• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Manchester United, Materazzi: "Mourinho entra nei tuoi nervi. Quel messaggio..."

Manchester United, Materazzi: "Mourinho entra nei tuoi nervi. Quel messaggio..."

L'ex centrale dell'Inter racconta il tecnico portoghese


Materazzi-Mourinho ©Getty Images

09/09/2016 09:28

MATERAZZI CHELSEA MOURINHO INTER / MILANO - Marco Materazzi, ex centrale dell'Inter e della Nazionale, ha detto la sua sulla sfida tra Mourinho e Guardiola in Premier League: "Mourinho? Non so come si faccia a parlare di 'miglior tecnico al mondo'.  - ha dichiarato a 'La Gazzetta dello Sport' - Ce ne sono quattro, più o meno allo stesso livello: Mourinho, Guardiola, Lippi e Ancelotti. Un gradino sotto metto Conte e Klopp. Per me, posso dire che il portoghese e Lippi sono i migliori, avendoli vissuti da vicino".

MOURINHO - "Ero appena uscito da Euro 2008 con l'Italia, perdendo ai rigori con la Spagna. Non ero Milito e non aveva il mio numero. Inoltre era possibile che me ne andassi dall'Inter. Poi mi è arrivato il suo sms: 'Ti aspetto per iniziare a vincere insieme'".

MOTIVI VITTORIA - "Elencandone cinque: furbizia, esperienza, empatia, conoscenze e motivazioni".

MOTIVAZIONI - "Nell'anno del 'triplete' perdemmo 3-1 a Catania. Il giorno dopo ci massacrò, dal più forte al più scarso. Ci guardiamo negli occhi e quattro giorni dopo andiamo a vincere a Londra col Chelsea. Mourinho sa leggere i tuoi nervi, anche quelli scoperti e poi ci entra dentro".

FURBIZIA - "Sa toccare i tasti giusti e non solo quelli dei giocatori. Mai vista tanta scientificità nel provocare gli avversari. A volte si nutre della polemica ma ne tiene la squadra il più lontano possibile".

CONOSCENZE - "Soprattutto quelle che offre ai suoi sulla squadra avversaria. Sai tutto di loro in una settimana".

ESPERIENZA - "Ha vinto tanto e sa come si fa. Il segreto è stato iniziare da giovane. Già da assistente, aveva la testa da allenatore".

EMPATIA - "E' la prima cosa che cerca in un gruppo. E' la condizione che considera necessaria per la costruzione di un gruppo forte".

L.I.




Commenta con Facebook