• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI BOLOGNA-CARPI

PAGELLE E TABELLINO DI BOLOGNA-CARPI

Constant sottotono, Donsah baluardo. Zaccardo un muro, troppo poco Crimi


Mirante ©Getty Images
Giorgio Valentino Rossi

06/03/2016 16:47

ECCO LE PAGELLE DI BOLOGNA-CARPI:

 

BOLOGNA

Mirante 6 – Imbattuto da 364 minuti prima di questa gara. Bravo in un paio di occasioni a neutralizzare i tentativi di Mancosu. La sua imbattibilità sale a ben 454 minuti.

Mbaye 6 – Copre con disinvoltura e semplicità la corsia di destra.

Gastaldello 6 – L’esperto difensore guida la difesa senza molti problemi vista la sterilità offensiva degli avversari. Cancella letteralmente Lasagna, mai pericoloso. Unico neo al minuto 42, quando fa lui un assist per Mancosu che si divora un gol. Colpisce al minuto 83 una traversa con una splendida girata.

Maietta 6 – Forma con Gastaldello una formidabile coppia di centrali che porta la squadra a subire pochissimi gol.

Constant 5,5 – Senza infamie e senza lode la sua prestazione. Troppo statico sulla corsia di sinistra, non prova mai l’affondo. Dal 65’ Masina 6 – Si posiziona sull’out di sinistra e spinge subito con caparbietà e costanza.

Donsah 6,5 – Dice di ispirarsi a Nainggolan, suo ex compagno al Cagliari. In campo lo emula con tanta grinta e qualità. Elemento fondamentale per la mediana rossoblu. Dal 76’ Brienza s.v.

Diawara 6 – Potente fisicamente e intelligente tatticamente. Ottimo il suo apporto in fase di copertura. Si propone con eleganza e pericolosità anche in fase offensiva.

Taider 6 – Al 16’ prova un tiro dal limite che scalda le mani a Belec. Tanta quantità non sempre unita alla precisione nei passaggi, ma il suo contributo è di livello.

Mounier 6 – Posizionato da Donadoni nel trio d’attacco, riceve costantemente palloni e va sempre in cerca del fondo per il cross in area per i compagni. Dal 46’ Floccari 5,5 – Si posiziona vicino a Destro, cerca qualche giocata ma non riesce ad essere decisivo ed a portare pericoli in area carpi.

Destro 5,5 – Il meno ispirato del trio d’attacco. Si vede poco ma non gli arrivano rifornimenti utili dalle retrovie. Si sveglia nella ripresa e già al 3’ va in azione solitaria saltando due avversari ma non il terzo in area che gli evita di andare al tiro. Si rivede al 92’ con un tiro in diagonale che impegna il portiere avversario.

Giaccherini 6 – Difficile tenerlo a bada per gli avversari. Svaria da una parte all’altra del campo senza dare punti di riferimento. Si spegne nella parte finale del primo tempo. Numero di pregiata fattura al 62’. Rientra da sinistra a destra e lascia partire un siluro che scheggia il palo alla destra di Belec.

All. Donadoni 6,5 – Ha trasformato una squadra in piena difficoltà, in una squadra convinta dei propri mezzi. Qualità tecniche importanti e gioco a tratti perfetto. Punto di forza la difesa che continua a non subire gol.

 

CARPI

Belec 6 – Qualche uscita a vuoto nei minuti iniziali poi dà sicurezza al pacchetto difensivo nelle rare occasioni in cui viene impegnato.

Zaccardo 6,5 – Bravo al secondo minuto ad intercettare un assist di Mounier in area per Destro. Gestisce la fase difensiva con la massima concentrazione e riesce a limitare gli attaccanti avversari. Salva sulla line un tiro di Masina all' 83’. Esperienza da vendere per il Campione del Mondo nel 2006. Fondamentale il suo contributo per la compagine di Castori.

Romagnoli 6 – Sbaglia poco il giovane centrale. Si adatta bene al modulo con la difesa a tre, approfittando molto dell’esperienza di Zaccardo vicino a lui.

Gagliolo 6 – 109esima presenza con la maglia del Carpi. Gioca una gara attenta senza sbavature.

Letizia 5,5 – Spinge raramente sulla sua corsia di competenza, preoccupandosi maggiormente della fase difensiva. Quando si fa avanti però, si dimostra pericoloso per velocità e assist.

Cofie 6 – Si vede ad intermittenza, facendo soprattutto un lavoro di contenimento. Cresce col passare dei minuti rendendosi pericoloso anche in fase offensiva.

Crimi 5,5 – Troppo fuori dal vivo del gioco. Lotta nelle fasi di spinta del Bologna ma è spesso impreciso. Imbrigliato nella morsa dei due centrali avversari, Donsah e Diawara, che lo sovrastano per tutta la gara, sia per il fisico sia per qualità tecniche.

Bianco 6 – In posizione di schermo difensivo, si sente poco ma il suo lavoro è di estrema importanza. Ruba palloni su palloni, li smista con ordine e quando può non sdegna qualche sortita offensiva. Si infortunia al 64’ ed è costretto alla sostituzione. Dal 65’ Lollo 5,5 – Entra poco nelle geometrie della squadra, toccando un numero minimo di palloni.

Poli 6 – Presente in tutte le azioni offensive dei suoi. Cerca di continuo l’assist per le punte. Unisce quantità e qualità. Va vicino al gol al 60’ con un bolide dalla distanza finito di poco a lato.

Verdi 5,5 – Un po’ in ombra nei primi minuti. Prova uno spunto al 19’, ma si infortunia alla coscia ed è costretto a lasciare il campo di gioco. Dal 22’ Lasagna 5,5 – Il suo ingresso in campo non modifica l’assetto tattico della squadra. Tanto movimento ma non riesce ad incidere come suo solito.

Mancosu 6 – Pericoloso al 23’ con un tiro di sinistro in area su assist di Poli. Attento Mirante. Al 42’ si divora un gol dopo un clamoroso errore di Gastaldello. Resta comunque alta l’allerta per i difensori bolognesi. Dal 74’ Mbakogu 5,5 – Ha subito un occasione ma non riesce a sfruttarla. Qualche imprecisione di troppo.

All. Castori 6 – Il suo Carpi gioca con la massima concentrazione, non vuole mollare il sogno salvezza. Lui è bravo a dare la mentalità giusta ai suoi e bravo anche nelle scelte di formazione.

 

Arbitro Mazzoleni 6 – Gestisce senza molti patemi d’animo questa gara. L’agonismo non manca ma la correttezza regna sovrano tra i ventidue in campo. Unico caso dubbio, al 49’, quando su azione da corner vanno in terra prima Constant poi Mbaye. Per il direttore di gara tutto lecito. Al minuto 88’ dubbia la decisione pro Carpi, non dando un calcio di rigore al Bologna per un fallo su Masina.

 

TABELLINO

BOLOGNA-CARPI 0-0

Bologna (4-3-3): Mirante; Mbaye, Gastaldello, Maietta, Constant (dal 65’ Masina); Donsah (dal 77’ Brienza), Diawara, Taider; Mounier (dal 46’ Floccari), Destro, Giaccherini. A disp.: Da Costa, Stojanovic, Rossettini, Ferrari, Zuniga, Brighi, Pulgar, Rizzo, Oikonomou. All.: Donadoni.

Carpi (3-5-2): Belec; Zaccardo, Romagnoli, Gagliolo; Letizia, Cofie, Crimi, Bianco (dal 65’ Lollo), Poli; Verdi (dal 22’ Lasagna), Mancosu (dal 74’ Mbakogu). A disp.: Colombi, Suagher, Daprelà, De Guzman, Porcari, Pasciuti, Di Gaudio. All.: Castori.

Arbitro: Sig. Mazzoleni di Bergamo.

Marcatori:

Ammoniti: 18’ Romagnoli (C), 48’ Giaccherini (B), 73’ Crimi (C), 93’ Gagliolo (C).

Espulsi:




Commenta con Facebook