic. Nessun inserimento e poca roba anche in fase difensiva. Irriconoscibile.

Pjanić 5,5 - Normalizzato da Allegri. Era stato devastante in posizione di mezz’ala contro il Sassuolo, ma viene messo a sgobbare davanti alla difesa dove viene sovrastato dal pressing dell’Inter. Punizione alta nel finale.

Asamoah 4 - Allegri lo preferisce a Lemina, ma la scelta non è delle migliori. Il ganese gioca sotto ritmo, perde tutti i duelli individuali e non dà dinamismo ad una mediana che ne avrebbe terribilmente bisogno.

Alex Sandro 7 - Attento dietro e propositivo in avanti. Sfonda letteralmente nella ripresa superando D’Ambrosio e servendo a Lichtsteiner la palla del vantaggio che però dura poco.

Dybala 5.5 - E’ lui, più di Pjanic, il collante tra centrocampo e attacco. Soprattutto nel primo tempo svaria su tutto il fronte offensivo, nella ripresa è più sottotono.

Mandžukić 5 - Si sbraccia, cerca di dettare il passaggio, prova a tenere su la squadra che però sta troppo bassa e lo cerca poco. Non ha occasioni da sfruttare. Dal 73’ Higuain 6 - Non ha palle gol da sfruttare. Lasciato in panchina forse troppo a lungo...

All. Allegri 4,5 – Dopo Siviglia sbaglia di nuovo tutte le decisioni sia prima che durante la partita. Pjanic davanti alla difesa in questa formazione è depotenziato. La Juve ha perso qualità e dinamismo in un colpo solo. Higuain lasciato in panca in una partita così difficile, poi, è stato un azzardo. La squadra contro il Sassuolo aveva dimostrato di essere troppo leziosa, oggi lo è stato anche lui.

Arbitro: Paolo Tagliavento 6,5 – Contestatissimo al momento della designazione, tiene in mano la partita con personalità senza farsi schiacciare dalle proteste. Non c’è il rosso a Lichtsteiner per un tocco di mano nel secondo tempo perché involontario. Khedira nel primo tempo era stato fermato in off-side dubbio ma il tedesco aveva comunque sbagliato il controllo.

TABELLINO

INTER-JUVENTUS 2-1

INTER (4-2-3-1): Handanović; D’Ambrosio, Miranda, Murillo, Santon (Dal 78’ Miangue); João Mário, Medel (dal 65’ Felipe Melo); Candreva, Banega, Éder (69’ Perisic); Icardi. A disp.: Carrizo, Miangue, Yao, Ranocchia, Nagatomo, Kondogbia, Gnoukouri, Biabiany, Palacio, Perišić, Jovetić. All.: de Boer.

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Benatia (dal 25’ Barzagli), Bonucci, Chiellini (dall’ 80’ Pjaca); Lichtsteiner, Khedira, Pjanić, Asamoah, Alex Sandro; Dybala, Mandžukić (dal 73’ Higuain). A disp.: Neto, Audero, Barzagli, Rugani, Alves, Evra, Hernanes, Lemina, Cuadrado. All.: Allegri.

Arbitro: Tagliavento di Terni.

Marcatori: 66’ Lichtsteiner (J), 68’ Icardi (I), 78’ Perisic (I)

Ammoniti: 19’ Lichtsteiner (J), 28’ Barzagli (J), 45’ Asamoah (J), 46’ Medel (I), 83’ Banega (I), 95’ Handanovic (I)

Espulsi: 89’ Banega (I)




Commenta con Facebook