• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Champions league > Real-Psg, Ancelotti: "Per Blanc sarà dura. A Madrid la mia esperienza più gratificante"

Real-Psg, Ancelotti: "Per Blanc sarà dura. A Madrid la mia esperienza più gratificante"

L'ex tecnico dei 'blancos' e dei parigini, dice la sua sul prossimo impegno di Champions League


Carlo Ancelotti e Florentino Perez (Getty images)

03/11/2015 16:55

CHAMPIONS LEAGUE REAL MADRID PSG ANCELOTTI RONALDO / ROMA - Carlo Ancelotti, ex allenatore di Real Madrid e PSG, ha detto la sua sul prossimo match di Champions League che vedrà in campo proprio le sue due ex squadre, guidate in campo da i due più forti attaccanti in circolazione: Ronaldo e Ibrahimovic. Ecco quanto riportato in esclusiva da 'goal.com': "Tutto può succedere, ma vincere a Madrid è più complicato. Il PSG nel primo match ha stentato a sfruttare al meglio tutto il possesso palla che ha avuto. Il Real Madrid si è difeso bene e alla fine è andato più vicino alla vittoria di quanto non sia andato il PSG. Per Blanc e la sua squadra il segreto è quello di capitalizzare il loro miglior possesso palla e credo sia proprio questo il problema che hanno avuto sin qui in stagione".

RAPPORTO FANTASTICO CON I BIG DEL REAL - Ancelotti, ultimo a vincere la Champions League a Madrid, è tornato sui rapporti umani instaurati con i big della squadra, soprattutto dopo l'esonero: "Mi aspettavo dei tweet di ringraziamento da Cristiano Ronaldo e Iker Casillas, ho avuto sempre un buon rapporto con loro - ha spiegato - Ho un ricordo fantastico di tutti loro. Forse il Real Madrid è stata la squadra che mi ha dato di più dal punto di vista professionale. Aver vinto la Champions League ha contribuito a costruire i nostri rapporti. Non ho mai avuto problemi. Le scelte che ho fatto sono state tutte accettate con grande professionalità. Per esempio, decidere chi fosse il titolare tra Casillas e Diego Lopez nella mia prima stagione non è stato facile".


V.M.




Commenta con Facebook