• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, Abate: "Ripartire da zero ogni anno non serve. Vogliamo l'Europa e la Coppa Italia"

Milan, Abate: "Ripartire da zero ogni anno non serve. Vogliamo l'Europa e la Coppa Italia"

Il terzino rossonero è tornato a parlare dopo lo sfogo della scorsa settimana


Ignazio Abate ©Getty Images

19/03/2016 13:35

MILAN ABATE CONFERENZA STAMPA / MILANO - Dopo lo sfogo al termine dell'ultimo match, Ignazio Abate ha ripreso la parola quest'oggi nella sala stampa di Milanello alla vigilia della gara tra Milan e Lazio. Queste le sue dichiarazioni: 

SUL PARI COL CHIEVO - "Quest'anno è stato un nostro punto debole questi saliscendi nell'arco di una partita e del campionato. Non vogliamo buttare via quanto di buono fatto in due mesi e il lavoro del nostro mister. Vogliamo andare in Europa non da sesti e alzare un trofeo. Dobbiamo metterci cattiveria giorno per giorno, questa settimana ci siamo allenati alla grande. Vogliamo fare una grande partita, domani avremo la controprova".

SUL MOMENTO - "Ho parlato con i miei compagni e tutti la pensiamo allo stesso modo. Sono d'accordo con Riccardo che ci siano qualità e con il Mister abbiamo lavorato benissimo sul campo. Gli alti e bassi dipendono dalla testa. Ci è mancata continuità, il salto di testa dipende da noi".

SULL'UNIONE TRA SQUADRA E ALLENATORE - "A livello tecnico-tattico lavoriamo benissimo e c'è grande affiatamento tra il gruppo e lui. A volte quando non arrivano i risultati il problema è a livello mentale. Stiamo mancando nella continuità. Appena ci siamo sentiti leggermente appagati sono mancati i risultati. Nei due mesi precedenti quando ci abbiamo messo la cattiveria giusta i risultati ci sono stati. E' un dato di fatto che ci siano tantissimi aspetti positivi del mister quest'anno: ha portato la cultura del lavoro, ha fissato delle regole ben precise per lo spogliatoio. Ripartire da zero ogni anno penso non sia facile per nessuno".

D.G.




Commenta con Facebook