• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-ROMA

PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-ROMA

Pjanic e Salah non bastano, Dzeko e' troppo molle. Gran serata per Viviano e Zukanovic, ma e' sempre Eder a essere decisivo


Dzeko (Getty Images)
Stefano Carnevali

23/09/2015 22:46

ECCO LE PAGELLE DI SAMPDORIA-ROMA:

 

SAMPDORIA

Viviano 7 - Nel primo tempo non è molto impegnato, ma compie due belle parate e gioca alla grande coi piedi. Miracolo al 12' della ripresa, quando dice di no alla punizione deviata di Pjanic. Bravo anche al 20' su Dzeko e poco più avanti su Salah.

Pereira 7 - Si limita - seppur con efficacia - a proteggere Barreto. Dovrebbe spingere un po' di più, perché con il passare dei minuti, Digne prende fin troppo campo. Torna in controllo dopo il vantaggio dei suoi.

Silvestre 6 - Gioca con il consueto carattere, ma esce dopo meno di mezz'ora per infortunio. Dal 29' Moisander 6,5 - Entra subito in partita, collezionando interventi precisi e dimostrandosi sempre concentrato.

Zukanovic 7 - Dalla sua parte non si sfonda: attento e preciso, non va mai in difficoltà. Nella ripresa si esalta. Soprattutto quando la Roma comincia ad attaccare con maggior continuità.

Mesbah 6 - Alti e bassi: pur non commettendo errori evidenti, non dà mai la sensazione di essere completamente a proprio agio.

Barreto 6,5 - Grande avvio di gara: protegge il centro-destra, ma ha anche la forza di andare regolarmente ad aggredire Digne, supportando le incursioni di Muriel. Chiusura determinante su Iago al 17'. Cede un po' di campo con il passare dei minuti, anche perché non è molto supportato da Pereira. 

Fernando 6,5 - Tendenzialmente si posiziona bene, però è troppo impreciso. Notevole, invece, il suo lavoro di filtro. Buon secondo tempo in cui è determinante per la fase difensiva. 

Soriano 5,5 - Prova qualche percussione verticale, ma non è molto incisivo. Nella seconda parte della gara torna sulla trequarti, ma la Samp entra in modalità difensiva. 

Correa 5,5 - E' molto bello da vedere, ma non altrettanto efficace: svaria su tutta la trequarti senza accendersi mai. Dal 60' Ivan 6 - Cerca di dare sostanza e copertura. Piace soprattutto per il buon piazzamento tattico. 

Eder 7 - Latita per quasi tutto il primo tempo. Nell'unica fiammata che produce si fa recuperare da Manolas. Sblocca la gara in avvio di ripresa con una punizione molto velenosa. Si accende ancora nel finale, quando procura l'autorete di Manolas. 

Muriel 5,5 - Grande avvio: è lui a creare i maggiori grattacapi alla Roma. Poi si spegne un po' troppo. Dal 78' Cassano SV - Qualche giocata delle sue, nei pochi minuti a disposizione. 

All. Zenga 7 - Nessuna paura: terzini di spinta e Correa dietro le punte, con Soriano mezz'ala. Dopo un avvio intraprendente, però, la Samp preferisce sfruttare maggiormente le ripartenze. Dopo il vantaggio la Samp si sacrifica molto in fase difensiva. Regge a lungo e ha anche la forza di tornare in vantaggio, abbattendo la Roma con l'ennesima ripartenza rapidissima. 

 

ROMA

De Sanctis 5,5 - In avvio la Samp lo spaventa un po'. Non deve comunque effettuare vere parate. Non sembra assolutamente impeccabile in occasione della punizione di Eder che porta in vantaggio la Samp. Non convince nemmeno nelle (poche) parate successive, così come sull'autorete di Manolas.

Florenzi 5,5 - Meno brillante del solito, limita evidentemente le proprie sortite. Anche perché, dalla sua parte, operano sia Soriano, sia Eder. Un po' meglio nel cuore della ripresa, ma non basta. 

Manolas 5 - Sempre solido. Al 26' è costretto a un tackle di gran difficoltà su Eder, rischiando anche il fallo in piena area. Bravissimo anche al 32', in recupero su Muriel. Rovina tutto con la sciagurata autorete nel finale. 

De Rossi 6 - Sotto pressione nei primi minuti, risolve più di una situazione spinosa. Al 26' mette in grave difficoltà Manolas, cercando di controllare un lungo lancio avversario. Da lì va un po' fuori giri e comincia a soffrire maggiormente la rapidità degli avversari.

Digne  5,5 - Fatica all'inizio: è dalla sua parte che la Samp sfonda con maggior regolarità. Con il passare di minuti acquisisce confidenza e propositività. A conti fatti, però, non convince del tutto. 

Pjanic 6,5 - Si vede un po' a sprazzi per tutto il primo tempo. Quando s'accende, però, è sempre produttivo: il gioco della Roma passa sempre dai suoi piedi. Suo anche il tiro più pericoloso dei giallorossi in tutto il primo tempo. Nella ripresa catalizza la totalità del gioco giallorosso: nel bene e nel male gli uomini di Garcia si appoggiano a lui.

Keita 6 - Prudente: il ritmo degli avversari lo spaventa un po', allora si accontenta di presidiare la sua zona, cercando di non scoprire la difesa. 

Nainggolan 6 - Grave errore al 12' quando, da posizione favorevolissima, spara a lato. Il suo primo tempo è poco positivo: tanti errori di misura e di posizionamento. Cresce per intensità e quantità nella ripresa. Dall'86' Ucan s.v.

Salah 6,5 - Parte con intraprendenza, risultando più efficae di Iago. Poi anche lui cala, faticando a trovare spazio e a giocare in velocità. Nella ripresa, pur non diventando travolgente, cresce per efficacia e trova anche l'importantissimo gol del pareggio. Da lì in poi aumenta notevolmente la qualità delle giocate. Dall' 86' Iturbe s.v.

Dzeko 5,5 - Davvero poco coinvolto dalla manovra della Roma. Nel primo tempo, di fatto, calcia solo una volta verso Viviano, dopo essersi costruito l'occasione tutto da solo. Male nella prima metà della ripresa: troppi tocchi errati, molle. Più vivace nel finale, ma deve dare di più.

Iago Falque 5 - Dopo un avvio timido (anche per via di un pestone subito immediatamente), cresce un po'. Rispetto al solito, però, è decisamente meno preciso. Dal 60' Gervinho 5,5 - Utile per la velocità che sfrutta anche in fase di recupero. In avanti crea un po' di scompiglio, ma non è troppo incisivo.

All. Garcia 5,5  - Ripropone i 'titolarissimi', ma la serata non è facile: la Samp gioca con coraggio e grande ritmo. La Roma, di conseguenza, fatica a imporre il proprio gioco. Con il passare dei minuti i giallorossi cominciano a fare la partita, anche se non riescono ad essere particolarmente pericolosi. La pressione continua vale il pareggio meritato, ma resta inquietante che non esista un 'piano B' dal punto di vista tattico. Nel finale il crollo, anche se sfortunato.

 

Arbitro: Banti 5 - Decisione delicata al 26': ammonisce Eder dopo un contatto con Manolas in area: giusto non concedere il penalty, ma non ravvisare la simulazione dell'attaccante blucerchiato. Tollera un po' troppo i falli tattici dei giallorossi. In avvio di ripresa la Roma protesta per un 'mani' di Moisander in area: sembra giusto lasciar correre, perché il pallone schizza prima sul piede e poi sul braccio dell'ex Ajax. Resta qualche dubbio, però, perché il difensore di casa operava con il braccio molto aperto. Dubbi anche al 29': Barreto mette giù Dzeko al limite dell'area e sembra errato non concedere la punizione. 

 

TABELLINO

SAMPDORIA-ROMA 2-1

SAMPDORIA (4-3-1-2): Viviano; Pereira, Silvestre (dal 29' Moisander), Zukanovic, Mesbah; Barreto, Fernando, Soriano; Correa (dal 60' Ivan); Eder, Muriel (dal 78' Cassano). All. Zenga. A Disp: Krsticic, Carbonero, Bonazzoli, Lazaros, Palombo, A. Rodriguez, Rocca, Brignoli, Regini.

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Florenzi, Manolas, De Rossi, Digne; Pjanic, Keita, Nainggolan (dall'86' Ucan); Salah (dall'86' Iturbe), Dzeko, I. Falque (dal 60' Gervinho). All. Garcia. A Disp: Ponce, Lobont, Emerson, Vainqueur, Castan, Pop, Torosidis, Gyomber, Maicon.

Arbitro: Banti

Marcatori: 50' Eder (S); 69' Salah (R); 85' aut. Manolas (R)

Ammoniti: 30' De Rossi, 45' + 2' Pjanic, 52' Digne (R); 26' Eder, 54' Fernando, 56' Correa, 73' Barreto, 90'+1' Mesbah, 90'+ 2' Zukanovic  (S)

Espulsi:

Note:  




Commenta con Facebook