• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Calciomercato Inter, non solo Banega-Soriano: come cambia la mediana del prossimo anno

Calciomercato Inter, non solo Banega-Soriano: come cambia la mediana del prossimo anno

Mancini prepara la stessa dose di muscoli ma con più qualità. Melo e Medel rischiano la cessione. E Brozovic...


Roberto Soriano © Getty Images
Jonathan Terreni

29/01/2016 12:00

CALCIOMERCATO INTER CENTROCAMPO SORIANO BANEGA / MILANO - La stagione dell'Inter entra nel vivo adesso, nel momento forse più difficile e complicato, con la squadra che sembra aver smarrito quella solidità difensiva e quelle inaspettate certezze di inizio stagione. Roberto Mancini però lo sapeva. Sapeva che sarebbe arrivato un inevitabile calo. Ci poteva stare visto il contesto di una squadra completamente rifondata. L'importante adesso è non smarrire la bussola e non perdere la calma. Il potenziale c'è, anche se qualche reparto ha evidenziato lacune da colmare. Il calciomercato Inter si è sta muovendo in questa direzione per portare quei correttivi necessari a centrare l'obiettivo Champions League, vitale per le casse del club che a giugno dovrà far fronte a molti obblighi di riscatto. Mancini getta le basi per la prossima stagione dell'Inter, con gli arrivi dal calciomercato di Banega e Soriano per il centrocampo. Guarin è partito, Felipe Melo rischia la cessione e Medel potrebbe restare ma come riserva. Kondogbia resta il grande punto interrogativo. Brozovic può attirare grandi offerte.


BANEGA+SORIANO: MUSCOLI E QUALITA' DAL CALCIOMERCATO

Il primo obiettivo del calciomercato dell'Inter di gennaio era vendere Fredy Guarin. O meglio, lo è diventato nel momento in cui i cinesi hanno bussato alla porta dimostrandosi concreti e volenterosi di acquistare il colombiano che, per Mancini, non era intoccabile. Calciomercato.it vi ha svelato in esclusiva foto e retroscena dell'addio di Guarin. E così i nerazzurri sono riusciti ad incassare circa 13 milioni, somma che è stata immediatamente reinvestita per Eder considerato la priorità dall'allenatore. Serviva un uomo dal gol facile vista la sterilità offensiva degli ultimi tempi. In mezzo si continua così, a meno di clamorose novità. Un tentativo però sarà fatto nelle ultime ore per un mediano. Intanto è stato trovato l'accordo con Ever Banega che a giugno arriverà a parametro zero a meno di sorprese da Siviglia. Per l'argentino bruciata al concorrenza della Juventus e Manchester United: gran colpo. Si sta provando a portarlo a Milano subito ma l'operazione non è semplice e i nerazzurri vogliono risparmiare il più possibile. Durante la trattativa per Eder l'Inter ha praticamente bloccato anche Soriano per la prossima stagione sulla base di circa 15 milioni. Entrambi offrono quei muscoli che piacciono a Mancini a centrocampo ma riescono ad abbinare anche qualità, fosforo e piedi buoni: quello che manca adesso alla squadra.

MELO E MEDEL RISCHIANO IL POSTO. KONDOGBIA UN REBUS DA RISOLVERE IN FRETTA

Poi si penserà agli addii. In uscita i nome più caldo è sicuramente quello di Felipe Melo. Il 'pupillo' di Mancini era partito bene poi si è smarrito tra difficoltà fisiche e 'colpi di testa'. Quello che poteva o non poteva dare Melo però era noto. Un buon giocatore per far ritrovare lo spirito battagliero alla squadra ma non certo un uomo sul quale costruire il futuro. Così Melo rischia seriamente la cessione a fine stagione. Anche Medel potrebbe essere in bilico ma il cileno è molto stimato a Mancini anche per la sua duttilità. Possibile che resti a Milano ma non più da titolare. Brozovic sarà il jolly da giocare a piacimento ma attenzione al calciomercato. Dalla Premier sono già arrivati fax con offerte importanti, respinte per adesso la mittente. Per autofinanziare il mercato l'Inter potrebbe fare un grande sacrificio in stile Kovacic, Se per l'ex Dinamo Zagabria dovesse arrivare un'offerta molto alta (dai 20 milioni in su) l'ipotesi di una addio verrebbe seriamente presa in considerazione, anche perché tra sei mesi potrebbero esserci nuovi obiettivi e altri nomi. Infine la questione Kondogbia. Il francese non va perso, anzi, va recuperato. Tanti i milioni spesi per portarlo a Milano. Difficile il suo approccio al calcio italiano. Dovrebbe essere il 'top player' dell'Inter del futuro ma per adesso è solo un pesce fuor d'acqua. Tutti ci credono e lo aspettano. Mancini però deve gestirlo bene e non mandarlo in pasto ai pescecani. Al momento è un rebus che va risolto alla svelta perché potrebbe fare la differenza, in positivo o in negativo.




Commenta con Facebook