• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Calciomercato Inter, da Ljajic a Felipe Melo: ecco chi si gioca il futuro nella volata Champions

Calciomercato Inter, da Ljajic a Felipe Melo: ecco chi si gioca il futuro nella volata Champions

In dubbio per la prossima stagione anche D'Ambrosio, Telles ed Icardi. Ed Eder resta ai margini


Ljajic © Getty Images
Marco Di Federico

07/03/2016 11:30

CALCIOMERCATO INTER ICARDI LJAJIC MODULO MANCINI / MILANO - Dopo la bella quanto inutile vittoria in Coppa Italia contro la Juventus, l'Inter è tornata al successo anche in campionato, battendo 3-1 nel posticipo il Palermo. Tre punti doppiamente importanti per i nerazzurri: in primis perché mantengono inalterato il distacco dal terzo posto occupato dalla Roma, lontana 5 punti, e poi perché sono arrivati anche grazie alla firma di calciatori messi sotto esame nelle ultime settimane come Ljajic ed Icardi. Una boccata d'ossigeno anche per Mancini, il cui futuro all'Inter resta necessariamente legato al raggiungimento del preliminare di Champions League: il tecnico ha vinto e convinto con il ritorno al 4-2-3-1, anche se balza all'occhio l'assenza dal primo minuto di Felipe Melo ed Eder, i giocatori fortemente voluti dal tecnico sul calciomercato rispettivamente l'estate scorsa ed a gennaio. Dalla vittoria sul Palermo fino al futuro di Icardi e gli altri big nerazzurri in chiave calciomercato, analizzamo il momento che sta vivendo l'Inter alla vigilia del rush finale per entrare nella prossima Champions League.

ICARDI E LJAJIC DI NUOVO DECISIVI CON IL 4-2-3-1. E FINALMENTE SORRIDE ANCHE KONDOGBIA

Il 3-0 e lo spettacolo offerto nella semifinale di ritorno della Coppa Italia non è stato un fuoco di paglia. L'Inter si conferma squadra in salute, battendo anche il Palermo in campionato e proseguendo l'inseguimento al terzo posto. Nei continui cambi di modulo adoperati in stagione dal tecnico, ieri sera è stato il 4-2-3-1 a risultare decisivo per la vittoria finale. Per la terza partita interna consecutiva, Juve compresa, i nerazzurri segnano tre volte, a dimostrazione di come per centrare l'obiettivo Champions non si possa più fare affidamento su quegli 1-0 che avevano trascinato l'Inter nel girone d'andata. Ed i gol arrivano ancora una volta dagli attaccanti. Importanti, soprattutto in ottica calciomercato Inter, quelli di Icardi e Ljajic. Il capitano è sempre sotto osservazione; la vittoria contro la Juventus era arrivato senza di lui ed in molti avevano cominciato a pensare all'argentino come ad un 'peso' per l'attacco dell'Inter: Icardi ha risposto sul campo, confermando nel post gara la sua volontà di restare all'Inter. Ma dipenderà dalla Champions e dalle offerte che arriveranno: Chelsea, Atletico Madrid e Manchester United restano alla finestra. A sorridere è stato anche Ljajic, pizzicato però da Mancini dopo il triplice fischio, che non segnava da più di tre mesi: il serbo si gioca in queste ultime 10 gare la conferma, ma dovrà davvero sudarsela visto che la Roma vuole gli 11 milioni di euro pattuiti per il riscatto. Infine Kondogbia: non è ancora il calciatore che si aspettava l'Inter ma ieri, al fianco di Medel davanti alla difesa, ha offerto una prova di sostanza: un  segnale incoraggiante per il futuro.

FELIPE MELO ED EDER BOCCIATI, MALE D'AMBROSIO: SEGNALI ANCHE IN OTTICA CALCIOMERCATO

Non solo notizie positive per l'Inter nella vittoria sul Palermo. Perché se l'attacco brilla, la difesa non è più granitica come un tempo. Soprattutto i due terzini Nagatomo e D'Ambrosio non stati di certo i migliori in in campo per i nerazzurri: in particolare l'ex granata ha fatto rimpiangere la scelta di lasciare Alex Telles in panchina dopo avere già combinato disastri nel match perso in campionato contro la Juventus. Se resterà Mancini, le fasce saranno rifondate: in uscita ci sono Santon ed appunto uno tra D'Ambrosio ed il brasiliano, per il cui riscatto dal Galatasaray servono 9 milioni di euro. Tutto da scrivere è anche il futuro di Felipe Melo: stravoluto da Mancini in estate, oggi non gode più di molta considerazione. Ieri solo 5' per lui: l'avventura a Milano è al capolinea. Va infine definito il ruolo in questa Inter di Eder. L'azzurro lavora per la squadra ma ancora non ha segnato: degli attaccanti solo lui non trova la via della rete. Impossibile oggi parlare di addio a giugno visto che è appena arrivato, ma la panchina di ieri e la 'seconda giovinezza' di Palacio potrebbero togliergli un posto da protagonista nella volta Champions.




Commenta con Facebook