• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Lazio-Dnipro, Pioli: "Ritiro costruttivo. Dobbiamo risalire in campionato"

Lazio-Dnipro, Pioli: "Ritiro costruttivo. Dobbiamo risalire in campionato"

L'allenatore biancoceleste sorride dopo la qualificazione ai sedicesimi di Europa League


Stefano Pioli ©Getty Images
Giorgio Musso (Twitter: @GiokerMusso)

26/11/2015 21:35

LAZIO DNIPRO PIOLI / ROMA - La Lazio ritrova il sorriso dopo le delusioni del campionato. La squadra di Stefano Pioli, da imbattuta, conquista la quarta vittoria consecutiva in Europa League e il passaggio del turno come prima del girone: "In campionato siamo stati distratti in alcune situazioni e in Italia questo non possiamo permettercelo. Il passaggio del turno è un bel risultato. Il ritiro è stato costruttivo, ma non continuerà: domani ci alleneremo normalmente - ha detto il tecnico dei capitolini a 'Sky Sport' - Rispondiamo con il lavoro e le prestazioni. Adesso dobbiamo risalire in classifica e conquistare un posto in Europa anche la prossima stagione".

MODULO - "Non sono i sistemi di gioco a far vincere le partite, bensì la concentrazione e la voglia di far bene fino alla fine. Abbiamo determinate caratteristiche con tre attaccanti centrali forti e Klose sa farsi trovare libero negli spazi. Comunque, non è cambiato molto dal 4-2-3-1 con Milinkovic fantasista. La cosa che non deve fare un allenatore è mettere i calciatori in posizioni non loro".

DIFFERENZE - "I numeri in Europa sono positivi, concediamo di meno rispetto al campionato. Pur facendo una buona fase difensiva, siamo la terza peggior difesa in Italia. Significa che si sta bene in campo, ma manca l'attenzione necessaria per non subire gol. Lo stesso vale per l'attacco, però per il volume delle occasioni create sta mancando qualcosa. Non è questione né di atteggiamento, né di mentalità. Ci manca un po' di continuità per ritrovare fiducia ed entusiasmo nell'ambiente: dobbiamo credere nel nostro lavoro".




Commenta con Facebook