• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Favoloso Insigne, incubo Paletta

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Favoloso Insigne, incubo Paletta

Top e Flop della 7a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Lorenzo Insigne (Getty Images)
Emiliano Forte

05/10/2015 07:50

PAGELLONE SERIA A 7A GIORNATA INSIGNE PALETTA / ROMA - Grazie al netto successo sull'Atalanta ed al contemporaneo pareggio dell'Inter in casa della Samp, la Fiorentina prende il volo ed è sola in vetta alla Serie A dopo sette giornate di campionato. Da sottolineare nella formazione guidata da Paulo Sousa la grande serata di Borja Valero e del giovane talento Bernardeschi. Tra le fila atalantine da dimenticare la gara di Paletta che rimane in campo solo 4 minuti prima di lasciare i suoi in inferiorità numerica. La classe di Pjanic ed un Gervinho goleador travolgono il Palermo e rilanciano le ambizioni della Roma in chiave Scudetto. Dopo quello giallorosso arriva anche il poker del Napoli nel posticipo serale contro il Milan con protagonista assoluto un Lorenzo Insigne straripante. Tra i rossoneri c'è poco o niente da salvare con i difensori Zapata ed Ely apparsi in confusione totale.

 

TOP

 

5.Bernardeschi (Fiorentina) - Ha qualità notevoli e lo si vede dal fatto che le sue giocate non sono mai banali. Bello da vedere ma anche dannatamente efficace visto che prima manda in porta Blaszczykowski provocando l'espulsione di Paletta poi serve a Borja Valero un delizioso assist per il 2-0 viola. Gioiello. VOTO 7,5

 

4.Borja Valero (Fiorentina) - Il gioco pensato e voluto dal tecnico Paulo Sousa passa attraverso i raffinati piedi dello spagnolo che non butta via un pallone che sia uno. I compagni di squadra corrono e si muovono con i tempi giusti lui ricama e sfiora il gol dalla distanza che solo l'opposizione di Sportiello e del palo evitano. Ma la soddisfazione personale arriva comunque più tardi al termine di uno scambio da applausi con Bernardeschi. Imprescindibile. VOTO 7,5

 

3.Gervinho (Roma) - L'ivoriano è tornato. Sfianca i difensori avversari con continui scatti e allunghi eseguiti ad una velocità impossibile ai più. I gol si susseguono a ripetizione nelle ultime uscite quasi a sfatare l'etichetta di attaccante 'mangia-gol'. Spettacolare la prima delle due reti rifilate al Palermo: un destro a giro che s'infila all'incrocio dei pali al termine di un'irresistibile azione personale. Fulmine. VOTO 8

 

2.Pjanic (Roma) - Quando gioca ed è in giornata la Roma spesso e volentieri vince e convince. Tutto questo non è frutto del caso ma dello straordinario talento che il bosniaco è in grado di esprimere quando la palla passa dai suoi piedi. Un talento che abbinato all'efficacia e alla concretezza in zona gol (si veda l'uno-due con Florenzi che porta all'1-0) può davvero portare in alto questa Roma. Fuoriclasse. VOTO 8

 

1.Insigne (Napoli) - Momento magico per il geniale attaccante partenopeo, che continua a spingere i suoi sempre più in alto inanellando una serie di prodezze e di giocate da campione assoluto. Insigne nella notte di 'San Siro' ogni volta che tocca palla illumina il gioco azzurro, inventa per i compagni e conclude come mai aveva fatto prima. Grazie alle due prodezze con le quali supera Diego Lopez firma la prima doppietta in Serie A e si lancia verso la definitiva consacrazione. Magnifico. VOTO 8

 

 

FLOP

 

5.Luiz Adriano (Milan) - Quasi mai in partita, delude ancora di più nei momenti in cui cerca di entrarvi proponendosi come riferimento avanzato. Sbaglia tutto il possibile e si fa annullare dai centrali del Napoli. Spento. VOTO 4,5

 

4.Ely (Milan) - L'impressione è che stia soffrendo oltremodo il salto (troppo grande?) dalla Serie B al palcoscenico della Serie A con la maglia del Milan. In serate difficili come quelle in cui ti trovi al cospetto di grandi avversari come Higuain e compagni il giovane italo-brasiliano va subito in confusione e fatica a ritrovarsi. Intimorito. VOTO 4,5

 

3.Gonzalez (Palermo) - Protagonista in negativo dell'avvio shock del Palermo: insieme ai compagni di reparto concede enormi praterie ai vari Pjanic, Florenzi e Gervinho finendo col prendere tre gol in meno di mezz'ora. Davvero troppi gli errori di posizione ed i duelli persi in malo modo con gli attaccanti giallorossi. Cerca di riscattarsi nel finale con la rete del momentaneo 2-3 ma la gara ormai era già ampiamente compromessa. Confuso. VOTO 4

 

2.Zapata (Milan) - Le sue colpe sono evidenti sul gol di Allan dove il colombiano dimostra ancora una volta di attraversare un momento di smarrimento soprattutto quando si tratta di gestire con serenità il pallone. Prova a rimanere a galla lottando sul piano fisico con gli scatenati attaccanti partenopei ma ancora una volta a fine partita i conti non tornano. Annichilito. VOTO 4

 

1.Paletta (Atalanta) - Rimane in campo per 4 minuti durante i quali prima tiene in gioco Blaszczykowski che s'invola verso la porta atalantina poi lo stende provocando il rigore più espulsione che compromette definitivamente la gara dei suoi. Sciagurato. VOTO 3




Commenta con Facebook