• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Il punto di CM.IT > Il tifo al di là del risultato

Il tifo al di là del risultato

Il pubblico giallorosso è quanto mai distante: serve un'analisi anche a Trigoria


Rudi Garcia ©Getty Images
Eleonora Trotta (@eleonora_trotta)

10/12/2015 15:38

ROMA BATE TIFO / ROMA - La Roma è agli ottavi di Champions League, ma in pochi hanno festeggiato. La Roma, famosa per aver fallito spesso l'obiettivo finale o una rincorsa europea per poca fortuna, ha passato il turno grazie anche all'intervento di una Dea Bendata 'internazionale' a dir poco sorprendente (il riferimento è alla doppia parata di Szczesny e ter Stegen). Eppure quasi nessuno lo ha ricordato. La Roma ieri ha offerto l'ennesima prestazione negativa, molle, irritante e a tratti imbarazzante se pensiamo alla posta in palio; tuttavia, nel post-gara l’allenatore Rudi Garcia ha ricordato le 24 occasioni mancate (quali?) e il presidente Pallotta nuovamente difeso i suoi giocatori, assegnando ai media le maggiori responsabilità del momento negativo attuale.

Nel mezzo insulti e bordate di fischi come segnale di un forte e condiviso malessere che dura e perdura da diversi mesi. Non è una questione di obiettivi e risultati ma di 'assenza totale di gioco' perché il calcio attuale non ricorda un episodio simile così particolare e paradossale: una squadra contestata duramente nonostante il passaggio del turno.

E' una tappa storica che va approfondita e analizzata anche da chi lavora tutti i giorni a Trigoria. Perché allontanare il proprio pubblico dalla squadra del cuore nell'anno dell'arrivo di un bomber e campione come Dzeko, atteso circa da 15 anni, sarebbe una sconfitta enorme. Un ko peggiore rispetto ad un mancato obiettivo su un campo italiano ed europeo e un record ancor più negativo rispetto alle batoste contro United, Bayern e Barcellona. Serve maggiore umiltà e lucidità per evitare che i miseri 6400 paganti di ieri vengano rimpianti tra qualche mese.




Commenta con Facebook