• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Benessere > Benessere, qualità della vita: ecco dove si vive meglio in Italia

Benessere, qualità della vita: ecco dove si vive meglio in Italia

Bolzano, Milano e Trento occupano le prime tre posizioni della classifica, ultima Reggio Calabria


Famiglia e benessere (Getty Images)

21/12/2015 15:15

BENESSERE QUALITA’ DELLA VITA ECCO DOVE SI VIVE MEGLIO IN ITALIA / ROMA - In quali città, in Italia, si vive meglio? A Bolzano, Milano e Trento.  Chi risiede a Reggio Calabria invece non se la passa benissimo. Sono questi i verdetti della  classifica della "Qualità della vita" 2015 stilata dal "Sole 24 Or"e. Giunta alla 26esima edizione, l'indagine mette a confronto la vivibilità delle province italiane rispetto a sei aree tematiche (Servizi/Ambiente/Salute, Popolazione, Ordine pubblico, Tempo libero, Tenore di vita, Affari e lavoro) per totali 36 indicatori. Tra le novità della ricerca di quest’anno c’è il numero delle province prese in considerazione salite da 107 a 110, con l’inserimento di Barletta-Andria-Trani, Fermo e Monza Brianza.

La provincia in vetta è Bolzano, posizione che detiene per la quinta volta, la Capitale, Roma, si trova al sedicesimo posto e arretra di quattro posti in un anno. Nella parte bassa si trova una concentrazione di centri del Mezzogiorno, con Reggio Calabria sull'ultimo gradino, Vibo Valentia al penultimo e poco distante Messina in 104esima.

BOLZANO E MILANO - La Top Ten è composta dai centri del Nord e del Centro (con l'aggiunta di Olbia-Tempio), di piccole o medie dimensioni (ad eccezione di Milano e di Firenze), spesso situate lungo l'arco alpino (come Bolzano, Trento, Sondrio, Cuneo, Aosta).  Bolzano torna ad occupare la prima posizione per la quinta volta in 26 anni (dopo 2012, 2010, 2001 e 1995). Nelle macroaree Tenore di vita e Affari e lavoro la città eccelle nel tasso di occupazione (71% contro una media del 56%), nella quota di crediti in sofferenza (solo 5,7%, ossia meno di un terzo rispetto al valore medio) e nei consumi (2.660 euro per famiglia, 700 in più della media). Risultati positivi anche nelle aree Popolazione, in particola per l'indice di vecchiaia e la speranza di vita e nel Tempo libero, dove la città si piazza al primo posto per presenze agli spettacoli e nella top ten per sport e spesa dei turisti stranieri. Milano, ottava nel 2014, guadagna il secondo posto grazie agli indicatori del benessere (pensioni, Pil), dei servizi e delle opportunità di svago, mentre arranca sul fronte della sicurezza. All'estremità opposta della classifica, Reggio Calabria ha i piazzamenti peggiori nelle tre macroaree Tenore di vita, Affari e lavoro, Servizi Ambiente e Salute: alta è la quota degli impieghi a rischio (36%), basso il patrimonio familiare medio (193mila euro contro una media di 345mila), la quota di export sul Pil (meno del 2%), la dotazione di asili nido (coperto meno del 2% dell' utenza), pessimo il voto di Legambiente.

I PRIMATI DELLE MACROAREE - La ricerca attribuisce un primato anche per ciascuno dei sei capitoli dell’indagine: così in Tenore di vita abbiamo Milano come capolista, in Affari e lavoro al top c’è Prato, per Servizi Ambiente e Salute la più efficiente risulta Monza e Brianza, nel capitolo Demografia svetta Olbia Tempio, in Ordine pubblico la più tranquilla risulta Nuoro e nel Tempo libero svetta Rimini.

LE REGIONI PIU’ RAPPRESENTATE - Tra le regioni più rappresentate in Top Ten, oltre alla Lombardia con Milano e Sondrio, c’è anche la Toscana con il capoluogo Firenze che sale al quarto posto dal 16esimo dello scorso anno e Siena stabile in nona posizione come nel 2014.

LE PROVINCE CHE HANNO GUADAGNATO DI PIU’ - Secondo il quotidiano le province che hanno guadagnato più posizioni rispetto al 2014 sono Como +33 (15esima), Ascoli Piceno +25 (21esima) e Cagliari +24 (39esima), mentre quelle che hanno visto peggiorare maggiormente la qualità di vita per i propri cittadini risultano Perugia -30 (57esima), Pordenone -29 (60esima) e Treviso -26 (49esima).

La top ten:
1.Bolzano
2.Milano
3.Trento
4.Firenze
5.Sondrio
6.Olbia
7.Cuneo
8.Aosta
9.Siena
10.Ravenna

S.C.




Commenta con Facebook