• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli, una settimana per rinascere. Ecco cosa è cambiato (e cosa no)

Napoli, una settimana per rinascere. Ecco cosa è cambiato (e cosa no)

Gli azzurri sono vicini alle semifinali di Europa League e in corsa per il secondo posto


Marek Hamsik (Getty Images)

20/04/2015 18:10

NAPOLI SETTIMANA FORMAZIONE CAMBI BENITEZ / ROMA - Il Napoli si è ritrovato e ha inanellato tre successi pesantissimi per il finale di stagione. Una settimana da favola per gli azzurri, che sono passati dall'eliminazione in casa in Coppa Italia contro la Lazio ai grandi successi in Europa League e in campionato, tornando in corsa per il secondo posto. Da cosa è passata la rinascita della squadra di Benitez? Non solo dal ritiro.

Analizzando il rendimento dei giocatori nelle ultime due settimane si scopre che la crescita è stata pressoché collettiva, con i soli Andujar e Maggio capaci di ben figurare anche nel periodo di crisi. Benitez ha ritrovato nella sua faretra la freccia Strinic, ma anche un solidissimo Koulibaly e un Gargano capace di far girare il centrocampo: quasi per osmosi Albiol, Inler e Jorginho ne hanno beneficiato. Sorprende il nuovo rendimento anche sulla trequarti, vera arma in più del Napoli: Callejon e Hamsik, ora, si trovano quasi a occhi chiusi. E se si guarda alla ritrovata precisione di Mertens sotto porta, al tanto atteso rientro di Insigne e al solito, devastante Higuain, non stupisce come il Napoli sia riuscito in sette giorni a rimettere in piedi una situazione che sembrava parzialmente compromessa. Perché con un organico del genere, quando la testa e le gambe riprendono a girare, i risultati non possono che far sorridere.

M.T.




Commenta con Facebook