• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI BENFICA-ZENIT

PAGELLE E TABELLINO DI BENFICA-ZENIT

Mitroglou fantasma, Jonas che gol! Non basta Lodygin, Dzyuba nullo


Mitroglu ©Getty Images
Giorgio Valentino Rossi

16/02/2016 22:41

ECCO LE PAGELLE DI BENFICA-ZENIT

 

BENFICA

Julio Cesar 6 – Primo tempo di ordinaria amministrazione, mai impensierito dagli avanti dello Zenit.

Almeida 5,5 – Poche le azioni offensive create dalla squadra russa. Riesce comunque a prendere un giallo evitabile in una delle poche sortite offensive di Garcia.

Jardel 6 – Gestisce bene e con tranquillità il pacchetto difensivo, aiutato anche dalla sterilità avversaria in fase offensiva.

Lindelof 6 – In tandem con Jardel dà sicurezza alla propria difesa.

Eliseu 6 – Dalla sua parte lo Zenit non offende mai.

Gaitan 6,5 – E’ il più vivace dei suoi. Tenta qualche guizzo personale e prova spesso a innescare Mitroglou senza successo.

Sanches  6 – Nella prima frazione di gara si limita a fare un lavoro oscuro in fase di recupero.

Samaris 6 – Cuore e polmoni, bene in fase di copertura meno in quella offensiva.

Pizzi 5,5 – Il meno intraprendente del reparto offensivo. Dal 71’ Gonzalez 5,5 – Prova a dare vivacità alla manovra offensiva ma con scarsi risultati.

Jonas 7 – In una gara bloccata e con rarissime conclusioni, prova al 29’ un tiro dai 25 metri deviato in corner dal portiere avversario. Segna al 91’ il gol vittoria su un imperioso stacco di testa che non lascia scampo a Lodygin.

Mitroglou 4,5 – Ectoplasma. Da lui ci si aspettano gol e sponde per i compagni. Non fa nulla di tutto questo, avulso dal gioco, sbaglia spesso il controllo della palla. Sette apparizioni e solo 2 reti quest’anno in Champions, troppo poco per un bomber del suo livello. Dal 63’ Jimenez 5 – Fare peggio di Mitroglou è quasi impossibile, lui fa poco di più.

All. Rui Vitoria 6 – Senza il capitano Luisao a portare grinta e carattere, la sua squadra è troppo poco incisiva in fase offensiva. Bene non aver subito gol in casa, ma si doveva fare di più in vista del ritorno. Cresce il Benfica nella ripresa e agguanta la vittoria al minuto 91.

 

ZENIT

Lodygin 6,5 – Gli attaccanti del Benfica sono in ferie, lui si limita dalle retrovie a guidare la propria difesa. Al minuto 69’ salva il risultato con una grande parata su un missile di Gaitan da distanza ravvicinata. Nulla può sul gol di Jonas allo scadere.

Anyukov 5,5 – Il poco che crea la squadra di casa, lo crea dalle sue parti. Il meno convincente della retroguardia dello Zenit.

Lombaerts 6 – In coppia con Garay non fatica minimamente a tenere a bada uno spento Mitroglou.

Garay 6 – Comanda il reparto difensivo con esperienza e tranquillità in una serata dove c’era poco da preoccuparsi.

Criscito 5 – Lotta e combatte, fa della grinta e del carattere le sue caratteristiche migliori. Prende un giallo al minuto 68 che lo terrà ai box nel match di ritorno. Espulso al 90’ per doppia ammonizione.

Witsel 5,5 – Oggetto del desiderio di mezza Europa, offre una prova decisamente scialba.

Garcia 5 – Spesso fuori posizione, rimedia un giallo che gli farà saltare la gara di ritorno.

Hulk 6 – Il migliore dei suoi, almeno per quanto fatto vedere nel primo tempo. Cala nella ripresa.

Danny 6 – Parte bene il veterano della squadra di San Pietroburgo, creando spazi per gli inserimenti dei compagni. Col passare dei minuti cala di concentrazione sbagliando molto con la palla tra i piedi. Dal 87’ Mauricio s.v.

Shatov 5 – Nella prima frazione di gioco non si sente praticamente mai, nella ripresa migliora di poco la sua prestazione comunque negativa. Esce per infortunio al minuto 81. Dal 81’ Zhirkov s.v.

Dzyuba 4,5 – Chi l’ha visto. Dopo un girone a sorpresa con 6 gol all’attivo, sparisce completamente nella serata più importante. I compagni lo cercano ma lui non riesce mai a tenere vivo un pallone, e a far salire la squadra. Villas-Boas lo toglie per disperazione. Dal 74’ Kokorin 5 – Non si vede fino al 94’ dove con una ingenuità manda il Benfica vicino al 2-0.

All. Villas-Boas 6 – Lo Zenit tiene bene il campo nel primo tempo, non rischiando nulla e tenendo il pallino del gioco. Cala nella ripresa soffrendo qualche sortita offensiva avversaria. Beffato allo scadere, ma è un risultato ribaltabile.

 

Arbitro Rocchi 6 – Dirige la gara in maniera autoritaria, distribuendo ben sei cartellini in una partita maschia ma corretta. Non ci azioni da moviola rilevanti.

 

TABELLINO

BENFICA-ZENIT 1-0

Benfica (4-4-2): Julio Cesar; Eliseu, Jardel, Lindelof, Almeida; Gaitan, Sanches, Samaris, Pizzi (dal 71’ Gonzalez); Jonas, Mitroglou (dal 63’ Jimenez). A disp.: De Moraes, Silvio, Talisca, Guedes, Semedo. All.: Rui Vitoria.

Zenit (4-2-3-1): Lodygin; Criscito, Lombaerts, Garay, Anyukov; Witsel, Garcia; Hulk, Danny (dall' 87’ Mauricio), Shatov (dall' 81’ Zhirkov); Dzyuba (dal 74’ Kokorin). A disp.: Kerzhakov, Neto, Dolgov, Yusupov. All.: Villas-Boas.

Arbitro: Sig. Rocchi (Ita)

Marcatori: 91’ Jonas (B)

Ammoniti: 16’ Almeida (B), 33’ Witsel (Z), 35’ Jardel (B), 43’ Pizzi (B), 59’ Garcia (Z), 68’ Criscito (Z).

Espulsi: 90’ Criscito (Z)




Commenta con Facebook